Pizzo Tre Signori mt 2554 da Premana


Publiziert von nano , 21. Juni 2009 um 23:20.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:20 Juni 2009
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 1 Tage 10:00
Aufstieg: 1650 m
Abstieg: 1300 m
Strecke:Premana mt 900 - Rif. Varrone mt.1675 - Rif. F.A.L.C mt2125 - Pizzo tre Signori mt 2554 - Rif S. Rita mt 2000 - Alpe Paglio mt 1380
Zufahrt zum Ausgangspunkt: Lecco - Premana - Parcheggio sotto l'abitato di Premana (Zona artigianale )
Unterkunftmöglichkeiten: Rif. Varrone - Rif. F.A.L.C - Rif S. Rita

Percorrendo da Lecco tutta la Valsassina si Arriva a Premana mt 1000. Questo paese arroccato sotto il Legnone e stretto da una cerchia di montagne è famosissimo per la lavorazione del ferro. Il ferro veniva scavato nelle miniere della Valvarrone e veniva trasportato a Premana tramite una strada che si snoda dal paese fino al confine con la Valgerola (Valle della Valtellina). Su questa strada ancora ben tenuta inizio la mia lunghissima escursione. Parto da solo alle 8.15 , il cartello indica in 5.30 h il tempo di salita al pizzo dei Tre Signori e 4h al pizzo Varrone che per adesso è la mia meta. dopo 2 ore arrivo al rif. Varrone mt 1675 dove la valle si apre e dove ho il piacere di assistere alla transumanza di mucche e capre e sotto un tendone una ragazza sta facendo il primo formaggio.Proseguo in direzione della bocchetta di Trona spartiacque con la Valgerola e arrivo alle 11 al vicino rif. F.A.L.C. 2115. Questo piccolo rifugio posto in un posto molto isolato e poco frequentato è gestito da una giovane e simpatica ragazza . mi fermo 10 minuti per un caffè e una fetta della sua torta e chiedo informazioni per il pizzo Varrone, la ragazza mi sconsiglia di salirlo perchè dice che è marcio e allora decido di salire per l'ennesima volta il mitico tre Signori. Salgo alla bocchetta di piazzocco mt 2252 dove inizia il crestone . Da quì fino alla vetta trovo estesi fazzoletti di neve che non creano nessun problema essendo di neve dura e portante. Alle 12. 15 dopo 4 ore sono in cima al pizzo in completa solitudine. Pochi minuti, qualche foto e la firma sul libro di vetta e comincio a scendere. pochi metri sotto la cima sta pascolando un piccolo Stambecco con ancora la lanugine da neonato, Mi abbasso un poco per fotografarlo e vedo che oltre a lui ci sono tre Stambecchi adulti e un altro piccolo. Loro si lasciano avvicinare abbastanza per fare delle foto e anche se sono affascinato da queste presenze li devo salutare. Mi riporto alla bocch. di Piazzocco poi risalgo 50 mt fino al monte Piazzocco per dare un'occhiata da vicino al pizzo Varrone. Anche quì ho il piacere di incontrare un giovane Stambecco che da 3 metri mi guarda incuriosito Da questo punto parte una lunghissima cresta che divide la Valvarrone dalla val Biandino. decido che scenderò da questa parte. Alle 15 sono al rif S. Rita mt 2000, bevo qualcosa e chiedo informazioni per la discesa al gestore e riparto poi assieme ad un tipo che scende all'alpe di Paglio. Percorreremo assieme la lunga cresta con l'accordo che dovunque scenderemo andremo a recuperare l'altra auto.
Dopo un lunghissimo e spettacolare tratto di cresta pieno di Rododendri fioriti ci infiliamo in una bocchetta per scendere a Premana ma ci perdiamo subito  e siamo costretti a risalire in cresta e puntare all'alpe di Paglio. Arrivo alle 18 stanchissimo dopo 10 ore di cammino e uno sviluppo calcolato in 35/ 40 Km, il tipo poi mi accompagna a Premana dove avevo l'auto

Tourengänger: nano

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T4+
26 Okt 16
Il mio miglior Pizzo · Barba43
ZS
ZS-
T3 WT3
ZS-

Kommentare (3)


Kommentar hinzufügen

Barbacan hat gesagt:
Gesendet am 14. April 2011 um 15:03
Bravo Nano, leggo solo ora questa relazione. Quest'estate non voglio perdermi la salita al Pizzo!! Stavo pensando di arrivare da Introbio e fare Tavecchia-Grassi-Pizzo, magari spezzando tutto in due giorni.
Ci sono eventuali altri percorsi per salire in cima che si possono fare in giornata? Escluderei la Val Biandino, è troppo lunga!

nano hat gesagt: RE:
Gesendet am 14. April 2011 um 15:14
Ciao Alberto.

Fare il pizzo in due giorni mi sembra esagerato.Con un pò di allenamento e le giornate lunghe lo fai in giornata.
Un altro bel percorso oltre quello della Grassi è questo:
Da pescegallo ( Val Gerola) si sale al Begnigni dalla val Tronella. Da quì un bellissimo percorso di cresta porta alla bocchetta Inferno.
Si sale al pizzo e poi si scende puntando prima al Falck, poi si scende alla diga di Trona e da qui al parcheggio a Pescegallo.
Circa 8 ore di percorso provato da me con gente non tanto allenata.
Si può fare anche al contrario senza problemi

Ciao Nano

Barbacan hat gesagt:
Gesendet am 14. April 2011 um 16:29
Ok grazie, proverò.
L'idea dei due giorni è solo perchè abito nella bassa lodigiana e impiego un bel po' ad arrivare in montagna: per Introbio van via quasi due ore, nella bergamasca anche di più...


Kommentar hinzufügen»