Tamierhorn (3087 m) dalla cascata del Toce - Formazza


Publiziert von atal , 7. August 2017 um 07:38.

Region: Welt » Italien » Piemont
Tour Datum: 5 August 2017
Wandern Schwierigkeit: T5+ - anspruchsvolles Alpinwandern
Klettern Schwierigkeit: I (UIAA-Skala)
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   I   Gruppo Basodino 
Zeitbedarf: 9:30
Aufstieg: 1400 m
Abstieg: 1400 m

"No, il ripetitore no!", potrebbe essere questo il titolo della relazione. In effetti le premesse non sono delle migliori: l'alta Val Formazza è assediata da opere idrauliche ed elettriche di ogni sorta e la zona del Tamierhorn non fa eccezione. Sul profilo della nostra meta, al suo primo apparire nel controluce del mattino, si staglia la sagoma quadrata di un ripetitore, poco sotto la cima. A questo punto la poesia sarebbe già finita...

Giunti però al Lago Nero, ogni riserva si scioglie: il lago - che per il suo colore meriterebbe di essere chiamato piuttosto Lago Bluè uno dei più belli che mi sia capitato di vedere: il tappeto di erba verde scende fino sull'acqua e nel verde dell'erba c'è una miriade di fiori. Il colore dell'acqua e la trasparenza ricordano il mare della Croazia. Tutto intorno si specchia l'alta montagna, con il Basodino sullo sfondo a calamitare l'attenzione, mentre l'appariscente Corno Talli crea uno scorcio degno delle Isole Lofoten. Davanti a noi, come da un terrazzo, il panorama sulle cime del gruppo del Monte Giove e non solo completano un quadro a 360° che non teme rivali.

Sopra il lago si attraversano estese pietraie e piccoli nevai. In questa apparente monotonia si trovano però rocce stranissime, con gli strati ripiegati, arenarie con inserti cristallini, formazioni con filamenti (avete presente l'amianto?) disposti a raggiera e tante piccole piante sorprendentemente adatte a questo ambiente minerale.

La vista dalla cima del Tamierhorn verso il Basodino lascia senza parole.

Andata
Parto con Ferruccio dal parcheggio sopra la cascata del Toce, località La Frua 1681 m.

I cartelli non indicano né l'Alpe Ghighel, né il Lago Nero ma il percorso è comunque evidente. Imbocchiamo sulla destra (E) una mulattiera tra muretti a secco che presto diventa un ripido sentiero nel folto della vegetazione. All'Alpe Ghighel (2121 m CNS) il versante appiana e la segnaletica scompare: evidentemente il percorso più frequentato per il Lago Nero è quello che parte dal rifugio Maria Luisa e che traversa una cinquantina di metri sopra il pianoro dell'alpe...

A questo punto ci sono due possibilità equivalenti per raggiungere il sentiero di cui sopra:
  1. dalla baita più a sud (quota 2132 m CNS), salire nei prati con percorso libero poggiando a destra (traccia sul terreno quasi invisibile e non segnalata, comunque non ci sono difficoltà) 
  2. percorrere verso destra la strada sterrata che procede in piano fino ad arrivare nei pressi del rio Scelp, dove una traccia (ometti) sale sulla sinistra (N) fino a raggiungere il sentiero proveniente dal rifugio
Arrivati sul sentiero, si guada il rio Scelp e si sale, prima al Lago Nero minore (circa 2300 m), poi al Lago Nero vero e proprio (2428 m).

Fino qui 2 ore.

Si segue il sentiero segnalato per il passo Tamia /  Tamierpass fino al Passo di Lago Nero (2600 m circa) e quindi al colletto di quota 2797 m. Oltre questo punto si abbandona il sentiero - che qui cambia versante - e si procede a vista verso la cima, senza un percorso obbligato. 

