Cornizzolo e Monte Rai da Gajum


Publiziert von Angelo63 , 27. April 2014 um 15:39.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:26 April 2014
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 5:45
Aufstieg: 900 m
Strecke:Gajum - San Miro - Alpe Alto - Rifugio Marisa Consiglieri - Cornizzolo - Chiesetta degli Alpini - Monte Rai - Alpe Alto - Terz'Alpe - Prim'Alpe - Gajum
Zufahrt zum Ausgangspunkt:SS 36 uscita Suello - Cesana Brianza. Prima dell'abitato di Pusiano svolta a destra per il lago del Segrino. Arrivati al lago seguire per Canzo; dal centro del paese svoltare a destra per raggiungere Gajum.

Anche oggi uscita in solitaria; i soci (DaSer) sono acciaccati - sarà l'età :) - e quindi mi cimento in una zona già molto recensita su Hikr, da me non molto frequentata nonostante la facile accessibilità da casa.
Lasciata l’auto in uno dei piccoli parcheggi in località Gajum mi incammino alle 8.50 lungo il sentiero n. 2, una strada acciottolata che dopo poche centinaia di metri è chiusa al passaggio delle auto da una stanga.
In leggera salita, la strada porta alla chiesa di San Miro al Monte, dove arrivo dopo circa 20 minuti; qui è possibile approfittare di una sorgente di acqua molto fresca. imbocco quindi il sentiero che parte sulla destra, guardando la facciata della chiesa, che sale tra le rocce che costeggiano il torrente Ravella e che più avanti si attraversa in 2 punti approfittando di comodi ponti in legno.
Il sentiero è ora molto più ripido e si inerpica quasi sempre nel bosco anche se sulla destra, tra le fronde degli alberi più radi, è spesso visibile la croce in vetta al Cornizzolo. Si procede su pietre, in alcuni tratti ben levigate, e su terreno umido considerata la vicinanza al corso d’acqua e il fatto che il percorso è ben ombreggiato; bisogna quindi prestare sempre attenzione per evitare di scivolare.
Nell’ultimo tratto della ripida salita si attraversa una fitta pineta prima di incrociare il sentiero che sale da Terz’Alpe, in località Alpe Alto, dove arrivo alle 10.15. Dell’alpe restano pochi e mal conservati ruderi anche se oggi un gruppo di ragazzi sta organizzando un picnic con annesso barbecue.
Seguendo un sentiero nel bosco, senza troppi saliscendi, esco sulla sterrata di servizio verso l’imponente torre dei ripetitori e in circa 25 minuti sono al rifugio Marisa Consiglieri.
Imbocco subito il sentiero, prima su prati e nell’ultima parte passando tra qualche piccola roccia, che porta alla vetta del Monte Cornizzolo, sormontata da una imponente croce, dove arrivo alle 10.55; il mio navigatore dice: 1h25m di marcia – 40m di sosta.
Mi fermo ad ammirare il paesaggio sottostante rappresentato dai laghetti prealpini, tratti del lago di Como, paesini immersi nel verde del triangolo lariano, vicine vette conosciute e più lontane di non facile identificazione; tutto molto bello e vivacizzato dai primi lanci di giornata dei parapendii.
Mi rimetto in cammino dopo circa mezzora per scendere da dove sono salito con passaggio, dopo 15 minuti, dal rifugio Marisa Consiglieri e dalla vicina chiesetta degli Alpini. Seguo per un breve tratto la strada sterrata e anziché addentrarmi nel bosco per iniziare la discesa, da dove sono appena arrivati un nutrito gruppo di escursionisti, deciso di risalire la cresta che in poco tempo mi porta in cima al cucuzzolo erboso del Monte Rai, in effetti la più alta sommità toccata oggi; arrivo in cima alle 12, non prima di aver più volte ammirato il sottostante complesso di San Pietro al Monte.
Anche qui mi fermo per circa 30 minuti e dopo aver scambiato qualche opinione sulle bellezze paesaggistiche ed informazioni sui luoghi circostanti con un escursionista già incontrato lungo il percorso riparto seguendo dapprima le indicazioni per il Sasso Malascarpa, un sentiero che mi evita di tornare per il tratto da cui sono venuto e che in breve mi fa arrivare alla Bocchetta di San Miro ed incrociare la sterrata di servizio; poco oltre trovo le indicazioni che nel bosco mi fanno scendere all’Alpe Alto, dove arrivo alle 12.45.
Mi incammino ora per il sentiero n. 6 che, con un giro molto ampio, mi fa scendere sino a Terz’Alpe, dove arrivo alle 13.30.
L’intenzione era quella di fermarmi qui per mangiare qualcosa ma oggi l’agriturismo è stato letteralmente preso d’assalto e non ho molta voglia di aspettare.
Faccio una piccola sosta e riparto seguendo l’ampia strada sterrata ed acciottolata che, transitato da Prim’Alpe, mi porta al punto di partenza a Gajum, dove arrivo alle 14.30.

Dati complessivi:
Km percorsi: 12,1;
Tempo marcia: 3h30m;
Tempo sosta: 2h10m;
Ascesa: mt. 900 circa;
Velocità media in marcia: 3,4 km/h;
Velocità media totale: 2,1 km/h.

Tourengänger: Angelo63

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (1)


Kommentar hinzufügen

Danilo54 hat gesagt: BRAVO ANGELO!!!
Gesendet am 1. Mai 2014 um 08:12
Vedo che ti sei finalmente impegnato nello scatto...ovviamente non inteso come perfomance fisica. Aspettami che arrivo.


Kommentar hinzufügen»