Turchia....verso il Kackar!


Published by patripoli , 15 June 2014, 17h36.

Region: World » Turkey
Date of the hike:15 June 2014
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: TR 
Height gain: 1066 m 3496 ft.
Height loss: 1073 m 3519 ft.
Route:Percorso di 17,500 km a/r
Access to start point:Da Yusufeli seguire le indicazioni per Barhal e poi procedere per Yaylalar e Olgunlar

Abbiamo finalmente raggiunto le montagne del Kackar, in Turchia, e vi garantisco che non sono montagnole da poco!

In questa zona, gran parte delle cime superano i 3500 metri e la vetta principale che dà appunto il nome all'intero gruppo arriva a sfiorare i 4000 metri.

Il paese più vicino alla partenza delle salite sul versante meridionale è Yusufeli, che però dista 70 km di discreta sterrata dal punto di inizio di qualsiasi escursione, ma una volta arrivati a destinazione ci si trova in un vero e proprio paradiso alpino, con gigantesche praterie sormontate da pilastri di granito di notevoli dimensioni, a loro volta solcati da canali di ogni foggia e pendenza, ancora colmi di neve.

Decidiamo di avvicinarci alla vetta principale, senza l'ambizione di arrivare fino in cima!

Partiamo dall'ultimo paesino raggiungibile in auto, a 2100 metri di quota, dove trascorriamo la notte in un rifugio-albergo.

La camminata si presenta lunga e alle 7:00 siamo già sul sentiero!

La vera e propria salita è preceduta da un lungo falsopiano di circa 6 km, con guado dai forti picchi (alle estremità!!!!!),  che ci “cucina i piedi a puntino” e arrivati in fondo alla valle si aprono le danze....in un ambiente che farebbe la felicità di qualsiasi escursionista, alpinista e scialpinista.

Ci alziamo su pendii abbastanza sostenuti e arriviamo a una bella piana dove di solito tutti coloro che vogliono salire in cima possono campeggiare.

Da lì in poi il sentiero diventa sempre più ripido e cominciano a presentarsi grosse lingue di neve che intersecano la traccia, costringendoci a continue deviazioni su pietraie non troppo

stabili.

Proseguiamo cercando il modo di arrivare a un lago posto a circa 3300 metri, che era il nostro obiettivo, ma poco prima di arrivare a 3200 metri, tra le “saracche” di Mauro, siamo costretti a gettare la spugna a causa dell'attrezzatura inadeguata in nostro possesso (scarpett de pessa...)

Visto come si è evoluto il clima in seguito devo dire che è stata una botta di fortuna perchè dopo circa un paio d'ore di discesa inizia a piovere e anche a tuonare.

I pantaloni di Mauro, da bianchi diventano sempre più marroni..... i nostri passi sempre più veloci, e una volta arrivati a “casina” scoppia un vero e proprio temporale, che dura per un paio d'ore.

Come primo assaggio non è sicuramente un antipasto, ma una deliziosa portata!

Speriamo continui così.....

 

Non chiamatelo Kacar, come lo chiamo io, perchè Mauro si arrabbia.

Sotto sua dettatura vi spiego la pronuncia: Kac (con la c di cielo) seguito da kar.

Almeno l'uomo non rompe più le scatole....


Hike partners: patripoli


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (14)


Post a comment

Menek says:
Sent 15 June 2014, 23h04
Bei posti... ma bisognava andare così distante per andare a Kackar? Ma.....
Salutoni
Dome

patripoli says: RE:
Sent 16 June 2014, 19h47
Eeeeeeè...quando skappa....skappa !!

cristina says:
Sent 16 June 2014, 09h12
Mi vien da ridere a pensare ai pantaloni "sempre più marroni" di Mauro... in Kackar!!!

Battutaccia!

Ciao e buona continuazione! Cri

Menek says: RE:
Sent 16 June 2014, 19h39
Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaah Cristina! Sagoma!

patripoli says: RE:
Sent 16 June 2014, 19h49
I fulmini su quest'uomo hanno quell'effetto......

andrea62 says:
Sent 16 June 2014, 09h49
Ho inquadrato la zona: pensate di visitare anche Trabzon? Buone escursioni.
Andrea

patripoli says: RE:
Sent 16 June 2014, 19h51
A Trabzon siamo arrivati ma.........siamo scappati in fretta, anche un pò arrabbiati (http://patriziainfuga.blogspot.com.tr/)

andrea62 says: RE:
Sent 17 June 2014, 10h06
Ho letto: avete fatto bene a impuntarvi. Chissà che bello un passo in condizioni quasi invernali con le gomme lisce, per non parlare di due settimane coi sedili sudici.

veget says:
Sent 16 June 2014, 15h57
Ciao Ragazzi,
Quando ho visto la regione dove siete andati a esplorare non ci credevo... Complimenti !!! per la vostra capacità ed il piacere di scoprire, altri mondi... Siete Straordinari...
Auguri di Buon proseguimento... laggiù


Mentre vi ricordano
Da Senigallia
Giancarla e Eugenio

patripoli says: RE:
Sent 16 June 2014, 19h53
E' tutto merito della Patri (Mauro)
Divertiti anche tu....laggiù !!

gbal says:
Sent 16 June 2014, 22h06
Ogni tanto la Patrizia (e il suo Marco s'intende) fanno di questi scherzetti che noi ci dovremmo pensare chissà come e quanto per organizzarli. Invece loro passano con disinvoltura dalla gita con Veget in quel del VCO a un saltino di 17500 km per visitare qualche montagnetta anche da quelle parti.
Bravi!

patripoli says: RE:
Sent 17 June 2014, 19h44
Sapessi quanto tempo ci ho messo per organizzare il tutto.....
Ma anche questo è un aspetto del "fai da te".
Grazie per i complimenti!

bigblue says: ....
Sent 17 June 2014, 10h17
MERAVIGLIOSOOOOOOOOOOO!!!!!!!
Ciao Patrizia e Mauro......non ho trovato altro aggettivo.....mi piacerebbe tornare in Turchia per conoscere anche le zone interne (amici sono stati a fare skialp, mi hanno detto un gran bene)....fortunati voi....godetevela..........le foto raccontano lo spettacolo.......anche in "scarpett de pessa"
Buona continuazione
Pia

patripoli says: RE:....
Sent 17 June 2014, 19h47
Ti abbiamo pensato....nel vedere la gran quantità di canali che solcano queste pareti.
Qui lo scialpinismo è ancora agli albori, ma c'è da "mangiare e bere".
Adesso ci stiamo avviando verso il Kurdistan turco....
Ciao!


Post a comment»