Placche di Tegna


Published by Bagheera98 , 26 August 2018, 18h27.

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:16 August 2018
Climbing grading: IV (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Pizzo Cramalina 
Access to start point:Da Locarno seguire le indicazioni per Valle Maggia. Giunti alla località di Ponte Brolla ci si trova di fronte ad un bivio: a destra la strada attraversa un passaggio a livello (ferrovia Locarno-Domodossola) e entra in valle Maggia, a sinistra un'altra strada costeggia la medesima ferrovia e prosegue per le Centovalli. Prendere a sinistra e seguendo i cartelli Centovalli/valle Orsenone. Si attraversa il torrente e si posteggia la macchina appena al di la del ponte Guardando verso nord si possono vedere le placche di Tegna appena sopra la ferrovia. Attraversata la ferrovia si imbocca una mulattiera che procede parallelamente alla strada. Dopo qualche minuto la strada sterrata torna asfaltata. Appena prima dell'asfalto sulla destra c'è una sorta di ponticello da cui inizia un sentiero. Imboccare il sentiero e in pochi minuti si è alle placche.

Giunti alle placche di Tegna ci siamo trovati disorientati per la mancanza di indicazioni alla base delle vie, e per la vegetazione che negli ultimi anni ha preso il sopravvento.
Guardando il disegno si può suddividere la falesia in tre sezioni: dalla via 1 alla via 7, dalla 8 alla 13, e dalla 14 alla 39. Secondo la mia interpretazione la sezione centrale è riconoscibile grazie ad una palma posta sull'estrema sinistra di essa (guardando la parete), ed un grande ceppo tagliato sulla sua destra. L'accesso alla  sezione di sinistra è reso difficile dalla presenza di piante infestanti (rovi etc). Per lo stesso motivo è difficile stare alla base di questa sezione per fare sicura. La sezione di destra (la cui base rimane qualche metro più in alto rispetto alle precedenti) è facilmente riconoscibile per la presenza, a pochi chiodi da terra, di un grosso muro verticale che si sviluppa in altezza per qualche metro e che divide in due la placca.

Ripeto che 'interpretazione del disegno che propongo non è certa, proprio a causa della mancanza di indicazioni alla base, e anche perché in alcuni punti abbiamo riscontrato delle differenze nella chiodatura: alcune vie che sul disegno si esauriscono nel primo tiro, nella realtà proseguono anche dopo la prima sosta (ad esempio la 8 e la 14).

Per iniziare abbiamo affrontato la 8, sull'estrema sinistra della sezione centrale. Il punto più difficile è l'attacco.
Poi ci siamo spostati un paio di vie a sinistra sulla via 10 o 11, facilmente riconoscibile grazie ad un chiodo posto in mezzo ad un gradino alto un metro situato a qualche metro da terra. Il primo tiro è semplice e si arriva ad una catena in corrispondenza di uno spiazzo quasi pianeggiante lungo un metro. Il secondo tiro punta leggermente a sinistra e la roccia si fa meno appoggiata. Dalla seconda catena la via prosegue verso l'alto lungo un grosso spigolo che sembra più ricco di appoggi per i piedi rispetto al tiro appena fatto. Dopo qualche metro i chiodi, se ci sono, sono nascosti dall'inclinazione della roccia verso l'interno. Decidiamo quindi di calarci, perché non siamo sicuri di dove siamo e non sappiamo prevedere né le condizioni delle soste più in alto né le difficoltà dei prossimi tiri.
Due tedeschi sulla nostra sinistra decidono invece di proseguire e chiudono la via: dopo un po' li vediamo scendere dal sentiero che riconduce alla base.
Infine ci siamo spostati nella sezione di destra dove abbiamo affrontato la 14, placca di aderenza interrotta a metà da due facili gradini visibili anche sul disegno.

La roccia è ottima (gneiss) e la scalata è principalmente di aderenza. Secondo me le difficoltà sono leggermente sottostimate rispetto ad altre falesie di aderenza come le falesie di Introbio e dello Zucco dell'Angelone.

E' un posto molto caldo, quando siamo andati noi ad agosto in tarda mattinata la roccia ha iniziato a scottare. A questo proposito, positiva la possibilità di fare un bagno nelle acque del fiume Maggia in una sua ansa situata sotto l'abitato di Tegna (pozzo di Tegna, visibile dalle placche).

Hike partners: Bagheera98


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Post a comment»