Trekking tra i Cadini di Misurina e le Dolomiti di Sesto


Published by Alberto C. Pro , 3 October 2013, 02h21.

Region: World » Italy » Trentino-South Tirol
Date of the hike:12 September 2013
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Via ferrata grading: PD-
Waypoints:
Geo-Tags: I   Cadini di Misurina   Monte Paterno   Paternkofel 
Time: 6 days
Height gain: 5105 m 16744 ft.
Height loss: 5105 m 16744 ft.
Route:(1) Piano Fiscalino - Rifugio Locatelli; (2) Rifugio Locatelli - Rifugio Auronzo - Rifugio Fonda Savia per il Sentiero Bonacossa - Forcella del Nevaio - sentiero Durissini - Rifugio Fonda Savio; (3) Rifugio Fonda Savio - Rifugio Auronzo per il Sentiero Bonacossa - Rifugio Lavaredo - Forcella del Camoscio (Monte Paterno) - Ferrata del Paterno in discesa verso RIfugio Locatelli - Rifugio Lavaredo; (4) Rifugio Lavaredo - Rifugio Pian di Cengia - Croda Fiscalina di mezzo - Rifugio Zsigmondy; (5) Strada degli Alpini - Passo della Sentinella - Rifugio Berti al Popera; (6) Rifugio Berti - ex Rifugio Sala - Prati di Croda Rossa - Piano Fiscalino
Access to start point:Da Milano: Autostrada A4 fino a Peschiera del Garda; prendere Superstada che porta ad Affi; ad Affi prendere l'autostrada A22 (del Brennero) in direzione del Brennero; uscire a Bressanone e percorrere la Strada statale della Valle Pusteria fino a San Candido; svoltare a destra per Sesto. Attraversato Sesto e giunti a Moso, prendere sulla destra via Val Fiscalina e percorrerla fino a dove è consentito: ampio parcheggio a pagamento (€/giorno 3,00 - neppure tanto).

 
Un settore di Dolomiti per me nuovo: i Cadini di Misurina, e le Dolomiti di Sesto, forse le Dolomiti più severe; per me più belle. Le ho unite in questo trekking.

La Strada degli Alpini la ritengo uno dei percorsi più belli delle Dolomiti.  Storia, natura dall'aspetto ancora selvaggio, panorami mozzafiato, sono gli aspetti che si vivono lungo il suo tracciato. Le difficoltà tecniche non sono particolarmente rilevanti, ma alcuni tratti esposti e le variabili ambientali:  neve, ghiaccio o, semplicemente, il bagnato,  non devono far pensare ad un'escursione facile.

1° giorno, 12-09-2013: dal Piano Fiscalino  (Fischleinboden) al  Rifugio Locatelli (Drei Zinnen Hütte).
 Percorso: Si segue il sentiero 102 ( Capanna di Fondovalle, poi agevole sentiero sempre ben segnalato.
Salita:   m 961
Discesa: m 0   0 
Quota massima: m 2438: Rifugio Locatelli (Drei Zinnen Hütte)
Tempo: ore 2.25
Distanza: km 6,9
Meteo:     Molto variabile con prevalenza di nubi; anche qualche fiocco di neve in prossimità del Rifugio. 

 2° giorno, 13-09-2013: dal   Rifugio Locatelli (Drei Zinnen Hütte)  al Rifugio Fonda Savio + Sentiero Durissini.
Percorso:   Raggiunta Forcella Lavaredo con il sentiero 101, abbiamo poi proseguito fino al Rifugio Auronzo. Al Rifugio Auronzo, prendendo la direzione sud, abbiamo imboccato il sentiero Bonacossa (117), in parte attrezzato, fino al Rifugio Fonda Savio.
Considerato che c'era ancora l'intero pomeriggio disponibile, abbiamo deciso di tentare la ferrata Merlone che raggiunge la vetta del Cadin di Nord-Est (m 2788); ma all'attacco della ferrata, un insistente nevischio che iniziava a depositarsi al suolo, ci ha fatto desistere. Tornati al Rifugio? Certamente no. Abbiamo puntato comunque in alto raggiungendo la  Forcella del Nevaio (m 2646) con qualche breve tratto attrezzato.  Da questa, attraverso una facile ferrata, siamo scesi al Ciadin de le Pere (m 2420)  dove abbiamo imboccato il Sentiero Durissini. Con un su e giù in un severo e bello ambiente, toccando altre 4 forcelle: Cristina (m 2390), Ciadin Deserto (m 2407), Sabbiosa (m 2440) e  Torre (m 2402), siamo ritornati al  Rifugio Fonda Savio un po' stanchi ma soddisfatti.
 Difficoltà Fino al Rifugio Auronzo si percorre una "autostrada". Il Sentiero Bonacossa presenta qualche tratto attrezzato, ma un solo punto è un po' difficile a causa della roccia bagnata e scivolosa. I tratti attrezzati per la salita alla Forcella del Nevaio sono brevi e facili; un poco più difficili e leggermente esposti, i tratti attrezzati per la discesa nel versante opposto. Il Sentiero Durissini presenta  tratti attrezzati facili.
 Salita: m 1369
Discesa:  m 1377
Quota massima: Forcella del Nevaio, m 2648
Tempo: ore 8.30
Distanza: km 18
Meteo:    Poco nuvoloso, temperatura fredda e vento a tratti fastidioso; nel pomeriggio anche qulche fiocco di neve. Miglioramento nel tardo pomeriggio.

