Pizzo d’Orsirora (2661 m) e Pizzo dell’Uomo (2686 m)


Published by siso Pro , 28 August 2011, 22h55.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:28 August 2011
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Climbing grading: I (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   CH-UR   Gruppo Pizzo Lucendro 
Time: 5:45
Height gain: 723 m 2371 ft.
Route:Diga del Lago di Lucendro (2080 m) – Cassina di Giacobbe (2157 m) – Lago d’Orsino (2286 m) – Passo d’Orsino (2565 m) – Pizzo d’Orsirora (2603 m) – Passo d’Orsirora (2528 m) – Pizzo dell’Uomo (2686 m) – Alpe di Lucendro (2181 m) – Diga del Lago di Lucendro (2080 m).
Access to start point:Autostrada A2, uscita Airolo – Passo del San Gottardo – Parcheggio alla Diga del Lago di Lucendro (2080 m).
Accommodation:Albergo San Gottardo Ospizio
Maps:C.N.S. No. 1251 – Val Bedretto - 1:25000; C.N.S. No. 1231 – Urseren - 1:25000.

Ieri al Passo del San Gottardo sono caduti i primi dieci centimetri di neve della stagione: l’afa estiva è stata rimpiazzata dalla frizzante aria autunnale.

 

Inizio dell’escursione: ore 7:35

Fine dell’escursione: ore 13:20

Temperatura alla partenza: 2°C

Temperatura al rientro: 17°C

 

Giornata incantevole oggi al Passo del San Gottardo: non mi ricordo un’altra escursione di più ore con il cielo completamente privo di nuvole e senza vento.

Della neve caduta ieri rimane ben poco. La temperatura, per contro, si è decisamente abbassata rispetto alla settimana scorsa.

Sono il primo a parcheggiare alla diga del Lucendro, seguito a ruota da due pescatori. Al rientro, le auto saranno una quarantina.

Dopo la diga seguo la stradina asfaltata che gira attorno al Mottolone (2180 m). A quota 2150 m abbandono la strada asfaltata e prendo il sentiero a destra, dapprima in discesa, poco dopo pianeggiante. In circa mezz’ora sono alla Cassina di Giacobbe (2157 m), uno dei pochi edifici di tutto il circuito. Il paesaggio è molto bello: pascoli con affioramenti di roccia, ruscelli, tane di marmotte. L’erba comincia ad assumere il tipico colore giallo marrone dell’autunno. In prossimità del Lago d’Orsino (2286 m) vedo la prima cima che desidero raggiungere: il Pizzo d’Orsirora (2603 m).

A quota 2380 m abbandono il sentiero che consente di effettuare la classica gita famigliare del giro dei laghetti Orsino – Orsirora – Valletta e mi alzo di quota su facili pendii in direzione del Passo d’Orsino (2565 m). Lo raggiungo dopo circa 1 h e 45 min dalla partenza.

Splendido panorama sulle cime innevate a 360 gradi.


                                                     Laghi della Valletta

La vetta del Pizzo d’Orsirora è a pochi minuti di cammino, su blocchi e sfasciumi, seguendo un evidente percorso. L’omino di pietra non contiene il libro di vetta, ma poco importa. A sud del pizzo si estende una plaga di cui ci si potrebbe innamorare. Su questo altopiano la neve non si è completamente sciolta. Una serie di ometti di pietra, di ottima fattura, invitano il viandante a seguire la bellissima e facile cresta che funge da confine tra Ticino e Uri. Una leggera discesa di una cinquantina di metri di dislivello mi porta al Passo d’Orsirora (2528 m): è la Gatscholalücke per gli svizzero tedeschi.

La seconda cima della giornata, il Pizzo dell’Uomo, è a mezzo chilometro di distanza a sud. Una serie di omini di pietra e tracce di sentiero mi guidano lungo il filo di cresta. Dopo la croce gialla, dipinta su un macigno, conviene riporre i bastoncini nello zaino: le mani libere possono essere d’aiuto per assicurarsi agli appigli. Raggiungo la vetta del Pizzo dell’Uomo (2686 m) in 25 minuti. Anche questa cima è molto piacevole e panoramicissima.

Dopo i rituali messaggini inizio la discesa lungo la cresta sud. Dopo 160 m lineari di discesa, decido, come spesso mi capita, di scendere lungo un percorso alternativo. Invece di raggiungere i Laghi della Valletta e di seguire il sentiero canonico, svolto a destra su piacevoli pascoli, parzialmente innevati, in direzione dell’Alpe di Lucendro. Dopo un primo tratto veramente rilassante, arrivo purtroppo in una zona molto impervia, con un salto di circa 200 m. Seguo pazientemente dei sentieri di capre e grazie all’esperienza riesco a venirne a capo senza correre eccessivi rischi. Raggiunto l’Alpe di Lucendro (2181 m) non mi resta che percorrere la stradina sul lato settentrionale del Lago di Lucendro, fino al parcheggio.  

Bella escursione di fine estate in una giornata limpidissima, priva di nubi e di vento.

 

Tempo di salita: 3:25 h (soste comprese)

Tempo totale: 5:45 h

Tempi parziali

Diga del Lago di Lucendro (2080 m) – Cassina di Giacobbe (2157 m): 35 min

Cassina di Giacobbe (2157 m) – Passo d’Orsino (2565 m): 1:10 h

Passo d’Orsino (2565 m) – Pizzo d’Orsirora (2603 m): 20 min

Pizzo d’Orsirora (2603 m) – Passo d’Orsirora (2528 m): 35 min

Passo d’Orsirora (2528 m) – Pizzo dell’Uomo (2686 m): 25 min

Pizzo dell’Uomo (2686 m) – Diga del Lago di Lucendro (2080 m): 2:20 h

 

Dislivello teorico: 723 m

Sviluppo complessivo: 11,4 km

Difficoltà: T3

Coordinate Pizzo d’Orsirora: 683.275 / 159.085

Coordinate Pizzo dell’Uomo: 682.985 / 157.865

Copertura della rete cellulare: buona

Libro di vetta: no


Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (2)


Post a comment

Pere says:
Sent 29 August 2011, 15h22
Come sempre il vostro Ticino è luminoso.
Ciao Siso
Pedro

siso Pro says: RE:
Sent 29 August 2011, 21h23
Ciao Pedro,
ieri era una giornata particolarmente luminosa. Non ricordo, in montagna, un cielo così sereno, privo di nuvole, per tutta la giornata: eccezionale!

Buona settimana!
siso


Post a comment»