In giro con geologi all'Alpe Devero


Published by andrea62 , 22 September 2017, 13h55.

Region: World » Italy » Piemonte
Date of the hike:17 September 2017
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Height gain: 380 m 1246 ft.
Height loss: 380 m 1246 ft.
Route:Alpe Devero - Alpe Sangiatto - Crampiolo - Lago Azzurro (o delle Streghe) - Alpe Devero
Access to start point:Da Crodo proseguiamo per Baceno e da qui per Devero. Lasciamo l'auto al parcheggio più alto, al costo di 5 euro e ai margini dell'Alpe Devero.
Accommodation:All'Alpe Devero ci sono il rifugio E.Castiglioni del CAI Gallarate e alcuni agriturismi.
Maps:Carta esc. 1:25.000 VAL FOMAZZA A.Devero - Binntal - Goms Ed.CAI Sez.Est M.Rosa

Circa 30-35 anni fa quando studiavo geologia sentivo parlare dell' "elemento zero" come Fantozzi sentiva favoleggiare del Megadirettore Galattico. Si tratta dela falda più profonda tra quelle che, sovrapposte, compongono l'edificio alpino e risalirebbe al Paleozoico, dunque prima dei famosi dinosauri. L'elemento zero fu identificato in pochissimi affioramenti in Val d'Ossola, precisamente nella "Cupola di Verampio", che sarebbe appunto una culminazione della falda più profonda delle Alpi (ho studiato la materia 30 anni fa poi non ho fatto il geologo quindi se sono impreciso i geologi professionisti o freschi di studi mi correggano).
 
TUTTAVIA da una decina d'anni alcuni geologi di Milano sostengono, con qualche ragione secondo altri, che questo "elemento 0" sia una intrusione di età in-com-men-su-ra-bil-men-te più recente! E quindi quello vero sarebbe ancora da trovare.

Abbandonati presto i temi delle scienze della Terra, una delle occasioni per recuperarli, almeno in piccola parte, sono i ritrovi periodici tra ex studenti ora più che 50enni. Questa volta è stato scelto il Devero ed erano vent'anni esatti che non ci capitavo d'estate e tredici in assoluto.
La cosa più evidente che mi segnalano i geologi professionisti è il contatto tra gli gneiss grigi e le sovrastanti peridotiti alterate di colore rosso. Le prime sono rocce tipicamente alpine, le seconde sono rocce che si trovavano sul fondo dell'Oceano Vallesano, uno stretto braccio di mare con un fondo di rocce oceaniche che nella seconda metà del Mesozoico, in piena età "dinosauresca", separava la grande placca eurasiatica da microplacche come l'iberica e l'adriatica.
C'è anche una fotografia scattata pochi giorni fa da fabioadx che mostra il contatto: www.hikr.org/gallery/photo2487088.html?post_id=125284#1
 
E l'escursione, o meglio la passeggiata? Una gita all'Alpe e al Lago del Sangiatto con ritorno da Crampiolo e dal Lago Azzurro (o delle Streghe). A Crampiolo c'era la festa dello "scarghé", cioè dello "scarico" dell'alpe, l'equivalente della "desarpa" valdostana, quando le mucche
scendono a valle alla fine dell'estate. E qui qualcuno ha assaggiato la polenta, qualcun altro qualcosa di più.


Hike partners: andrea62


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (2)


Post a comment

rochi says:
Sent 23 September 2017, 08h22
Complimenti per le interessanti informazioni che mi fanno venir voglia di approfondire ma soprattutto complimenti al gruppo: non facile fare reunion così numerose dopo tanti anni!
Bravo, Bravi!!
Ciao.
R.

andrea62 says: RE:
Sent 24 September 2017, 05h59
Hai proprio ragione:non è facile. Per anni il coordinatore e' stato un professore che organizzava lezioni di aggiornamento seguite da cena ed escursione, poi la cosa è passata in gestione a un paio di eredi volonterosi.
Ciao
Andrea


Post a comment»