 3° giorno, 14-09-2013: dal Rifugio Fonda Savio  al Rifugio Lavaredo + salita al Monte Paterno fino alla Forcella del Camoscio .
Percorso.     P Percorso il Sentiero Bonacossa, già percorso il giorno prima,  a ritroso fino al Rifugio Auronzo, e da questo al Rifugio Lavaredo. Nel pomeriggio tentata la salita al Monte Paterno dalla Forcella Lavaredo, ma ci siamo fermati alla Forcella dei Camosci a causa dell'ora ormai avanzata e dell'eccessivo affollamento che costringeva ad una progressione lenta. Discesa per il versante opposto: ferrata e gallerie, fino alla Salsiccia (Frankfurter Wurstel). Da qui, per il sentiero alto, fatto ritorno alla  Forcella Lavaredo e al  Rifugio Lavaredo.
Difficoltà:  Il Sentiero Bonacossa è classificabile come una ferrata facile. La salita alla Forcella dei Camosci è una ferrata facile, leggermente più difficile la discesa dal versante opposto, sempre con una ferrata.
Salita: m 900
Discesa:  m 885
Quota massima: Forcella del Camoscio m 2650
Tempo: ore 7.30
Distanza: km 14,50
Meteo:    Variabile con prevalenza di sole; sempre freddo.

