Perchè gli amanti della montagna non sono migliori degli altri.


Published by Amedeo, 20 August 2018, 08h37. This page has been displayed 524 times.

Dalla poca tolleranza verso chi esprime idee diverse dalla maggioranza su argomenti "montani",  ad una idea di ambiente e di come viverlo che non ammette discussioni o visioni diverse, agli eccessi riportati nell'articolo.

 http://www.ansa.it/valledaosta/notizie/2018/08/17/m.biancoguide-picchiate-e-cani-in-vetta_74137f93-c6b2-4ec5-9b74-cd60bfc8d9a0.html


M.Bianco,guide picchiate e cani in vetta

Sindaco di Saint-Gervais denuncia 'mancanza di rispetto. Pugni, spintoni e insulti a guide alpine colpevoli di far notare agli alpinisti i loro comportamenti scorretti. Ma anche il tentativo di portare un cane sulla vetta, una tenda piantata sulla stessa cima e aspiranti scalatori senza ramponi e slegati, o addirittura in scarpe da ginnastica, su una cresta ghiacciata. A ciò si aggiunge il fenomeno delle guide abusive. Sono alcuni degli episodi segnalati dal sindaco di Saint-Gervais (Francia), Jean Marc Peillex, sulla via normale francese al Monte Bianco. In una nota spiega che a Ferragosto una guida è stata colpita con un pugno dopo aver incrociato una cordata di otto alpinisti dell'Est Europa (loro pretendevano di aver la precedenza nonostante fossero in discesa). Un secondo professionista poi si è fatto insultare nei corridoi del rifugio del Gouter (dopo aver spiegato a un avventore che una piccozza andava riposta) e un terzo è stato spintonato da quattro spagnoli, legati in maniera scorretta e "scontenti di farsi superare in maniera regolare".




Comments (1)


Post a comment

Poncione says:
Sent 30 August 2018, 21h49
Bè, che molti alpinisti siano fanatici, competitivi e non propriamente corretti non lo scopriamo certo con queste poco onorevoli descrizioni. E' il solito discorso sulla non indifferente distanza tra "libertà" e "licenza"...


Post a comment»