COVID-19: Current situation

Di sentieri ce n'è una risma,oggi scelgo il Monte Misma (1.160 mt) Giro ad anello.


Published by Menek , 9 February 2014, 10h58.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 8 February 2014
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 3:15
Height gain: 530 m 1738 ft.
Height loss: 530 m 1738 ft.
Access to start point:Val Seriana- Pradalunga- Madonna della neve
Maps:Kompass Foppolo/val Seriana

Dopo la neve di domenica scorsa al Monte Palo e la settimana di pioggia, oggi la giornata dovrebbe essere discreta e punto verso il Misma sperando di evitare(almeno in parte) la neve. Il percorso ha inizio dalla Madonna della neve (o Madonna della forcella), arrivati  a Pradalunga seguite i segnali turistici ben evidenti  e non avrete problemi. Parto dal comodo parcheggio e mi porto nella parte opposta all’ingresso della Chiesa (fate attenzione)  seguendo una piccola scalinata, mi immetto sul sentiero 510 (rara bollatura rossa)  che porta alla vicina chiesa degli alpini e da qua per un rado bosco arrivo in località  Pratadòlt  dove incrocio il sentiero 539 che arriva da Cornale. Si prosegue per sentiero e per carrareccia sino a giungere alla località Mesòlt in 0:30 dal parcheggio (sino a qua pendenza moderata). Ora trovate un pannello con la mappatura dei sentieri del Misma e una palina del CAI, seguendo il sentiero 539 si prosegue verso il Misma passando dalla località Cà de l’Aert,  con vari zig zag si arriva in maniera decisa alla cima  con un ultimo tratto in crinale (ma si può evitare), 1h 30 dalla partenza per sentiero oggi molto fangoso e neve alta 10 cm nello  strappo  finale. Da qua il panorama dovrebbero essere a 360° e molto bello, ma anche oggi a malapena riesco a cliccare  qualche foto decente, partito con il sole dal parcheggio, in cima c’era una nuvola da famiglia Addams che poche volte mi ha permesso di “bucare” con la vista, aprendosi  soprattutto verso la pianura colma di nebbia con  gli Appennini in lontananza   e verso la città di Bergamo. Che sfiga! Faccio le foto sotto la croce e penso che qualcuno oggi me l’ha “tirata”, gesto “scaramantico” come da copione e riparto… voglio fare un giro ad anello passando per la chiesa di S. Maria del Misma. Riprendo il sentiero di salita e ritorno per 50 mt , in   prossimità di un’ “omino” fatto di piccoli massi ,  incrocio il sentiero 601 (bollatura gialla) che punta giù deciso verso  Est… in lontananza si vede la meta. O:30 di melmosa  discesa in un boschetto spoglio ed eccomi arrivato. Il posto è carino e si presta per la siesta, sotto un grande  porticato, tavoli e sedie abbondano. Prendo i miei due panini imbottiti di salame vegano e hummus, li guardo, e mi sento triste come un’orsetto  che ha perso la propria mamma…  li  addento mentre osservo  Olmo che si sta rimpizzando lo stomaco con dell’ottimo cibo per cani ed un paio di succulenti biscotti, i suoi occhietti vispi brillano…   dentro di me penso  che l’Etica è una fottuta fregatura! Tirato giù tutti i Sacramenti in maniera irrispettosa per il luogo in cui mi trovo , m’incammino verso ovest   passando sotto ad un cavo d’acciaio: obiettivo Roccolone (bollatura gialla molto rara e cartello CAI).  In falsopiano e per sentiero che sembra un campo da motocross, vado spedito , tralascio sulla sinistra un sentiero (626) che scende  nel parco naturale ed arrivo al Roculù. Ancora a sinistra un sentiero (513) scende, ma io proseguo  dritto  sempre in mezzacosta, verso l’incrocio di Mesòlt e poi giù al Predòlt- chiesa degli alpini-Madonna della neve. Tempo 1h o poco più. Dal Roccolone al Mesòlt la segnaletica è scarsa, ma se osservate bene qualche cartello indicativo e rara bollatura CAI la trovate. Comunque seguite la mezzacosta che non sbagliate. Tutto sommato un bel giro, adatto a chi ha un minimo di “gamba”. In primavera passerò ancora da queste parti…
Tempo per giro ad anello:3h 15 circa
Nota: piccole frane e smottamenti  sul sentiero dovute alla pioggia abbondante, le piante cadute che ostruivano il passaggio sono state rimosse. Sentiero agibile.
Con me ha camminato Piero il cinghiale  e l’inseparabile Olmo.
A la prochaine.    Domenico
 
