Monte Tabor da Tecchio


Published by giorgio59m (Girovagando) , 11 June 2024, 08h34. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 2 June 2024
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 4:00
Height gain: 1000 m 3280 ft.

   
 

Escursione veloce in Val Cavargna

           Vista da Giorgio     -    (giorgio59m)     


Solito meteo  pazzerello, danno acqua già nel primo pomeriggio ed anche probabili temporali.
Cerchiamo un'escursione breve, ma nel contempo un pò in quota.
La scelta ricade su una delle ultime cime della Val cavargna che non abbiamo ancora calpestato, il Monte Tabor, nome di origine ebraica e citata nella Bibbia che si trova in Galilea.
Ci sono vari punti di partenza possibili, e l'idea iniziale era di partire sopra Oggia e fare un bel giro ad anello, ma il poco tempo a disposizione per non prendere acqua ci suggerisce tutt'altro percorso. Partiamo da Tecchio, è il classico punto di partenza per il Pizzo di Gino o il Pianchette, passando da (o vicino) al bel Rifugio Croce di Campo.
Dal parcheggio a lato delle 4 casette con tetto spiovente seguiamo la strada sterrata che porta al rifugio e all'Alpe Vacchera, il cielo è abbastanza pulito e si sta bene.



Raggiunto il rifugio, che troviamo aperto, proseguiamo sul costone del Pianchette per poi deviare a destra sul traverso più alto, già sopra Q2000. Guardando verso valle si vedeno almeno altri tre sentieri che traversano.
Ora iniza un lungo traverso che ci porta a toccare la quota massima di oggi a Q2100 vicino alla bocchetta del Pertus.
Si segue il profilo delle varie cimette, in lieve discesa, fino alla Bocchetta di Sebol Q1986, proprio sotto la vetta del Tabor.
Qui troviamo un gruppo di escursionisti, è una gita del CAI di Menaggio, anche loro diretti al Tabor come prima meta.
Saliamo il ripido crinale fino alla cima, che si distingue per un ometto di pietra.



Ci spostiamo verso N, da dove si vede bene la Valle Albano.
Salutiamo gli altri escursionisti che proseguono verso E, in direzione del Marnotto, ed iniziamo la discesa per tornare in bocchetta.
Il cielo non è più limpido come prima, dalla Svizzera nuvole scure e minacciose.
Accelleriamo il passo, l'idea è di pranzare all'esterno del rifugio Croce di Campo, così da accorciare il percorso di discesa in caso di pioggia.
Riusciamo nel nostro intento, prendiamo 4 birre al rifugio, pranziamo con i nostri panini e appena gocciola ci incamminiamo in discesa, riuscendo a tornare a Tecchio quando inizia a gocciolare più intensamente.
Alla fine è venuta fuori una discreta escursione comunque con 1000mt di dislivello relativo, con i suoi sù e giù, abbiamo realizzato il possibile senza prendere acquazzone o peggio il temporale.







                                                               
  Video                                                                                    Percorso Interattivo
 

 
 
   
 

           Vista da Paolo  -    (brown)         

Oggi Giorgio propone una nuova cima della Val Cavargna.
Si potrebbe aggiungere anche il Pianchette gia' salito con le ciaspole diversi anni fa, ma oggi il tempo a disposizione non e' molto in quanto sono previsti temporali in arrivo dopo le 14.
Saliamo quindi da Tecchio e raggiungiamo il rifugio Croce di Campo che e' aperto .
Sappiamo cosi' che nel caso di peggioramento del meteo abbiamo un punto di appoggio.
Saliamo sotto il Pianchette e decidiamo di arrivare prima al Tabor che era l'obbiettivo odierno.
Il sentiero e' molto ben segnalato ma abbastanza lungo tant'è che abbiamo superato abbondantemente i 13 km .
L' ultimo tratto per salire al Tabor e' molto divertente un bel vertical di circa 200 metri di dislivello per arrivare sulla cima molto panoramica.
Al ritorno per la stessa via, le nuvole si avvicinano sempre di piu' con un bel colore plumbeo cosi deviamo subito al rifugio per pranzare prima che inizi a piovere.
Pranziamo fuori e appena il tempo di finire e inizia a piovere con qualche chicco di grandine.
Scendiamo veloci alla macchina visto che fino ad ora ci era andata bene e arriviamo al parcheggio ancora asciutti.

Alle prossime

A presto
Paolo


  
 
 
   
 

           Vista da Gimmy -    (gimmy)         
 

anche quest'oggi dobbiamo fare i conti con il meteo ,la bella stagione non vuole proprio decollare verso le tre del pomeriggio è previsto temporale
decidiamo di andare in Val cavargna, per fare un escursione al monte Tabor ed eventualmente tempo permettendo anche al pianchette, partendo da Tecchio
in meno di un oretta siamo arrivati al rifugio croce di campo dove poi pranzeremo per essere abbastanza vicini alla macchina in caso il maltempo anticipasse
,si raggiunge il rifugio con una bella carrozzabile la salita alla cima del Monte Tabor è  lunghetta si fa quasi tutto il dislivello ,(a parte il centinaio di metri sotto la vetta) nel primo tratto poi è un lungo traverso su e giù 
,l'idea del pianchette è stato accantonata ,sopratutto perché il cielo si stava riempendo di nuvoloni, meglio portarsi verso il rifugio per mangiare, giro con lunghezza e dislivello discreto e soddisfacente


CIAO ALLA PROSSIMA


 

 
 
     
 
RIASSUNTO del PERCORSO
Percorso Totale :  13,67 Km totali, 6h:00m totali, 4:50m di cammino
Andata :  6,77 Km, 2:50 lorde, 15m soste alla cima 
 10,97km, 4:35 lorde, 25m soste al pranzo in rifugio
Ritorno :  3,20 Km, 0:40 lorde, 0m soste
Dislivello :   800 mt di assoluto 
 1000 mt di relativo
Libro di vetta:  NO
Copertura cellulare:  Buona (copertura dalla Svizzera)
Partecipanti :

 Giorgio, Paolo, Gimmy, Angelo

 
 
   
   

Altre foto, diario, tracce sul nostro sito          (ESC 529)

www.girovagando.net       

  

 

 
 



Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Post a comment»