Noi siamo saliti su nevai, rocce rotte e blocchi a sinistra (N) della cresta Ovest, che abbiamo raggiunto a circa 2960 m. Abbiamo quindi percorso la cresta per un breve tratto (elementare), fino al ripetitore di destra, che si trova poco sotto l'anticima Sud, quindi abbiamo traversato in salita su blocchi fino al colletto tra l'anticima S (quota 3065 m CNS) e la cima principale. Da ultimo su cresta a blocchi abbiamo raggiunto la nostra meta (I, con qualche passaggio esposto facilmente evitabile).

Tempi: 2:30 dal Lago Nero

Difficoltà: T4

Ritorno
Per il ritorno, anziché ripetere la via dell'andata, ci siamo calati nel canale che scende a Ovest del Passo di Antabia, quindi nel canale principale che dal Basodino scende verso il Lago Nero, per raggiungere infine la dorsale di rocce montonate che termina sulla sponda nord del lago.

La discesa ha richiesto il superamento di alcune fasce rocciose, con qualche passaggio esposto ma non difficile (I grado). La corda è sempre rimasta nello zaino perché non ci sono possibilità di ancoraggio.

Percorso divertente ma sconsigliato a chi vuole andare sul sicuro e rientrare velocemente.

Tempo: 3 ore dalla cima al lago, comprese alcune soste per ammirare i minerali.

Difficoltà: T5+

Tourengänger: atal

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T4+ L II
12 Aug 15
Tamierhorn (3087m) · Max64
T4+ L
22 Sep 13
Tamierhorn (3087 m) · Daniele
T4- L I
14 Sep 14
Tamierhorn 3087m · igor
T4- L
25 Aug 16
Tamierhorn, Val Formazza · tignoelino
T4+ L

Kommentare (10)


Kommentar hinzufügen

Menek hat gesagt:
Gesendet am 7. August 2017 um 10:45
Spessore...e bei posti.

atal hat gesagt: RE:
Gesendet am 7. August 2017 um 15:42
Si, belli nonostante le infrastrutture...

irgi99 hat gesagt: RE:
Gesendet am 8. August 2017 um 08:59
ahahah ti capisco...!!! In posti così, ogni foto ha il suo bel perchè!!

danicomo hat gesagt:
Gesendet am 7. August 2017 um 12:35
Tra le cose da fare....
Ma spiegami bene.... dalla quota che citi avete seguito interamente la cresta fino in vetta?
Le relazioni precedenti stavano sul versante sinistro salendo e seguivano i nevai.
Che difficoltà avete trovato in cresta?
Grazie
Daniele

atal hat gesagt: RE:
Gesendet am 7. August 2017 um 16:00
Ciao Daniele, dopo la quota in questione, anche noi siamo saliti su nevai, rocce rotte e blocchi, poi abbiamo raggiunto la cresta a circa 2960 m e la abbiamo seguita (breve tratto, elementare) fino al ripetitore posto sotto l'anticima sud, quindi abbiamo traversato in salita su blocchi fino al colle tra anticima sud e cima principale, quindi su cresta a blocchi in vetta (I, un passaggio aereo facilmente aggirabile). Alla fine non c'è un percorso obbligato, dipende dalla propensione al "bel gesto" di ciascuno...e la mia è piuttosto scarsa ;-)
Andrea

irgi99 hat gesagt:
Gesendet am 7. August 2017 um 22:31
Cavoli che posti, e che panorami! Bravi!

atal hat gesagt: RE:
Gesendet am 7. August 2017 um 22:43
Grazie, è stato difficile scegliere quali foto non pubblicare...

irgi99 hat gesagt: RE:
Gesendet am 8. August 2017 um 09:00
ahahah ti capisco...!!! In posti del genere ogni foto ha il suo bel perchè!

Poncione hat gesagt:
Gesendet am 7. August 2017 um 22:35
Molto bello e... in lista d'attesa. ;)
ciao

atal hat gesagt: RE:
Gesendet am 7. August 2017 um 22:50
Si, molto bello. E' uno di quei giri che vale la pena fare per l'ambiente nel suo insieme. La cima, senza nulla togliere alla vista strepitosa sulla Sud del Basodino, è più che altro un pretesto...
Ciao


Kommentar hinzufügen»