COVID-19: Current situation

Passeggiata nella Tremezzina- Lario


Published by morgan , 13 January 2015, 22h56.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:28 December 2014
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 5:00
Height gain: 420 m 1378 ft.
Height loss: 420 m 1378 ft.
Route:Lenno (220)- Lago(200)- Greenway del Lario- Campo- Ossuccio- Torre del Soccorso- Madonna del Soccorso (419)- Deviazione Orrido- Via delle cappelle- Lenno- Mezzegra- Giulino di Mezzegra- Greenway- lago- Lenno

Passeggiata nella Tremezzina alla ricerca degli aspetti paesaggistici, naturalistici, culturali e storici di cui è ricca questa zona sul Lario.
Lasciamo la macchina nel parcheggio accanto al cimitero di Lenno e scendiamo alla piazza del lungolago dopo aver visitato il presepe nel battistero. Troviamo i cartelli della "Greenway del Lario" e ne seguiamo il percorso in direzione del dosso di Lavedo. Avevo visto che era stato tracciato un sentiero con aree di sosta e punti panoramici che saliva sul dosso boscoso per poi scendere a Villa Balbianello. Avevo intenzione di percorrere questo tracciato. Giunti sulla strada di accesso alla villa vediamo che il cancello è chiuso e, di conseguenza, anche il sentiero non è accessibile. La cosa mi lascia perplesso ma sono costretto a rinunciare al mio intento. Proseguiamo sulla greenway percorrendo strette stradine acciottolate tra le ville in riva al lago. Arriviamo al borgo di Campo e, superato il ponte pedonale sul torrente Perlana, raggiungiamo Ossuccio. Lasciamo il percorso della Greenway scendiamo ad un porticciolo sul lago dove, superato uno scivolo per imbarcazioni, saliamo su una passerella che porta al parco pubblico di Ospitaletto. Passiamo dai portici sotto il famoso campanile della chiesa di Santa Maria Maddalena, immagine simbolo del Lario. Passiamo dalle caratteristiche viuzze del borgo quindi risaliamo sulla strada statale. Dopo un centinaio di metri svoltiamo a destra prendendo la Via Santuario, acciottolato che sale ad Ossuccio. Svoltiamo a sinistra sulla Via alla Torre, ripida mulattiera che sale tra i campi aprendosi ad ampie panoramiche. Raggiunto un bivio pieghiamo a sinistra sul sentiero pianeggiante che conduce alla Torre del Soccorso detta anche del Barbarossa. La torre, di proprietà del FAI, è in fase di restauro e non è accessibile. Torniamo al bivio precedente per svoltare a sinistra e salire al Santuario della Madonna del Soccorso. Dopo la visita nel santuario iniziamo la discesa lungo la via delle cappelle. Avevamo visitato altre volte la Via Sacra quindi non ci soffermiamo più di tanto alle cappelle. Facciamo una breve deviazione per andare a vedere l'orrido del torrente Perlana. Scesi alla prima cappella attraversiamo il ponte e ci spostiamo sulle vie della parte alta di Lenno. Seguendo le indicazioni per Mezzegra attraversiamo una valle e risaliamo alla frazione di Pola. Percorriamo una strada panoramica che ci porta alla chiesa parrocchiale di Mezzegra. Proseguiamo tra le vie del paese andando a vedere alcuni presepi. Dopo alcuni giri troviamo un luogo storico. A Giulino di Mezzegra davanti al cancello di Villa Belmonte il 28 aprile 1945 erano stati giustiziati Benito Mussolini e Claretta Petacci. Torniamo verso Lenno ritrovando il percorso della Greenway. Dopo aver attraversato la statale scendiamo sul lungolago tornando alla piazza del battistero di Lenno. Risaliamo al parcheggio chiudendo l'anello.
Partecipanti: Dario, Rita.
Tempi di percorrenza: 5h05' il giro (4h18' di marcia e 47' di soste).
Lunghezza del percorso: 12,0 km.
Meteo: bello.
 


Hike partners: morgan


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (2)


Post a comment

numbers says:
Sent 14 January 2015, 09h07
Gran bel giro.....
è da tanto che mi riprometto di fare la green-way
o almeno qualche pezzo.

Ciao

morgan says: RE:
Sent 14 January 2015, 12h43
In realtà di greenway ne abbiamo percorsa poco ma la zona è tutta panoramica e con tante cose interessanti da vedere che si possono inventare percorsi alternativi egualmente interessanti. Ciao.
Dario


Post a comment»