Anche se il festival di Sanremo è finito, io Canto Alto (1146 mt). Giro ad Anello


Publiziert von Menek , 14. März 2014 um 22:37.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:10 März 2014
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 3:00
Aufstieg: 630 m
Abstieg: 630 m
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Bergamo- Alzano L.- Olera
Kartennummer:Kompass Lecco/Val Brembana

Sono nel Parco dei Colli di Bergamo, oggi, un posto  vicino a casa  ma sempre snobbato chissà per quale motivo…  Alle volte sono fatto così, passo davanti a tante montagne che non rientrano nell’escursionismo “classico” oppure considerate di serie B  e le tralascio con troppa facilità, poi un giorno di ritorno dalle alti valli ti soffermi un secondo in più a vedere cime con enormi croci e…..
Eccomi qua ad Olera (520 mt) fraz. di Alzano Lombardo, un borgo medievale che ai più dice poco, ma  fatte brevi ricerche http://www.olera.it/, ecco che il valore di questo piccolo agglomerato di case, assurge ad un luogo assai importante.
Parcheggio vicino alla Chiesa, mi sistemo di tutto  punto e subito cerco di capire  dove sia  il sentiero, le vie sono incredibilmente strette e bisogna fare attenzione. Spiaccico due parole con un indigeno giusto per integrarmi meglio nel territorio e noto  una breve scalinata alla destra della fontana,  un  segnavia in terracotta stile “Santiago de Compostela” mi dirige fuori paese. Una mulattiera  si stacca sulla sx, la palina Cai e un sasso col numero 540, mi dicono che sono sulla  via giusta. Canto Basso 1h 10- Canto Alto 2h.  Il sentiero è da subito ripido e se hai fatto colazione con del riso al tofu,kebab vegano ,  pane tostato e un bombolone alla crema , capisci immediatamente che la tua digestione subirà degli stravolgimenti  e ti chiedi perché, non hai bevuto una semplice e fottutissima tisana ai frutti di bosco! La temperatura è ottima e il sole già batte forte, tanto che dopo poco, comincio a grondare sudore come Giuliano Ferrara. Ad un certo punto il sentiero si biforca, a dx il 540 va verso il M di Nese, a sx, il 540A prosegue per il Canto Basso. Seguo quest’ultimo segnavia ed  arrivo ad una piccola costruzione in pietra (uso fienile, 15 min dalla partenza), sulla sx si stacca un sentierino, lo ignoro e punto a Nord passando a dx della casa (fate attenzione). La mulattiera si mantiene sempre ripida ma ombreggiata, numerosi zig zag mi fanno alzare di quota sino ad incrociare una seconda baita, la segnaletica è ben visibile e io mi porto oltre, aggirando la baita sulla  sx, prendo fiato e con un’ultimo strappone sono al Canto Basso (900 mt). 50 min circa dalla partenza. E’ una bella selletta e da qua si intravede già la croce posta sulla  vetta. Come da segnavia (507), viro a Ovest per un morbido falsopiano, lo percorro sino ad incrociare una palina multidirezionale ; sono in loc. Stalle Braghizza (1040 mt), rimango sul mio sentiero, passo una  baita stando sulla dx e per comodo crinale mai troppo impegnativo giungo in cima al C. Alto (1146 mt). 1h 30 dalla partenza. Da qua la vista è a 360°, spazia da Città Alta alla Valcanale, dal pizzo dei Tre Signori al gruppo M.A.G.A… insomma, se avete la fortuna di trovare una bella giornata, le foto si sprecano! Mangio qualcosa in compagnia di poche altre persone alla base dell’enorme croce e faccio conoscenza di un altro escursionista che legge la rivista Orobie, discutiamo un po’ del più e del meno ed è  già tempo di incamminarsi. Prima di andare via, provo a fare una foto che inglobi tutta la croce,  ma non riesco talmente è alta. Sarò uno zuccone, ma non ho ancora capito che senso abbia costruire  obbrobri di queste dimensioni (e non ce l’ho con la croce in se) in cima alle montagne. Vabbè. A Sud della vetta, c’ è l’omonimo rifugio aperto nei week end, seguite le facili indicazioni e in 10 min ci arrivate. Faccio l’ennesima foto e saluto l’amico escursionista, lui ritorna a Cler io faccio il giro ad anello. Dal rifugio parte  un piccolo sentiero (vedi foto), che in mezzacosta a volte esposta  mi riporta in 15 min alla forcella di Braghizza, la bollatura non è evidente ma è ben tenuto. Qua trovo sia la palina che un segnavia ad altezza nutria che indica Forcella Sorriso ( vedi foto,Cai 302). Perdo quota rapidamente su sentiero malagevole ma ben segnato e passo da loc. Campanua (910 mt), proseguo spedito ed in 1h dalla cima sono alla Forcella del Sorriso (762 mt). Qua fate attenzione alla segnaletica. Un sentiero scende a sx ( albero con freccia) , lo seguo e trovo subito un’altro bivio, vado a dx e poi giù secco a sx per il sentiero Cai 532 A. In 30 min di passo sostenuto,  sono ad Olera. 1h 30 dal Canto Alto.

