Via Bramani Ratti alla Presolana Centrale - 2517 m


Published by irgi99 , 30 September 2018, 21h29.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:23 September 2018
Hiking grading: T5 - Challenging High-level Alpine hike
Mountaineering grading: TD-
Climbing grading: V+ (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 9:30
Height gain: 1534 m 5032 ft.
Height loss: 1533 m 5028 ft.
Route:12.88 km
Access to start point:Da Bergamo, imboccare la strada per la Val Seriana fino a Ponte della Selva, dove si abbandona la Val Seriana per svoltare a destra in direzione del Passo della Presolana. Da Castione della Presolana proseguire in direzione del Passo e lasciare l'auto poco prima di questo nel posteggio sulla sinistra appena dopo la Casa per Ferie Neve.
Accommodation:Passo della Presolana (q. 1297 m), Baita Cassinelli (q. 1568 m), Bivacco Città di Clusone (q. 2080 m)
Maps:KOMPASS N. 104 Foppolo - Val Seriana 1:50000

Arrivati a Castione della Presolana, ad accoglierci ecco dei simpaticissimi gnometti dal bel nasone: bellissimo passeggiare su e giù per questo paesino con sculture in legno ad aspettarci ad ogni angolo di via.... 
E il secondo giorno una divertente via (un po' affollata...) in Presolana... 
Anche se... a dire il vero.... questa volta alzarsi la mattina dal calduccio delle coperte non è stato per nulla facile.....!!!!


Dal parcheggio tornare indietro per poche decine di metri fino a dei cartelli in legno con le indicazioni per la Baita Cassinelli. Seguire la strada sterrata che, piano piano, si trasforma in un comodo sentiero che, mai ripido e sempre in mezzacosta, conduce alla Baita Cassinelli (q. 1568 m).
Qui il bosco scompare definitivamente, lasciando spazio ad ampi pascoli cosparsi da ghiaioni di bianca roccia calcarea.
Proseguire alle spalle del Rifugio su terreno ora decisamente più ripido fino a portarsi ai piedi della bastionata della Presolana Orientale.
Con un lungo traverso ascendente, seguire il sentiero che porta al Bivacco Città di Clusone. Un attimo prima di raggiungerlo, prendere la deviazione sulla destra. Seguire per un tratto il sentiero segnalato poi, alla q. 2090 m circa, svoltare decisamente a sinistra puntando alle rocce soprastanti. Tra roccette e zolle d'erba traversare alla base della parete rocciosa verso destra fino a raggiungere un canalone. Non scendere nel canalone, ma alzarsi per facili roccette (II) fino a portarsi alla base dell'evidente pilastro dove si snoda la Via Bramani-Ratti.
La via attacca in corrispondenza di chiodo con cordoni.

L1: attaccare il pilastro leggermente a destra per poi proseguire verticali fino a portarsi alla base di un piccolo strapiombo (chiodo). Per rocce più facili si raggiunge la sosta, un poco nascosta a sinistra dello spigolo  -  III+, IV+, V-, IV   30m
L2:
risalire la bella placca fino a due chiodi collegati con cordino: qui traversare a destra e uscire sullo spigolo. Proseguire sul filo dello spigolo per poi spostarsi leggermente a sinistra. Per facili risalti rocciosi un po' discontinui si raggiunge la sommità del primo pilastro dove si trova la sosta  -  IV, IV-, III+   45m
L3:
dalla sommità del pilastro, scendere per qualche metro (facile) per poi traversare su esile ed aereo ponticello verso la successiva parete. A questo punto, proseguire verticali su roccia ben appigliata fino al comodo terrazzo di sosta (1 solo chiodo)  -  IV-, I   20m
L4:
salire a sinistra puntando ad un chiodo già visibile dalla sosta, per poi rispostarsi a destra su terreno facile e non obbligato. Raggiunto un piccolo diedro di roccia più chiara, rimontarlo fino alla successiva sosta  -  IV, III   35m
L5:
affrontare l'atletico diedro a sinistra della sosta per poi raggiungere una compatta placca che porta ad una bellissima lama rossastra. Traversare verso destra (nessuna protezione) sfruttando il bordo della lama fino alla sosta  -  V, IV+   35m
L6:
alzarsi per pochi metri per poi uscire a destra. Per roccia ben appigliata ma un po' strapiombante (cordoni) si perviene alla sosta (uscire a sinistra)  -  V+, V-   30m

Da questa sosta, proseguendo dritti si affronta la variante Scandella, che prevede altri 2 tiri di corda (uno di VI e uno di V); oppure, come nel nostro caso, traversare a sinistra e proseguire per la via originale:

