Monte Lema


Publiziert von paoloski Pro , 3. Januar 2018 um 11:54.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:29 Dezember 2017
Schneeshuhtouren Schwierigkeit: WT2 - Schneeschuhwanderung
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   I   Gruppo Tamaro-Lema 
Aufstieg: 450 m
Abstieg: 450 m

Oggi  siamo in cinque: oltre a me e Monica ci sono Maurizio, Nello ed Ezio. Ritrovo alle 8, meta prevista è Monteviasco ma giunti poco prima di Curiglia scopriamo che la strada è bloccata: nonostante la mancanza di qualsivoglia cartello di avvertimento c'è un cantiere all'altezza del ponte. Ci informiamo, tempo di chiusura previsto: 2 ore. Sono le 9,30...non se ne parla neppure di restare qui ad attendere, facciamo dietrofront e torniamo verso Dumenza per salire al rifugio Campiglio al Pradècolo. La strada è decisamente infinita e affrontabile solo con le gomme invernali, parcheggiamo nei pressi del rifugio che appare chiuso, peccato: un caffè l'avremmo bevuto volentieri. Ci prepariamo e partiamo, io, Monica e Nello con le ciaspole, Maurizio ed Ezio senza: confidano di poter comunque salire senza troppi problemi seguendo le nostre tracce...vana illusione: dopo pochi metri in cui si trovano ad affondare nella neve sino all'inguine decidono di rinunciare. Ci separiamo, noi saliremo al Lema mentre loro scenderanno lungo la strada e andranno a mangiare in qualche ristorante della valle.
Seguiamo delle tracce di sci e di ciaspole che risalgono la strada forestale per l'Alpe Pian di Rumo, al nostro gruppo si è aggiunto anche una lupacchiotta, probabilmente il cane del rifugio Campiglio, che ci segue per un buon tratto. Giungiamo al termine della strada, raggiungiamo la cresta che presto spiana per poi affrontare il risalto finale decisamente ben più pendente. Presto siamo in vista della croce di vetta e del grande radome del radar meteorologico che caratterizzano la vetta del Monte Lema.
Finalmente la vista, finora "limitata" al Lago Maggiore ed alle Alpi Occidentali, si apre anche sul Lago di Lugano e sulle montagne ad Est... il panorama da qui può spaziare a 360°, le montagne vicine e lontane si stagliano nitide e sia io che Monica ci troviamo d'accordo nel ritenerci fortunati nel vivere in questi luoghi.
In cima troviamo anche poncione salito anch'egli dal Pradecolo che ha meritoriamente "battuto la traccia". Troviamo un punto riparato ai piedi della croce e consumiamo il nostro pasto poi iniziamo la discesa. Le strane ciaspole di Nello, che già in salita a me e Monica non erano parse molto efficienti, si rivelano presto per quello che sono: una sorta di Big Foot, più adatti ad una discesa in pista che ad un percorso in neve fresca. Fatti pochi metri una parte della talloniera decide di dare forfait e perdersi nella neve cosi che per Nello proseguire diviene problematico. Sembra intenzionato ad abbandonare questi malefici attrezzi sul posto, Monica, più per ragioni di conservazione dell'ambiente che per altro, lo fa desistere e, dopo vari tentativi, grazie a due provvidenziali stringhe che recupero dal mio zaino, riusciamo a porre rimedio e Nello può, seppur a rilento, proseguire la discesa.
Finalmente arriviamo al rifugio Campiglio, contattiamo telefonicamente Maurizio ed Ezio che si trovano a Runo dove hanno pranzato. Anche in discesa la strada fra il rifugio e la località Cinquevie dove questa ha inizio, è veramente infinita, finalmente siamo a valle, all'incrocio vediamo un cartello nuovo di zecca che segnala l'interruzione della strada per Curiglia... meglio tardi che mai come suol dirsi!
Raggiungiamo Runo dove troviamo i nostri amici all'esterno del ristorante da cui, vista l'ora, li hanno, per così dire "sbattuti fuori" e ci dirigiamo verso Luino dove facciamo una sosta al bar Clerici sul lungolago prima di proseguire per Varese.

Bella gita, dal Lema il panorama è veramente spettacolare. Le difficoltà con le ciaspole sono decisamente limitate soprattutto se qualcuno ha già battuto la traccia...grazie Emiliano!   :-)

Tourengänger: paoloski


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (1)


Kommentar hinzufügen

Poncione hat gesagt:
Gesendet am 4. Januar 2018 um 19:45
Piacere d'avervi rivisto... e "facilitato" la salita (che fatica...). ;) Meno male che l'incidente di Nello si è risolto bene, come si è visto...
Ciao


Kommentar hinzufügen»