Torrone Alto 2952 m


Publiziert von skiboy1969 , 13. September 2010 um 13:24.

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum:11 September 2010
Wegpunkte:
Geo-Tags: Gruppo Torrone Alto   CH-GR   CH-TI 
Zeitbedarf: 8:30
Aufstieg: 1920 m
Abstieg: 1920 m
Strecke:Cap. Cava, P. del Mauro, Alpe d'Orz, canale, bocch. alta, canalone, cresta 2800 m, cima
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Biasca, Malvaglia, Val Pontirone, Alpe Cava.
Unterkunftmöglichkeiten:Cap Cava 2066 m
Kartennummer:cns 1293-1294

.......Sapete.......
Delle volte avvicinarsi e confrontarsi con montagne che neanche il più erudito alpinista sa associare geograficamente (da qui la parola stessa) nel suo cervello, può portare ad incomprensioni e mistificazioni della tua passione svolta in maniera così umile e rispettosa......
"CIAO MARCO...ALLORA, COSA AVETE FATTO DI BELLO NEL WEEK-END?".
"SIAMO ANDATI AL TORRONE ALTO".
"CAVOLO!! CHISSA' CHE MANGIATE E BEVUTE VI SIETE FATTI.......ALBA E' PROPRIO UN BEL POSTO!!!!".....
"????????????????????????????".....NO!!! GUARDA CHE....."
"AVREI PROPRIO VOGLIA DI UN GUSTOSO TORRONE ARTIGIANALE!".....
"NO! NON SIAMO ANDATI....."
"CHISSA' SE CI SONO GIA' I TARTUFI?".......
"!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!".
.........Con addosso il peso dell'incomprensione dell'umanità, mi allontano mestamente dal mio interlocutore, pensando che forse la prossima volta che vado in montagna, dovrò "puntare" il dito su profili ben più altisonanti e conosciuti per la gente pianeggiante........

Ma dentro di me, so che la bellezza delle montagne non si misura con i numeri, non si valuta per il vestito che l'uomo gli ha cucito addosso.
Le vette sono libere, nude, e non sono neanche pudiche.
Sono per chi sa coglierne l'essenza, carpirne i sussurri ogni volta che ti avvicini a loro.
E' questa spiritualità laica e trascendente che amo ed aspiro quando le tendo timidamente la mano...........
..........Ma ora basta!!, collego le mie mani che ora battono freneticamente su questa tastiera ai ricordi del mio pensiero e ripercorro a ritroso ciò che abbiamo vissuto sul palco della nostra messinscena ( VERA!) della fatica.....

Partiamo dalla Capanna Cava, anche perchè la strada arriva praticamente sin lì, (ci sono voci che si vuole costruire anche una piccola pista d'atteraggio per ultraleggeri a ridosso di essa).
Salendo su sentiero segnalato raggiungiamo il passo del Mauro (egocentrico), ed il sole ci sorride.....
Senza voler troppo scendere di quota, tagliamo chirurgicamente il pendio sud del Torrone Basso per dirigerci  verso il poco invitante imbuto che adduce alla bocchetta alta.
Ma la medicina non ci si addice, così per evitare i numerosi salti di roccia, scendiamo quasi all'alpe d'Orz per poi dirigerci all'inizio del canale.
E' da lì che i nostri scarponi tirano fuori i denti e sulla neve dura e pressata da infinite variazioni termiche, risaliamo il coluoir, prima nevoso, poi piovoso, poi roccioso......
Quando arriviamo a salutare la val Calanca, capiamo che non solo dobbiamo salutarla, ma anche chiederle il permesso di entrare, così cominciamo a scendere (di nuovo!) fino all'entrata del canalone dietritico che degrada in tutti i sensi dalla cresta del nostro torrone mieloso.
Tra questi sassi così instabili e la nostra psiche s'instaura un rapporto diretto e quando giungiamo di nuovo in cresta il fiato corto sembra non volersene più andar via.
Da questo punto il trekking sale di grado e dall'alto della sua dirigenza acquisita apre le porte del suo ufficio alpinistico di secondo grado.
Con almeno apparente disinvoltura ci  inerpichiamo su queste belle rocce mirando bramosamente al punto roccioso sopra di noi che si staglia più alto nel cielo.
Dopo 10 minuti l'inclinometro finalmente s'adagia e raggiungiamo la cima del Torrone accolti da una schiera di bandiere e croci da lavanderia........
"TOH!!! NON SAPEVO CHE AI TIBETANI E AD ALLE CASALINGHE PIACESSE PARTICOLARMENTE QUESTA MONTAGNA!!!!!!!".......
"POI LA BUTTO LI'........ALLORA PEPPO COSA FACCIAMO, LO MANGIAMO TUTTO QUESTO TORRONE?".
"MMMMMMMMMMMMMMMM!!".
Oggi, il bioritmo di Giuseppe  non include la parola climbing, e forse, devo ammettere che anch'io non sono tanto in vena di stare a cavallo di rocce verticali per un paio d'orette, così nonostante la corda e la ferraglia spingono per uscire dallo zaino, noi le ignoriamo e ritorniamo a calcare la nostra traccia gps.
Ridisegnamo la linea di discesa arrampicatoria come più ci piace, scegliendo i passaggi preferiti, e dove inizia il canale, ci buttiamo dentro con tutto il nostro peso.
Oggi mi sento bene ed anche le mie gambe percepisco che sono tenaci al punto giusto, così mi lascio andare tra i blocchi fino alla fine senza accorgermi che il mio compagno, forse spinto ed influenzato da così tanta mercificazione spirituale, scende con fare mistico e pensieroso dietro di me.
Mentre lo aspetto, mi lascio andare ai pensieri che qui in alto sembra quasi che circolino più facilmente intorno a me. Sarà l'aria più rarefatta, più pulita ma la mente vaga seguendo tutti i profili che il mio sguardo da quarantenne astigmatico può raggiungere.
Ricongiunti, ritorniamo al passo e poi giù di nuovo nell'orrido facendo questa volta anche un pò di canyoning tra le acque cresciute di forza.
All'alpe D'Orz Si potrebbe fare quasi una partita a calcio (pensiero rubato al Brenna poeta) vista la bellezza di questo prato livellato, ma il tempo stringe e le gambe friggono, così ritorniamo al Passo del Mauro e nel giro di 30 minuti una parata di turisti vestiti all'ultimo grido ci saluta calorosamente dall'alto delle loro pance piene di carburante solido ma soprattutto liquido.
Anche noi abbiamo la nostra razione alcolica e finalmente sdraiati sulle panche del rifugio ci lasciamo andare ai nostri stanchi sensi mentre i dolci torroni  salutano e danno l'arrivederci.



