Cima del Tiglio -2546 mt- (da Carcoforo).


Publiziert von GAQA , 17. Oktober 2017 um 22:58.

Region: Welt » Italien » Piemont
Tour Datum:15 Oktober 2017
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 5:15
Aufstieg: 1250 m
Abstieg: 1250 m
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Varallo in direzione Alagna Valsesia S.P 299 e, giunti alla rotatoria di Balmuccia, svoltare a destra verso Carcoforo, dopo Rimasco la strada della Val Sermenza si divide : a sinistra Rima San Giuseppe a destra Carcoforo.

Gran bella giornata trascorsa in Valsesia, in compagnia dell'amico Giorgio, salendo su una cima che da tempo desideravo: Cima del Tiglio 2546 mt.

Giunti in auto a Carcoforo 1304 mt, armonioso e incantevole paesino di fondovalle della Valle d'Egua, lasciamo l'auto nell'ampio piazzale. Il segnavia da seguire e' il  numero 112, sentiero GTA per il Colle del Termo 2351 mt, nostra tappa intermedia collocata sul displuvio:  Val Sermenza lato di Rima e Val d'Egua lato di Carcoforo. Si percorre inizialmente una larga carrareccia, dove i sentieri numeri: 112 (il nostro) e, il 113 diretto al Colle della Bottiggia 2626 mt, vanno di pari passo fino ad un bivio, ben segnalato, dividendosi poi in due itinerari ben definiti.

Individuato il sentiero 112, l'agevole tracciato ci permetterà di transitare per i seguenti alpeggi: Alpe Selva Bruna 1450 mt, Alpe Trasinera Bella 1930 mt, ed infine, Alpe del Termo 2060 mt. Dopo aver superato l'ultimo di questi tre alpeggi, il sentiero attraverserà un silenzioso e ampio pianoro, a tratti pietroso, con ometti ben posizionati. Da questa conca panoramica, la Cima del Tiglio, è proprio sopra di noi, leggermente spostata verso destra e si mostra in tutta la sua bellezza. Il sentiero invece, traversa in direzione opposta, verso sinistra, segue fedelmente una traccia sempre ampia e raggiunge il: Colle del Termo 2351 mt.

Dal Colle del Termo provenendo da Carcoforo, la nostra meta é a destra. A titolo informativo aggiungo che: la Cima Lampone 2584 mt, altra bella montagna della Valsesia, é a sinistra, ma per raggiungerla é richiesta una dote più alpinistica.

Quindi, dal Colle del Termo, sono ben visibili due tracce : una alta, che rimane sul filo di cresta, ed una traccia bassa, che traversa a sinistra, illudendo che possa aggirare facilmente i nuovi paravalanga. Traccia di sentiero, quest'ultima, che invece si perde nel ripido pendio Sud della Cima del Tiglio, costringendo poi un improvvisata e libera salita sui ripidi prati, idea che sconsiglio visto le pendenze e la tipologia di terreno.

Il percorso migliore, invece, che consiglio é il medesimo: dal Colle del Termo seguire la traccia alta di sentiero, evidente e ampio zig-zag, fino all'inizio dei paravalanga dove a questo punto la traccia diviene labile fino a perdersi completamente. Si può di conseguenza rimanere ancora alti sul filo di cresta, porgendo le dovute attenzioni ai salti rocciosi ed esposti sul lato di Carcoforo. Oppure come nel nostro caso, evitando l'esposizione, si può proseguire risalendo liberamente il pendio, ripido e scosceso, attraversando i primi paravalanga, passando praticamente all'interno nello spazio tra uno e l'altro, cercando in questa maniera i passaggi migliori. Dopo un impegnativa pendenza, finalmente il pendio si raddrizza e troviamo il grosso ometto che rappresenta l'anticima. Ora una breve crestina frastagliata e cosparsa di roccette, sufficientemente ampia e agevole, ci permetterà velocemente di collegarci con la meta finale e, concludere questa bella salita: Cima del Tiglio 2546 mt.

Favolosa panoramica e giornata di grande soddisfazione. Discesa medesimo itinerario di salita.

NOTE : Escursione classificabile T2: da Carcoforo fino al Colle del Termo, seguendo un facile e bel sentiero GTA segnalato.
Il tratto finale e' da classificare T3: ovvero dal Colle del Termo fino alla Cima del Tiglio. In quanto sono assenti i segnavia e ometti. Si risale un ripido, scosceso e impegnativo pendio, cercando tracce più o meno visibili. Probabilmente la posa dei nuovi paravalanga ha compromesso, in parte, la visibilità delle tracce precedenti e i passaggi più agevoli, modificandone, in questa maniera il percorso.

Tourengänger: GAQA


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (6)


Kommentar hinzufügen

ralphmalph hat gesagt:
Gesendet am 18. Oktober 2017 um 12:32
..la classica giornata perfetta...bella cima, panorami super, meteo eccezzionale....tutto alla perfezione!!!
Bravo anche per il dettagliato report della salita...
Alla prossima, ciaoo
Graziano

GAQA hat gesagt:
Gesendet am 18. Oktober 2017 um 20:02
Ciao Graziano, ti ringrazio. Ti auguro una giornata come questa il giorno che salirai alla Cima del Tiglio. Il Palcoscenico sul Rosa, e' sempre il giusto premio :)
Alla prossima.
Alessandro

Poncione hat gesagt:
Gesendet am 18. Oktober 2017 um 13:46
Beh, vista l'idea iniziale ;) direi che ci hai guadagnato alla grande... Mi avevi parlato di questa cima, e il suo momento è giunto.
Ciao Ale

GAQA hat gesagt:
Gesendet am 18. Oktober 2017 um 20:08
Ciao Emi vero:)
Per te e soci, da queste parti c'è la: Cima Lampone adatta a voi:):).
Un escursionista di medio livello, come me, si può benissimo accontentare della Cima del Tiglio.
In ogni caso un bel ambiente e non sempre preso d'assalto, dal lato di Carcoforo nessuno in giro sul sentiero.
Alla prossima
Alessandro

Panoramix hat gesagt:
Gesendet am 20. Oktober 2017 um 22:16
Ciao Alessandro ... hai proprio fatto le scelte giuste ... sia come giornata sia come meta ... piu' o meno come quando sei stato sul Capio ... ma dal Tiglio il Rosa e' ben piu' vicino ... o no ?

GAQA hat gesagt: RE:
Gesendet am 21. Oktober 2017 um 08:45
Ciao Marco, grazie mille.
Devo dire che dalla Cima del Tiglio, il massiccio del Rosa rimane più vicino rispetto al Monte Capio. Anche quella gita autunnale la ricorderò una tra le più panoramiche :)
Alla prossima.
Alessandro


Kommentar hinzufügen»