Monte Mater -2026 mt- (da Sagrogno).


Publiziert von GAQA , 25. April 2017 um 21:34.

Region: Welt » Italien » Piemont
Tour Datum:23 April 2017
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I   Vigezzo 
Zeitbedarf: 5:00
Aufstieg: 1060 m
Abstieg: 1060 m
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Gallarate - Besnate - Autostrada A26 Genova/Gravellona Toce - direzione Gravellona - S.S 33 Strada Statale del Sempione - uscita Val Vigezzo - proseguire fino a Druogno, svoltare a sinistra in direzione Albogno e subito dopo a destra per la frazione Sagrogno.

A Sagrogno 979 mt. frazione di Druogno (Vb), i parcheggi scarseggiano, nonostante tutto troviamo un posteggio di fortuna proprio nell'ultimo spazio auto disponibile. Alle fine delle ultime case, nei pressi di un divieto d'accesso si trovano i segnavia escursionisti, tra cui l'indicazione per l'Alpe Gora, nostra tappa intermedia della gita stimata con un tempo di percorrenza di 1 ora e 20 minuti.

Inizialmente si cammina su larga e ripida carrareccia/mulattiera, si attraversa un avvallamento dove scorre un lieve corso d'acqua, infine si arriva alle baite dell'Alpe Pezza Cadone 1050 mt. La mulattiera si biforca, prestando le dovute attenzioni, si nota un segnavia sbiadito (bianco-rosso) verniciato sulla seconda baita dell'alpe. Proseguiamo e raggiungiamo l'Alpe Braghi 1113 mt.

Ad un certo punto, un segnavia verniciato su un albero c'invita ad entrare nella faggeta. Invece, senza farsi ingannare, si rimane sulla mulattiera passando a fianco agli ultimi due ruderi in stato di abbandono dell' Alpe Braghi, fino a trovare il cartello ben posizionato e la segnaletica ufficiale. A questo punto si risale la ripida faggeta, ben segnalata sia a vernice sia da ometti lungo il percorso. La larga dorsale non concede un attimo di tregua, raggiungiamo l'Alpe Gora 1468 mt.

L'Alpe Gora e' caratterizzato da un ampia prateria esposta al sole in posizione panoramica sulla Valle Vigezzo, con baite anch'esse in stato di abbandono. Dopo una breve sosta, rientriamo nel bosco, questa volta a far da padrone saranno larici e abeti, di cui molti abbattuti che in alcuni passaggi intralciano il percorso. La dorsale diviene una costola boscosa, intorno a quota 1800 mt si esce allo scoperto, le pendenze aumentano ancora notevolmente, la ripidità del tracciato e' impressionante: una "Direttissima".

Giunti a quota 1900 mt, il sentiero tende a perdersi nei pressi di alcune roccette affioranti, ma il proseguimento e' intuitivo. Notiamo un masso segnavia dove si trovano delle frecce verniciate in bianco. A destra si sale velocemente al Monte Mater; a sinistra, seguendo i segnavia (bianco-rossi) si traversa il ripido e franoso fianco ovest del Mater, giungendo alla selletta poco sotto il Monte Margineta. Quest'oggi asky indemoniato, guidava il gruppo, e al bivio, a testa bassa, girava a sinistra con passo deciso. Se non fosse stato per i miei ripetuti richiami avrebbe raggiunto il Monte Margineta convinto di essere arrivato in cima al Monte Mater :) . Alla selletta tra il Margineta e il Mater ci ricompattiamo e puntando a Est, saliamo la cresta, terreno misto un po' sfasciumato fino in cima al Monte Mater 2026 mt. L'impegnativa salita viene ripagata con un grandioso e strepitoso panorama sull'arco Alpino.

Per la discesa, puntiamo direttamente a Sud, ritrovando il bivio in questione. A questo punto ripercorriamo il medesimo itinerario utilizzato all'andata fino a Sagrogno.

NOTE : Escursione facile tecnicamente ma impegnativa per ripidità, le pendenze di questa montagna non sono da sottovalutare. Buona la segnaletica, anche se a tratti tende a perdersi, nel complesso e' una salita intuitiva.

Tourengänger: GAQA, asky


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (4)


Kommentar hinzufügen

tignoelino hat gesagt:
Gesendet am 25. April 2017 um 23:27
se ci fosse stata neve, bella impegativa

GAQA hat gesagt:
Gesendet am 26. April 2017 um 07:51
Ciao Roby, lo so che sei salito anche con la neve, e che la gita come ho scritto e' facile. Ma con o senza, rimane pur sempre un "muro verticale" erboso, con pendenze e ripidità importanti. Ho semplicemente cercato di descrivere questo.
Ciao Alessandro

Giuliano54 hat gesagt:
Gesendet am 27. April 2017 um 08:17
Che ritmi Ale! Due uscite in una settimana! Bella escursione in ambienti sempre panoramici.
Ciao. Giuliano.

GAQA hat gesagt:
Gesendet am 27. April 2017 um 12:25
Ciao Giuliano, grazie.
Abbiamo pescato il jolly questa settimana, due uscite in pochi giorni: perfetto:):)
Ma so' che non sarà sempre cosi, tra impegni lavorativi e famigliari (figlia 4 anni).
Se ci sarà occasione, prima o poi, ci organizziamo per una gita in compagnia:)
Alla prossima.
Ciao Alessandro


Kommentar hinzufügen»