COVID-19: Current situation

Canalone del Generoso


Published by stellino , 26 December 2012, 13h53. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Sottoceneri
Date of the hike:23 December 2012
Mountaineering grading: PD
Climbing grading: III (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Monte Generoso 

Il "leggendario" Canalone del Generoso !!!

Itinerario selvaggio, un poco pazzo, imboscato, selvatico, una ravanata senza fine, una cavolata, una figata... in tanti me ne hanno parlato, ognuno con parole e impressioni diverse.
Bisognava andare a verificare. L'occasione è propizia, quando sabato leggo le mail e il buon Luzzi convoca partecipanti interessati.

Attenzione: in inverno non è assolutamente un percorso da sottovalutare. Le difficoltà diventano subito alpinistiche, la situazione è diversa di giorno in giorno. In caso di neve abbondante, le valanghe si incanalano proprio qui, un apparecchio ARVA è sicuramente indispensabile, oltre a picozza, ramponi, chiodi da ghiaccio, corda, imbrago, ecc ecc...

Ci troviamo dunque domenica mattina alle 6.45 in quel di Rovio. La prima parte del percorso ci porta al Perostabio, itinerario che conosco abbastanza bene, in comune con la Variante del Generoso. Poca neve, qualche scivolata, tante chiacchere.
In poco meno di 2 ore siamo al Perostabio, una pausa ristoratrice, indossiamo imbragatura e casco. I ramponi per ora li lasciamo nello zaino, non sembra ci sia ancora bisogno. Picozza in mano, ci attende un lungo traverso e l'attraversamento di vallette e ove abbastanza insidiose, lungo il percorso del Sentiero delle Guardie. Qualche passaggio panoramico, lungo le discordanze geologiche degli strati del Calcare di Moltrasio.

Giungiamo all'attacco del Canalone. Un'apertura del fitto bosco, creata dalle valanghe, e uno "spiazzo" nel letto del canale, ci indicano il punto. Indossiamo i ramponi, ci incordiamo.

Comincia la salita. Subito ci sono 3 salti di roccia. Ogni volta, ci dicono, sono in condizioni completamente differenti. A volte asciutti, a volte stile "cascata di ghiaccio", a volte nevaio compatto. Oggi un misto, terreno gelato, un poco di ghiaccio, poca neve. I salti sono attorno al III grado, credo. La neve complica un poco la salita.
Superati i primi salti si sale dritti e costanti. Per erba, foglie, roccette, diedri e di nuovo salti di roccia. Un percorso variato. Non per niente il buon Luzzi lo chiama "il percorso vita dell'alpinista".
A poco a poco spuntano le attività della zona di vetta. Si comincia a vedere un angolo dell'albergo, poi un'antenna. Poi scompaiono dietro un torrione.

Ad un certo punto bisogna cominciare a pensare all'uscita. Le varianti principali sono 3: antenna, albergo, cappelletta. Uscire dalla cappelletta sembra "tropp facil", uscire dall'antenna preclude la visita alla Grotta del Canalone... quindi si uscirà dall'Albergo Vetta.
Passiamo davanti all'imbocco della famosa grotta del Canalone, sbarratto ai curiosi (non che qui di curiosi ne passino a centinaia....). Saliamo il pratone sottostante l'albergo e per roccette e torrette arriviamo e scavalchiamo la ringhiera nei pressi del chiosco.

E' fatta, anche il Canalone del Generoso posso ritenerlo compiuto. Ma andrà sicuramente ripetuto ;-)

La discesa viene effettuata lungo il quasi scomparso sentiero del Tiralocchio, quindi in direzione dell'Alpe di Melano. Poi, per sentiero battuto, si scende sino a Rovio.

Un'itinerario non da tutti, sicuramente alpinistico se compiuto durante la stagione invernale (ghiaccio, neve). Una visione di un Monte Generoso alquanto diversa dal solito !!!!

Hike partners: stellino, lupo7


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (8)


Post a comment

Pippo76 says: Bravi
Sent 26 December 2012, 14h50
Poca neve, poco ghiaccio. O sbaglio?
Un saluto

Giancarlo

lupo7 says: RE:Bravi
Sent 26 December 2012, 20h32
Parole del capogita: le condizioni erano le meno peggiori.

stellino says: RE:Bravi
Sent 26 December 2012, 21h46
in effetti era un pò cosi. Ma ormai bisognava accontentarsi

gbal says:
Sent 29 December 2012, 10h16
E bravo Stellino! Siccome ha fatto il tuo stesso canalone Sky in inverno (con Luzzi) e io d'estate mi piacerebbe sapere di più sui tempi impiegati e su come hai trovato il canalino/diedro (che per me è stata la difficoltà maggiore) con la neve; magari si riesce a bypassarlo?
Ciao

lupo7 says: RE:
Sent 17 January 2013, 07h37
5.49 ore per la salita. 2.38 ore in movimento. Dati da gps.

gbal says: RE:
Sent 17 January 2013, 21h37
Grazie mille Lupo7. Veramente lo scopo delle mie domande era di capire se le difficoltà maggiori che avevo incontrato in estate (canalino/diedro) era state maggiori o minori in inverno, se il canalino con la neve era stato evitato o superato meglio e inoltre volevo capire se il mio tempo di salita era parecchio diverso dal vostro. Purtroppo rispondi solo per il tempo ma anche qui non capisco se con "salita" intendi la salita o il tempo totale del giro.
Cmq grazie molte
Giulio

lupo7 says: RE:
Sent 17 January 2013, 23h03
5 ore e 49 minuti dal parcheggio di Rovio all'albergo incluse pause. Il canalino è stato evitato passando sulla destra. Il tempo in movimento è un dato preso dal Gps, ma non so quanto sia attendibile. Comunque non credo sia paragonabile con una salita in estiva, in termini di tempo. Non lo è neppure con la salita di SKY di un anno prima, le condizioni sono sempre diverse e di conseguenza il tempo di salita.

gbal says: RE:
Sent 18 January 2013, 10h00
Grazie mille Lupo, sei stato molto esauriente.
Ciao


Post a comment»