Spina verde Como: dal monte Goj al monte Orfano


Published by rochi , 13 March 2017, 21h24.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:13 March 2017
Hiking grading: T1 - Valley hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 3:15
Height gain: 300 m 984 ft.
Height loss: 300 m 984 ft.

Questa mattina ho sfruttato il tempo libero con un'interessante escursione al Monte Orfano e al suo lago, circondato da una bella riserva naturale.
Partito al solito da via Madruzza, ho intrappreso il sentiero per il monte Goj ed al bivio che porta al Sass de la Stria ho evitato il tratturo scalinato a destra per proseguire a sinistra. Questa via, molto ben tenuta nonostante le numerose piante cadute, compie il periplo del monte con gradevoli saliscendi in un ambiente di confine tra il bosco selvaggio e l'antropizzazione cittadina per giungere al bivio per Albate ove comincia il percorso salute. Ne ho camminato un tratto per poi deviare verso il cimitero di Lipomo.
Qui ho girato sul retro del Camposanto ed ho intercettato la bella sterrata pianeggiante che attraversa numerosi boschi sino ad arrivare ad uno spiazzo asfaltato in località Cà Franca. Poichè non vi sono indicazioni ma solo qualche bollo giallo sulle piante, sentendomi un po' disorientato, ho preferito raggiungere la via Montorfano di Lipomo e seguirla su asfalto sino ad un bel ristorante che sovrasta il lago.
Mi sono quindi diretto verso il paese di Montorfano che ha un nonsoche di Svizzero, molto ordinato e pacifico. Numerosi cartelli raccomandano attenzione all'attraverso dei rospi in migrazioni e sui marciapiedi sono stati depositati dei coppi per servire da rifugio agli animaletti.
Giunto nella piazza della Chiesa, ho preso la stradina che sale alla sua sinistra con pendenze sostenute per poi divenire sterrata ed infine sentiero che in una ventina di minuti porta alla cima del monte Orfano. Purtroppo l'ampia vegetazione occlude i panorami sul lago, anche nella radura proprio in vetta dove è sita una modesta area pic nic. Sono però presenti i ruderi di un antico castello che fu una importante fortificazione medievale .Gli scavi archeologici degli anni settanta avevano rilevato la presenza di un Castelliere della seconda età del ferro risalente al III secolo a.c.. E’ probabilmente uno dei 28 castelli, come ricorda Tito Livio, che si arresero al console Claudio Marcello nel 196 a.c.. Fu più volte distrutto e ricostruito finché Carlo V lo fece smantellare definitivamente nel 1530. (fonte: http://www.youreporter.it/video_I_Ruderi_del_Castello_di_Montorfano_CO).
Volgendo lo sguardo a Nord Ovest è invece ben visibile l'abitato di Tavernerio sul quale il monte precipita con vertiginose balze boschive. Più in alto, Bolletto e Bollettone fanno da padroni del paesaggio.
Per il ritorno scendo dal monte, e grazie alla via Volta ritorno velocemente al lago senza passare di nuovo dal paese. Scendo ora al lago sul sentiero che ne percorre il periplo tra folti canneti che talvolta si aprono in amene spiaggette. Individuo una deviazione che mi conduce per boschi alla Cà Franca e da lì rientro alla Madruzza per la via dell'andata.
Bella gita di tre ore abbondanti senza soste di rilievo.
Sviluppo: 13 km circa; SE: 16 km circa, considerando qualche saliscendi.

Hike partners: rochi


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (4)


Post a comment

Daniele66 says:
Sent 13 March 2017, 21h46
Ormai sei di "casa" bella li Daniele66

rochi says: RE:
Sent 13 March 2017, 21h56
Eh si, dopo cinque anni che frequento la Madruzza, occorreva decidersi!
Ciao!!
R.

GIBI says:
Sent 14 March 2017, 11h49
... pensa che io con tutte le escursioni che ho fatto la volta che ho rischiato di più di farmi male è stata su questa montagnetta di 500 metri tentando di scendere in verticale ( con il cane ) direttamente alle cave, fortunatamente dopo un po' di passaggi attaccato ai rami sono rientrato in me e sono tornato sui miei passi !

... comunque prosegue la mia "sana" invidia per te e per chiunque può permettersi le escursioni infrasettimanali !

ciao Giorgio

rochi says: RE:
Sent 14 March 2017, 20h19
Proprio perchè le consideriamo montagne di casa, spesso le stesse sono le più pericolose. E' capitato anche a me sull'amato Campo dei Fiori!

Ciao e grazie!!

R.


Post a comment»