Marco e Giuseppe


Disl tot 1920 m
Torrone Alto 4,30 h
tot. 8,30 h
road. 14 km


                 OH GOD SAID TO ABRAHAM, "KILL ME A SON"
                 ABE SAYS "MAN YOU MUST BE PUTTIN' ME ON"
                 GOD SAY "NO". ABE SAY, "WHAT?"
                 GOD SAY "YOU CAN DO WHAT YOU WANT ABE, BUT
                 THE NEXT TIME YOU SEE ME COMIN' YOU BETTER RUN"
                 WELL ABE SAY, "WHERE DO YOU WANT THIS KILLIN' DONE?"
                 GOD SAY, "OUT ON THE HIGHWAY 61"

                                                                          B.Dylan)




Tourengänger: skiboy1969

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T5 ZS IV
T5 L III
T5 L II
T5 II
T5+ L II
T5 ZS+ IV
24 Aug 16
Rund um das Val Pontirone · lorenzo

Kommentare (4)


Kommentar hinzufügen

siso Pro hat gesagt: Torrone Alto
Gesendet am 14. September 2010 um 12:54
Ciao Marco,
complimenti per la performance e per la splendida descrizione!
Tanti buoni torroni...!
siso

skiboy1969 hat gesagt: RE:Torrone Alto
Gesendet am 14. September 2010 um 20:21
Grazie siso i tuoi complimenti fanno sempre piacere e comunque bravo anche a te, ho fatto anch'io l'accoppiata valdraus e gaglianera. Meritano veramente
ciao
Marco

gbal hat gesagt: Un'altro coniglio dal cappello...
Gesendet am 14. September 2010 um 21:53
...ma non vale! :):):) Sono contento che non solo io miro a queste vette che molti scambiano per bontà dolciarie. Uno dei miei sogni nel cassetto era proprio il Torent alto e/o basso ma leggo che sono frastagliati nel numero di cime e alpinisticamente impegnativi. Però ho tentato (senza successo) di avvicinarmi dalla Val Calanca (io vorrei farlo da lì) e cominciando dal più semplice Piz da Termin ma era una giornata no e non ho conquistato neanche il Motton che lo precede. Riproverò e intanto COMPLIMENTI a voi, come sempre.
Giulio

skiboy1969 hat gesagt: RE:Un'altro coniglio dal cappello...
Gesendet am 15. September 2010 um 21:26
Se accetti un consiglio, secondo me è meglio dalla val calanca, è più diretta, ha lo stesso dislivello però non devi farti il canale prima innevato poi bagnato (sdrucciolevole). Quando arrivi al canalone dietritico, stai sulla sx (scariche di sassi possibili dalla verticale della vetta), Stai attento è molto faticoso ed i sassi sono instabili.
Quando sbuchi sulla cresta segui i numerosi ometti (ma puoi scegliere tu il percorso che più ti aggrada), scalando su difficoltà di II grado (non è esposto ma è meglio non cadere!), per poi arrivare sull'anticima n 7 e seguendo grossi blocchi arrivi sulla cima 2952.
ciao
Marco


Kommentar hinzufügen»