COVID-19: Current situation

Cima di Piazzo mt 2057


Published by turistalpi , 26 November 2011, 13h56.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:24 November 2011
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 4:00
Height gain: 800 m 2624 ft.
Height loss: 800 m 2624 ft.
Route:Culmine S.Pietro-sentiero alto-Zucco Maesimo-Baita Maesimo-forcella Artavaggio-rifugio Nicola-Cima di Piazzo-baita Maesimo-sentiero basso-culmine S.Pietro

Con l'amico Carlo e Billie andiamo verso la val Taleggio e poi decideremo la meta dell'escursione.La strada-SP64- è normalmente percorribile con tratti protetti e non e tratti larghi e meno larghi. Unica eccezione poco dopo Moggio un tratto di nemmeno cento metri è a senso unico alternato per via del cedimento della corsia a valle in seguito all'attraversamento di una zona molto umida e con smottamento( a seguito della segnalazione dell'amico "hikriano "Alberto  avevo telefonato alla provincia di Lecco per notizie e mi avevano rassicurato). Arriviamo al Culmine S.Pietro dove c'è anche un bar che sta aprendo proprio in questo momento. Non ho voglia di procedere con l'auto oltre magari fino a Pizzino e quindi parcheggiamo qui e dopo avere fatto la sosta caffè partiamo seguendo il sentiero alto per lo zucco di Maesimo. La giornata si presenta come già da un pò di tempo favolosa e dopo pochissimo anche calda. Il sentiero abbastanza stretto ma marcato (DOL) perviene sulla cresta ed effettua  continui traversi intervallati da salite. Occorre procedere con cautela per i tratti esposti su prato e le foglie sul terreno.Si attraversano zone piuttosto accidentate e per fortuna ad un certo punto c'è un'indicazione costituita da due rami a mò di croce o freccia che indica di seguire la recente variante (lo sapevamo per le notizie forniteci dal gentile gestore del bar): così si evita di attraversare lungamente una zona oltremodo scoscesa fatta di dirupi e vallette con paglia ed il tutto in forte esposizione.Dopo un'ultima salita ripida il sentiero gira nel versante nord, terminano i tratti esposti e si sviluppa in un ambiente  caratterizzato da boschetti e da alcune vallette e/o doline. Il sentiero non transita dalla cima dello Zucco di Maesimo che d'altra parte è difficile  da localizzare essendo tutto un susseguirsi di dossetti (eventualmente e facilissimamente raggiungibili) di pochissimi metri sopra il sentiero (non sapremo mai dove era posizionata la cima). Ad un certo punto inizia la corta discesa su sentiero sassoso che porta all'area di sosta antistante al dossetto su cui insiste il baitone di Maesimo. Qui discutiamo su dove andare: io vorrei andare sull'Aralalta ma saggiamente Carlo mi fa notare che come tempi  non ci stiamo perchè le ore di luce non sono quelle estive e il ritorno che faremo dal sentiero basso con il buio non è molto semplice. Procediamo poi lungo la strada dei piani sino alla forcella Artavaggio (il laghetto è asciutto) e poi velocemente saliamo al rifugio Nicola.Sosta. Parliamo un poco con il  proprietario sig. Esposito che ben conosco e ripartiamo seguendo tutta la cresta sud della cima di Piazzo. In cima ovviamente con la giornata così favolosa la sosta pranzo è molto appagante.Carlo  è sempre salito ivi con la neve e quindi non ha mai visto la bella Madonnina con campanella e libro di vetta che appunto con neve è spesso sepolta completamente. Billie si scatena nel chiedere a tutti e due leccornie varie e viene soddisfatta. Dopo circa un'oretta ripartiamo e senza storia arriviamo al baitone di Maesimo. Scendiamo a sinistra seguendo le indicazioni lungo il comodo (inizialmente) sentiero. Le indicazioni consistono in sbiaditi bolli gialli-bianchi su sassi. In più punti è facile smarrire il sentiero che attraversa zone di prato umide e fitte faggete.Ad un certo punto nei prati sottostanti al bosco attraversato dal sentiero sorpresa: 5 bellissimi camosci in livrea invernale di cui 3 piccoli saltellavano velocemente e Billie subito giù per rincorrerli. Sarà scesa di almeno 50 o più metri ma ovviamente poi ritorna piuttosto stanca. Si arriva ad un'isolata baita e qui sembra proprio che il sentiero finisca.Guarda su e guarda giù: tutto imboscato e non si passa. Infine  vediamo uno slargo nella direzione opposta al Culmine dove c'è un lungo abbeveratoio e lì riprende il sentiero che attraversa numerose vallette e valloni, passa sotto alcune pareti rocciose e poi ancora lungamente nelle faggete con foglie sul sentiero (non danno fastidio) per arrivare finalmente alle baite poste sotto il Culmine . Da qui una breve ma ripida salita su ampia mulattiera cementata riporta al Culmine S.Pietro. Diciamo che il sentiero alto è più pericoloso ma è difficile da perdere mentre quello basso è in condizioni tali da porre qualche problema nel rintracciarlo. Infatti il gestore del bar ci aveva avvisato che dovevano pulirlo e sistemarlo già l'anno scorso ma poi non si era fatto alcunchè. Certamente anche se eravamo dotati di pile con il buio non sarebbe stato facile uscirne. Bella escursione che ci ha fatto conoscere la zona dello zucco di Maesimo mai prima da me frequentata.

Hike partners: turistalpi, uccio


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T2
T2
16 Jun 13
Cima Di Piazzo · Abominevole
PD-
F
WT2
7 Feb 09
Artavaggio 2009-2010 · Massimo

Comments (3)


Post a comment

gbal says: Ne sai una....
Sent 27 November 2011, 15h08
... più del diavolo Enrico. Io conosco appena quelle zone e mai avrei saputo che esiste una Cima di Piazzo; vero è che ne devo visitare tante di cime là che per me sarebbe comunque tutto nuovo. Ma diamo tempo al tempo. Belle le foto; immagino quando (forse) arriverà la prossima neve assumeranno tutta un'altra affascinante veste.
Complimenti davvero a voi tutti e un saluto anche a Carlo che vedo sempre in ottima forma!
Giulio

turistalpi says: RE:Ne sai una....
Sent 27 November 2011, 19h45
Grazie dello scritto e dei complimenti. A saperne più del diavolo siamo almeno in due : tu ed io. E purtroppo c'è un motivo comune: è l'età e gli anni che frequentiamo alcuni ambienti montani. Vedendo le tue ultime continue escursioni ormai sono conscio della notevole differenza di livello ovviamente a tuo favore però se in futuro qualche volta vorrai scendere al mio livello potremo fare qualche uscita in comune naturalmente senza alcun obbligo come al solito..... Ciao e sempre buona montagna Enrico

gbal says: Certamente e con piacere!
Sent 27 November 2011, 19h54
Combineremo sicuramente assieme qualcosa di bello e divertente Enrico, come lo è stato in passato. Nel frattempo sono in un momento interlocutorio nel quale mi diletto di "ferraglia" ma appena arriveranno neve e freddo ci accorderemo.
Grazie per gli immeritati complimenti
Giulio


Post a comment»