Nota1: Dislivello 630 mt      Tempo nominale :4h    Tempo effettuato: 3h per il giro ad anello

Nota2: Questo è un giro molto divertente e mai banale, quando si parte da Olera, il mio consiglio è quello di salire prima al Canto Basso e poi al C. Alto  ed infine , giù per il sentiero che va alla Forcella del Sorriso e Olera.

A la Prochiane.        Domenico avec  Olmo

Tourengänger: Menek


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (9)


Kommentar hinzufügen

grandemago hat gesagt:
Gesendet am 15. März 2014 um 14:33
Mi sa che fra poco ci torno al Canto Alto, anche se sono baritono......è dal capodanno 2000 che non ci vado.

Ciao
Aldo

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 15. März 2014 um 15:57
Beh, direi che baritono è già un'ottimo Canto! Comunque è stata una scoperta interessante e porterò qui i miei soci al più presto, però partendo da Cler.
Ciao Aldo
Domenico

stefano58 hat gesagt: RE:
Gesendet am 15. März 2014 um 19:06
È una vita che non ci vado al Canto Alto!
Io posso scegliere tra Baritono stonato o Basso con poca voce.
L'ideale sarebbe essere Controtenore o Soprano, ma ci si può anche arrangiare in Falsetto.
Ma in ogni caso è meglio che io non mi metta a cantare, nonostante sia musicista.
Ciao
Stefano

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 15. März 2014 um 19:47
:) l'importante è non saltare dentro in un coro di eunuchi!!! a mal parata contattiamo i Cugini di Campagna... giusto per tenere le nostre "olivette" al loro posto.
saludos
Domenico

gbal hat gesagt:
Gesendet am 15. März 2014 um 21:57
Caro Domenico, ne sfoderi di belle tu. Questa zona (Olera si fregia addirittura di un Beato) già descritta da GM (grandemago) pare promettere molto. E se si deve cantare....che si Canti!
Ciao

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 15. März 2014 um 22:43
Ciao Giulio,
che fai? Ti aggrghi al coro dell'Antoniano o aspetti lo Zecchino d'Oro? :)
ciao
Domenico

patripoli hat gesagt:
Gesendet am 16. März 2014 um 21:18
Mi trovi perfettamente d'accordo su quanto hai scritto a proposito di montagne minori e croci.....
Riguardo al cibo.....i nostri gusti sono diversi!
Ciao e buona settimana.

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 17. März 2014 um 11:06
Sono sempre curioso di come la pensano gli altri escursionisti a proposito di croci e costruzioni varie... cerco di capire se sono un criticone io o se invece siamo in un tot a essere critici.
Riguardo al cibo, non è una questione di gusti, mi ricordo quando ero onnivoro che certe pietanze erano buonissime... è che non riiesco più a mangiare gli animali,li considero amici e tu capisci che mangiare gli amici non è proprio un bel pranzare!!! :) :) :)
Ciao Patri
Domenico

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 17. März 2014 um 13:25
Ovviamente......tanto di cappello!
Ci ho pensato tante volte anch'io a modificare le mie abitudini alimentari, ma non ce la faccio....
Cerco solo di limitare, anche se so che non basta!
Ciao


Kommentar hinzufügen»