L7: traversare a sinistra per poi rimontare la placca bucata fino alla sosta (qualche passo di aderenza)  -  IV-, V-, IV   25m
L8:
imboccare il facile canale fino a raggiungere un masso con cordoni. Ignorarlo e proseguire nel canale puntando ad un evidente masso incastrato (1 chiodo alla base). Con non poca fatica vincere questo tratto verticale e uscire a sinistra dove si incontra la sosta su 2 chiodi  -  II+, IV   50m
L9:
sempre seguendo il canale, ora privo di difficoltà, facendo attenzione a non smuovere i sassi raggiungere la sua sommità, dove termina la via  -  I+, II   50m

Al termine del canale (cordino che indica la fine della via), traversare orizzontalmente verso destra senza percorso obbligato. Sempre per facili roccette (max II) abbassarsi di qualche metro per poi risalire puntando ad un evidente placca sovrastata da un bel diedro.
Vincere il diedro (2 chiodi - IV) per poi uscire su terreno più semplice a sinistra.
Qui le difficoltà terminano e non resta che percorrere l'evidente canale (erba e roccette poco salde) che deposita sulla cresta sommitale (ometti - 150 m circa di canale).
Raggiunta la cresta, svoltare decisamente a destra e, seguendo numerosi bolli rossi un po' sbiaditi e ometti, raggiungere la croce di vetta della Presolana Centrale (q. 2517 m).

Questo tratto di cresta non presenta difficoltà, anche se bisogna prestare attenzione in un paio di punti un poco esposti.

Dalla vetta della Presolana Centrale, scendere per pochi metri in direzione della Presolana Orientale fino ad intercettare dei bolli rossi che segnano l'ingresso del Canalone Bendotti (nonchè via normale di salita alla Presolana Centrale).
La discesa nel Canale non è affatto banale, in quanto bisogna affrontare numerosi e verticali passi in disarrampicata di II+ su roccia non sempre stabile e sana. I tratti più impegnativi (III) sono stati attrezzati per la discesa in doppia (le calate non sono indispensabili ma utili per i meno sicuri).
Raggiunto il fondo del Canale, si incontrano sulla destra delle catene che riportano sul sentiero segnalato dalle bandierine bianco-rosse.
Seguire la detritica cengia (qualche tratto attrezzato) fino a tornare al bivio con cartelli posto poco prima del Bivacco Città di Clusone.
Da qui, svoltando verso valle, come per la salita.

Se si percorre la Variante Scandella, è possibile scendere anche lungo la linea di salita con 5 doppie, di cui una nel vuoto.
Percorrendo la Via Originale, invece, è più complicato tornare all'uscita della Variante Scandella e, di conseguenze, è anche più complicato scendere in doppia.

La via è attrezzata con resinati, chiodi e cordoni. Le protezioni non sono mai abbondanti, ma poste sempre nei punti più impegnativi delle varie lunghezze. Portare friends fino al n°2 BD e cordini. Le soste sono tutte attrezzate a fix con catena ed anello di calata (presenti anche le vecchie soste).


TEMPI DI PERCORRENZA:

PARCHEGGIO - BAITA CASSINELLI: 40 minuti
BAITA CASSINELLI - ATTACCO VIA BRAMANI RATTI: 1,00 ora
ATTACCO VIA BRAMANI RATTI - FINE VIA: 4,00 ore
FINE VIA - CRESTA SOMMITALE: 50 minuti
CRESTA SOMMITALE - PRESOLANA CENTRALE: 15 minuti
PRESOLANA CENTRALE - PARCHEGGIO: 2,45 ore

con Peru

Hike partners: irgi99


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T4 F
11 Aug 16
Periplo della Presolana · daniered
F II
PD III
T2
T3 PD II
10 Sep 16
Pizzo della Presolana (2521m) · morgan

Comments (6)


Post a comment

andrea62 says:
Sent 1 October 2018, 12h08
Via dai nomi famosi, e voi siete bravissimi!
Ciao

irgi99 says: RE:
Sent 1 October 2018, 12h10
.... esagerato... grazie! :)
Ciao
Irene

GIBI says:
Sent 1 October 2018, 19h43
Tecnicamente non conoscendo la materia non posso gustarmi appieno la scala delle difficoltà però le immagini sono decisamente bellissime da gustare anche per noi semplici camminatori !

Bravi ... come sempre del resto !

ciao Giorgio

irgi99 says: RE:
Sent 1 October 2018, 22h18
Grazie mille Giorgio...
anche se secondo me "semplici" camminati non ci sono.... ogni cosa, che sia arrampicata, camminata o alpinismo, se fatta col cuore non può essere "semplice"... ma da' sempre bellissime emozioni... :)
Complimenti a te per tutte le belle escursioni
Ciao
Irene

blepori Pro says:
Sent 3 October 2018, 07h49
dalle foto sembra una bella via alpina, degna del nome di chi l'ha aperta. Bravi. Benedetto

irgi99 says: RE:
Sent 3 October 2018, 08h03
Si, molto bella come via! Soprattutto anche per il paesaggio che ti circonda!
Grazie,
Irene


Post a comment»