Monte San Giorgio -1097 mt- (da Meride anello per Crocifisso).


Published by GAQA , 28 January 2018, 18h32.

Region: World » Switzerland » Tessin » Sottoceneri
Date of the hike:28 January 2018
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Lago Ceresio 
Time: 4:00
Height gain: 600 m 1968 ft.
Height loss: 600 m 1968 ft.
Access to start point:Varese - Viggiù - Saltrio - Confine di Stato Arzo (CH) - Arzo (CH) - Meride (CH) - parcheggio ampio e gratuito, sulla sinistra, poco prima di raggiungere il paese, in corrispondenza di alcuni containers della raccolta differenziata dei rifiuti.

Poco prima di raggiungere il piccolo paese di Meride 580 mt, caratterizzato da strette vie e armoniosi vigneti, lascio l'auto nel ampio parcheggio 540 mt, ben segnalato, in prossimità di alcuni containers utilizzati per la raccolta differenziata dei rifiuti.

A piedi raggiungo il centro paese e individuo le paline gialle segnavia. La meta odierna, ovvero: Monte San Giorgio viene indicato e segnalato da diversi percorsi. Seguirò quello per Cassina risalendo la via San Silvestro di Meride. L'itinerario è molto semplice: ampia e agevole mulattiera selciata all'interno di un fresco bosco.

Giunto a Cassina 886 mt, dove è presente una cappelletta religiosa e una baita privata (Rifugio Adenofora) mi ritaglio una breve pausa. Ripresa la marcia, il fitto bosco lascia spazio ad alcuni poggi prativi molto panoramici, arrivando nei pressi di un vecchio e abbandonato rifugio. Dopodiché in breve tempo risalendo l'ultima breve rampa, dolce e prativa, raggiungo il: Monte San Giorgio 1097.

Montagna di modesta altitudine ma estremamente panoramica. Oltre alle note e vicine montagne Ticinesi, la visuale si estende su tutto l'arco alpino occidentale. Quest'oggi a causa di inversioni termiche mi ritrovo dinanzi ad un Ceresio attorcigliato e ingabbiato da spettacolari formazioni di nubi in basso, in alto invece, un limpido cielo e tantissime stupende montagne. Mi siedo su una panchina e mi godo lo spettacolo. La vetta per ora non è sotto assedio.

Per la discesa, ripercorro un brevissimo tratto lo stesso tragitto utilizzato all'andata, dopodiché intercetto il sentiero per Crocifisso che mi permetterà di scendere sulla strada asfaltata di collegamento: Serpiano - Meride. Alla località Crocifisso 670 mt, riconoscibile da: una panchina, piccolo manufatto religioso e qualche spazio auto, svolto a sinistra e mi avvio verso Meride prestando attenzione alle auto. Poco prima di raggiungere l'abitato, scovo un sentierino che costeggia il corso d'acqua, divallo di qualche metro e scatto alcune foto all'interno di un canyon molto suggestivo attraversato da una splendida cascata. Dopo la digressione ritorno sulla strada asfaltata e a Meride chiudo questo breve giro ad anello.

NOTE: Sentieri ben segnalati, agevoli, classificabili: T1 / T2.

Hike partners: GAQA


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T1 F
T2 II
T2
T1
T2

Comments (4)


Post a comment

Poncione says:
Sent 28 January 2018, 21h50
Bravo Ale, ti sei fatto comunque un bel giretto trovando panorami altamente suggestivi. Oggi tutti i laghi erano nella morsa delle nubi e ciò ha favorito visioni veramente stupende. ;)
Ciao

GAQA says: RE:
Sent 29 January 2018, 08h07
Grazie mille Emi. Ieri Meride, sembrava un mondo a parte isolato, un oasi di pace già un clima primaverile. Poi il "gioco di nubi" ha reso il paesaggio dalla cima molto suggestivo e spettacolare !
Alla prossima:)
Alessandro

Panoramix says:
Sent 29 January 2018, 18h46
Hai scritto "La vetta per ora non è sotto assedio" ... perche' ? E' un posto cosi' gettonato ?

GAQA says: RE:
Sent 29 January 2018, 19h30
Ciao Marco. In ogni caso è un posto con un panorama incredibile per vastità, scenari e se così fosse, viene giustamente frequentato. Comunque mentre scendevo ho incrociato gente, tenendo conto che questa montagna ha tanti accessi, tutti molto agevoli e facili, deduco che in orario di punta dei weekend e giorni festivi la vetta rimane un po' affollata, soprattutto nelle belle giornate. Probabilmente la nebbia in città e nelle pianura e' stata un deterrente.
Ci sentiamo:)
Alessandro


Post a comment»