Cuvio: il borgo e le vie d'acqua (un mercoledì da mufloni)


Published by morgan , 26 February 2022, 12h55.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:23 February 2022
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 6:15
Height gain: 420 m 1378 ft.
Height loss: 420 m 1378 ft.
Route:15,8km

Terza uscita della serie "un mercoledì da mufloni", gite infrasettimanali che organizzo per il CAI di Laveno Mombello dedicate alla conoscenza del territorio locale. L'escursione odierna si snoda attorno l'abitato di Cuvio andando a visitare i luoghi più interessanti e, in particolar modo, quelli lungo i corsi d'acqua. 
Al ritrovo, davanti al Municipio di Cuvio, ci ritroviamo in 24 ed, espletate le formalità covid (raccolta autocertificazioni) iniziamo il cammino. Usciamo dal paese con percorso pianeggiante su pista sterrata che scende lungo il Torrente Broveda e alla sua confluenza con il Torrente Boesio che, a causa del periodo siccitoso, si presenta quasi asciutto. La strada segue il percorso rettilineo del corso d'acqua a fianco del prato dell'aviosuperficie Mascioni. Siamo sul sentiero 333 del Carreggio che si immette nel 332C proveniente da Villa Bozzolo. La via prosegue a fianco di campi coltivati fino al ponte dove lasciamo il Boesio per seguire ora l'AV (Anulare Valcuviano) in direzione Caldana. Deviamo su una stradina che torna al torrente dove c'è il Tumbun, costruzione in pietra sotto cui scorre il Boesio.

Il Tumbun reca una lapide con scolpita l'iscrizione "AERE PRIVATO MDCCCXXIX" che identifica il 1829 come anno di edificazione. Fa parte delle opere di bonifica del Carreggio realizzate tra il 1828 e il 1832. Prima l'area era occupata da un lago paludoso. La canalizzazione dei corsi del fondovalle consentì il defluire delle acque. L'apporto di materiali dai torrenti laterali richiede interventi per dragare il letto del torrente, cosa che non succede da tempo.

Ritorniamo sui nostri passi andando a prendere la strada che ci porta alle case del Molino Dolza dove andiamo a visitare le cascatelle del Rio Bulgherone. La via ci riporta al bivio precedente dove prendiamo la direzione verso Cuvio. Deviamo su strada sterrata che sale a Comacchio, dove nel cortile della vecchia chiesa c'è la sede della storica fabbrica di organi Mascioni fondata qui nel 1829. Scendiamo alla chiesa della Beata Vergine Addolorata e, lungo la provinciale arriviamo al piccolo borgo di Cà di Gnem dove prendiamo la pista forestale che si inoltra pianeggiante nel bosco. La via diventa sentiero che, dopo un breve strappo, si immette sulla mulattiera che scende nella parte alta di Cuvio. Dopo una breve pausa al lavatoio della madonnina, recentemente restaurato, risaliamo lungo il torrente sul percorso delle cascate del Broveda noto anche come Valle Inglese.

La denominazione Valle Inglese, in realtà, non ha nulla a che fare con gli inglesi. Pare che derivi dal latino "in glarea" che significa "sulla ghiaia". Il torrente, in effetti, a causa dei temporali estivi è soggetto a frane e smottamenti che portano a valle sabbia e pietrisco.

Il sentiero risale il corso del torrente sul lato orografico destro in un succedersi di cascate e pozze dall'indubbio fascino. Alcuni tratti su roccia o su scalinate di legno deteriorate richiedono attenzione. Con prudenza risaliamo la via che sarebbe più rischiosa in caso di terreno bagnato. Superati i ruderi di un antico mulino attraversiamo il ponte romano, popolarmente chiamato così perché è antico ed ad arco. Con un tratto fuori sentiero arriviamo sulla provinciale che attraversiamo per prendere un sentiero che risale nel bosco. Prima di arrivare ad un tratto ostruito da alberi caduti deviamo fuori sentiero su un ripido pendio boschivo che ci porta allo spiazzo davanti alla Rocca di Orino.

La Rocca di Orino è un antica fortezza di origine medioevale costituita da un quadrilatero di muraglioni difeso da torri. Di proprietà privata deve l'aspetto attuale ad opere di restauro ed edificazione svolti ad inizio 1900. E' situata su uno sperone roccioso, sopraelevato sulle vie di transito principali, da cui si gode ampia visuale su tutta la Valcuvia.

Ci concediamo la pausa pranzo davanti alle mura assolate della rocca. Nel frattempo è arrivato il proprietario che ha le chiavi e ci concede l'ingresso tra le mura per le foto. 
Riprendiamo il cammino sulla pista forestale, che coincide col sentiero 310, in direzione di Cabiaglio. Facciamo una sosta al grande masso erratico chiamato "Sasso Nero" o popolarmente "Sass de Luna" per riprendere la marcia, perlopiù pianeggiante, che ci conduce sopra la cava di marmo e ai resti della fornace di calce. La via sbuca sulla provinciale che seguiamo brevemente per deviare sul sentiero 330 (non segnato). L'ampio sentiero si abbassa dolcemente nel bosco e, superati vari incroci, diventa pista forestale che ci riporta a Cuvio. Una visita al secondo lavatoio di Cuvio, anch'esso restaurato di recente, chiude il nostro percorso dedicato all'acqua.
Partecipanti 24: Dario (capogita), Leo, Maurizio, Mauro (accompagnatori), Adolfo, Aldo, Angelo, Anita, Caterina, Cecilia, Dina, Domenico, Elisabetta, Enrico, Franco, Giulio, Giuseppe, Liliana, Luigi, Maria Grazia, Michael, Paolo, Regina, Roberta.
Note: alcune foto della Valle Inglese sono state scattate in altra occasione

Hike partners: morgan


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Post a comment»