 4° giorno, 15-09-2013: dal  Rifugio Lavaredo  al Rifugio Zsigmondy passando per le Crode Fiscaline (Oberbachern Spitze)
Percorso.  Sentiero 104 fino al Rifugio Pian di Cengia. Da qui salita alle Crode Fiscaline e discesa al Rifigio Zsigmondy per una traccia di sentiero, non segnalato ed a tratti invisibile, attraverso un canalone.
Difficoltà Agevole sentiero, praticamente una stradina, fino alla Forcella Pian di Cengia (Bülelejoch); poi sentiero fino al Rifugio Pian di Cengia (T2). La salita alla Croda Fiscalina di Mezzo (Oberbachern Spitze) e la discesa per il canalone è classificabile per escursioni esperti (T2). Nel canalone bisogna avere un po' di senso dell'orientamento in quanto la traccia è evidente solo nella parte bassa e a tratti è assente.
Salita: m 614
Discesa:  m 711
Quota massima: Croda Fiscalina di Mezzo  m 2675
Tempo: ore 3.55
Distanza: km 9
Meteo:    Nuvoloso. Inizialmente nubi alte che si sono abbassate nel primo pomeriggio fino a quota poco superiore a 2000.
 55555
5° giorno, 16-09-2013: dal  Rifugio Zsigmondy-Comici  al Rifugio A. Berti al Popera attraverso la Strada degli Alpini ed il Passo della Sentinella.
Percorso:   L'intero percorso è contrassegnato dal segnavia 101.  Dal Rifugio si perde leggermente quota, per poi risalire in diagonale i ghiaioni  della Croda dei Toni. Poco sotto la Forcella Giralba si  costeggia la sponda sinistra del Lago Ghiacciato (Eissee), ormai ridotto ai minimi termini. Si perde ancora qualche metro di quota trascurando la traccia (palina segnaletica) che si stacca sulla destra in direzione del Monte Popera. Ancora un  breve tratto e ci si porta sotta una parete rocciosa dove ha inizio la "Strada degli Alpini".
Si percorre una cengia orizzontale (in gran parte artificiale)  attrezzata con fune, e da subito strapiombante.  Si aggira la parete  e ci si infila in una stretta ansa  che in corrispondenza di un canale che presenta un ripido, anche se breve, nevaio da attraversare (mancano protezioni; fare attenzione in caso di neve ghiacciata.  Si percorre il lato opposto dell'ansa ritornando alla  luce. Proseguendo lungo la cengia con andamento pressoché orizzontale, si supera una passerella in legno e si supera un altro nevaio più ampio del precedente ma attrezzato con una fune. La cengia  termina in  un largo canalone con ancora neve. Lo si attraversa e dopo un breve tratto che contorna la Torre Undici, il sentiero si inerpica guadagnando in pochi minuti parecchi metri, e ci si porta su una cengia superiore più aperta e meno esposta. Superata una vecchia postazione militare, si prosegue su una  cengia ghiaiosa fino a raggiungere Forcella Undici.  Dalla forcella  è possibile scendere lungo segnavia 124  per ripide serpentine sul Vallon Sentinella e quindi in Val Fiscalina; la via percorsa da Jacopo e Susanne.
 La Strada degli Alpini prosegue a destra  verso il Passo Sentinella che si raggiunge percorrendo una ferrata di moderata difficoltà.  I punti salienti della ferrata sono una scaletta  ed un successivo attraversamento di uno canale oltre il quale ci si inerpica su una paretina appena strapiombante che aggira uno spigolo. Poi, con l'aiuto di funi quasi verticali ci si porta su un terrazzo  ed ancora su  una cengia esposta seguita da un viscido  ponte di legno. Ancora un canalino ed una cengia esposta  e si giunge al  bivio per la  discesa attrezzata per il Vallon Sentinella. Proseguendo sulla destra si  sale lungo un tratto attrezzato con funi, terminato il quale alcuni tornanti su ghiaie portano al Passo della Sentinella (m 2717) .
La discesa verso il Rifugio Berti avviene attraverso il Vallon Popera per una evidente traccia, inizialmente molto ripida.
Difficoltà  La Strada degli Alpini, fino a Forcella Undici, è una ferrata facile - mi azzarderei a classificarlo un sentiero attrezzato. Si sviluppa orizzontalmente e presenta sempre una accentuata esposizione. Bisogna prestare attenzione nell'attraversamento dei nevai che sono piuttosto ripidi e possono essere problematici in caso di neve dura.
La salita al Passo della Sentinella è una ferrata moderatamente difficile. Essendo costantemente in ombra può presentare punti ghiacciati.
La discesa per il Vallon Popera, nel tratto iniziale è molto ripida.
Salita: m 769
Discesa:  m 1045
Quota massima: Passo della Sentinella m 2717
Tempo: ore 6.50
Distanza: km 15,60
Meteo:    Inizialmente bello, poi è andato peggiorando. Arrivati al Rifugio Berti con qualche goccia di pioggia. Passo della Sentinella anche questa volta in mezzo alle nubi.


 6° giorno, 17-09-2013: dal Rifugio A. Berti al Popera   al Piano Fiscalino  (Fischleinboden) .
Percorso.  Si sarebbe potuto rientrare in Valle Fiscalina attraverso la Croda Rossa (Ferrata Zandonella), ma la neve al suolo l'ha sconsigliato. Quindi abbiamo fatto la vi più diretta percorrendo i sentieri  124 e 15a, passando per l'ex Rifugio Olivo Sala ed i Prati di Croda Rossa.
Difficoltà T"   TTtT2. Un breve tratto attrezzato.
Salita: m 492
Discesa:  m  1076
Quota massima: m 2103 nei pressi dei ruderi dell'ex Rifugio Olivo Sala
Tempo: ore 4.30
Distanza: km 10,40
Meteo:    Nella notte è nevicato, ed al suolo ci sono circa cm 10 di neve. A colazione ancora nevischiava, ma poi è seguito un rapido miglioramento. Temperatura sempre fredda: veniva voglia di infilarsi i guanti.



Hike partners: Alberto C.


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Geodata
 18105.gpx Sentiero Bonacossa
 18106.gpx Sentiero Durissini
 18107.gpx Sentiero Bonacossa, ritorno
 18108.gpx Monte Paterno
 18109.gpx Rifugio Lavaredo - Rifugio Zsigmondy
 18110.gpx Strada degli Alpini
 18111.gpx Rientro dal Rifugio Berti
 18112.gpx Rifugio Locatelli

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Post a comment»