 

Hike partners: Menek


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T2
13 Apr 13
Monte Misma m. 1160 · patripoli
T4-
T2
16 Apr 21
Monte Misma da Cenate di Sopra · andrea62
T2
29 Nov 15
Monte Misma- monte Pranzà · Francesco
T2

Comments (10)


Post a comment

gbal says:
Sent 9 February 2014, 20h02
Indubbiamente questa montagnetta ha il suo fascino e consente diversi giri (giudicando dal pannello che hai fotografato).
Belle le immagini di Olmo che continua imperterrito ad essere carnivoro e a seguire il padrone solo in montagna e non nell'alimentazione.
Mi sono perso Paolo il cinghiale.....dov'è?

Menek says: RE:
Sent 9 February 2014, 22h07
Ciao Giulio,
il Misma è proprio divertente ed è a portata di mano, la prossima volta oltre alla cima farò il periplo per allungare un pò il giro. Olmo è governato dall'istinto io dalla coscienza... indovina chi ha la più grossa fregatura? Però sa rendermi felice in maniera inconsapevole perchè ama molto anche la frutta e la verdura. Piero non ama molto farsi fotografare, lo intravedi nella foto in lontananza mentre scendiamo dal Misma direzione chiesetta. Come tutti i cinghiali adora nascondersi nella radura! eh eh eh
saluti
Domenico

patripoli says:
Sent 11 February 2014, 10h02
Mi sa che siamo gli unici di questa community ad essere saliti sul Misma....
Ricordo che ero partita un po' prevenuta nei confronti di questa montagna, ma poi ho dovuto ricredermi e mi piacerebbe tornare, magari facendo un giro diverso....e in un periodo di "secca"!
Sempre divertenti le tue relazioni.....
Ciao.
Patrizia

Menek says: RE:
Sent 12 February 2014, 10h12
Ciao Patri,
credo anch'io che siamo gli unici due... quando si va in Val Seriana ci si passa davanti e la si tralascia con un pò troppa nonchalance ed invece può regalare emozioni inaspettate. Se vai in primavera ti/vi accompagnerei volentieri. Per quanto riguarda le relazioni,io sono un cazzaro e mi piace "alleggerire" un pò le relazioni, è molto importante dare più notizie possibili dell'escursione ma anche godere della leggerezza che queste infondono. Ringrazio io chi ha la pazienza di leggerle, però chissà quante volte avrò preso del matto! Va così...
Un abbraccio
Domenico

grandemago says: RE:
Sent 12 February 2014, 17h06
Mi dispiace togliervi l'esclusiva, ma sul Misma ci sono stato qualche anno fa con un gruppone Cai......ravanando nel fango! Bel giro comunque.
Ciao
Aldo

patripoli says: RE:
Sent 12 February 2014, 17h24
Non avevo dubbi.....
Non c'è montagna orobica che non ti abbia visto solcare i suoi versanti e arrivare sulla sua cima!
Il fango al Misma....dev'essere una costante....
Ciao

grandemago says: RE:
Sent 12 February 2014, 21h19
Di cime inviolate ne ho lasciate molte..

Ciao

Menek says: RE:
Sent 12 February 2014, 19h46
Abbasso le esclusive e viva il Grandemago!
Saluti
Domenico

grandemago says: RE:
Sent 12 February 2014, 21h20
Non esageriamo Domenico!

Ciao

patripoli says:
Sent 12 February 2014, 11h35
Per quanto riguarda il giro in primavera.....più che volentieri!
Quando arriva il momento ci mettiamo d'accordo....
Ciao e buone camminate....bel tempo permettendo.
Patrizia


Post a comment»