Grigna Settentrionale da Balisio


Publiziert von ivanbutti , 2. Juni 2009 um 19:54.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum: 2 Juni 2009
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 

Balisio -Grignone

2 giugno 2009

 

 

Pur essendo vicina a casa ( 45 minuti circa ), è stata la mia prima volta su una delle cime più classiche delle Prealpi; sono salito da Balisio, che si raggiunge imboccando da Lecco il tunnel che porta in Valsassina. Superato Ballabio si arriva al colle Balisio; qui, poche decine di metri di prima di scolllinare, a sx. si imbocca  la via Grassi Lunghi ( vi è anche un cartello che indica il rifugio Pialeral ).

La via diventa presto una carrareccia; io, un po’ troppo solerte quando vedo cartelli di divieto di transito, ho posteggiato l’auto quasi  subito; in realtà poi ho visto che tutti proseguivano fino alla chiesetta del Sacro Cuore; così ho perso 20 minuti e 70 m. circa di dislivello,  ma non è stato un gran problema.

Dalla chiesa del Sacro Cuore si prende la larga carrareccia per il Pialeral; dopo un primo tratto che costeggia il torrente Pioverna ( impressionante il danno provocato da una slavina nel suo letto ), essa diventa poi sentiero, che sale nel bosco fino ad uscirne poco prima del rifugio Pialeral, nella cui zona si trova una bella fontana.

Si procede ora in mezzo al prato, il sentiero è evidentissimo e porta a W rispetto alla vetta, verso la bocchetta di Releccio, dove si trova anche un bivacco. Da qui, restando leggermente al di sotto della cresta W, si arriva in breve alla vetta, dove si trova il rifugio Brioschi.

Il panorama è notevole, certamente molto meglio di quello che si ha dalla vicina Grignetta.

Da segnalare che, mentre il versante S da me salito è sgombro di neve, in quello N ce n’è invece ancora veramente molta, tant'è che vi erano numerosi sci alpinisti.

Al ritorno ho seguito il cosiddetto sentiero invernale (quello d’andata è l’estivo, d’inverno sarebbe troppo rischioso per possibili slavine ), che percorre inizialmente la cresta  E, ma poco dopo la lascia deviando a dx. e scendendo per una ripida direttissima al Pialeral. Anche qui il sentiero è ben evidente, tutto costeggiato da paline che fanno da guida agli sci alpinisti durante l’inverno.

Dal Pialeral ripercorrendo il cammino d’andata si rientra al parcheggio.

 

 

Partenza : 750 m. ( 820 m. la chiesetta del Sacro Cuore )

Arrivo : 2410 m..

Dislivello : 1660 m. ( 1590 dal Sacro Cuore )

Tempo : 3 ore e 40 la salita; 3 ore  la discesa.


Tourengänger: ivanbutti

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»