Monte Torena


Publiziert von nano , 21. Juli 2009 um 00:28.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:20 Juli 2009
Wandern Schwierigkeit: T4+ - Alpinwandern
Wegpunkte:
Zeitbedarf: 7:00
Aufstieg: 1250 m
Abstieg: 1250 m
Strecke:Ponte Frera mt 1350 - Malga Torena mt 2050 - Cresta Torena Mt 2600
Zufahrt zum Ausgangspunkt: Sondrio - Teglio - strada del passo dell'Aprica dev. 1 km prima del passo sulla destra - ponte Frera

Il monte Torena è una enorme montagna che divide dal lato della Valtelina la val Belviso, la val Caronella e dal lato Bergamasco la val del Lago. Questa montagna si può raggiungere da questa valli con itinerari lunghi e abbastanza difficili. Io oggi sono partito dal ponte di Frera,in val Belviso che si raggiunge tramite una stretta e lunga stradina quasi sempre sterrata. Questa strada si prende 1 km prima del passo dell'Aprica e termina alla diga del lago Belviso. La partenza di questo itinerario è posta a mt 1350 in località ponte Frera 1 km prima della diga. Una strada chiusa al traffico si alza a destra della val Belviso e porta ad alcune baite, poi diventa sentiero e arriva su un magnifico pianoro ai piedi dell'imponente parete Est del Torena dove vi sono due magnifici laghi ( lago Nero e lago verde ) e una grossa stalla ( Malga Torena ) mt 2000 circa. per salire al monte Torena bisogna seguire il canalone al centro della parete innevato fino a tarda stagione sicuramente sconsigliato a chi ha poca esperienza. Ora vi racconto le mie peripezie su questo itinerario.
Tutto nasce la sera prima quando guardando una foto presa dalla cima del Torena a fine  Giugno, le creste appaiono pulite da neve e così picozza e ramponi rimangono nell'armadio. Il loro posto nello zaino lo prende il contenitore per i mirtilli è ( è ancora presto per loro)Questo condizionerà tutta la salita in quanto dal lago Verde parte tuttora un vasto nevaio, mentre un altro grosso nevaio è presente sotto la parte finale della parete Est. Di salire senza ramponi non se ne parla, la neve è dura e ghiacciata sotto il sottile strato superficiale e così decido di cercare un pò d'avventura sulle creste, e ne troverò da quì in avanti in abbondanza.
Dal lago Verde raggiungo la cresta Est che sale in direzione della diga. Percorro un buon tratto di questa cresta tra stelle alpine spettacolari e pendi erbosi a 50 gradi poi arrivo davanti ad un tratto ripido con placche . La parte di cresta che segue non mi piace e così prendo la seconda decisione sbagliata. Un canale di sfasciumi con impronte di Camosci scende verso il centro della parete, lo prendo e scendo. La mia intenzione è di traversare tutta la parete per prendere la cresta Nord e cercare di arrivare in cima.Traverserò più di un'ora sempre su passaggi di Camosci alzandomi ed arrivando di nuovo sotto la cresta Est molto più in alto. Raggiungere la cresta da quì è semplice ma vi rinuncio perchè non sono certo del tratto finale. Ricomincio a traversare verso destra in direzione della piccola bocchetta tra la cima di Fraitina e l'anticima del Torena e finalmente scorgo le bandierine del sentiero. Quì però comincia il secondo pendio di neve che porta in vetta ed io lo devo evitare. Rimango a destra sulla morena e poi mi alzo su un ripidissimo pendio e raggiungo la bocchetta. Ora manca solo di vincere una paretina e salire sull'anticima ma si è fatto tardi e sono molto provato e così faccio qualche foto del versante della val Caronella e comincio la lunga discesa.
Purtroppo il sentiero segnalato finisce diritto sul primo nevaio e sono obbligato a percorrerlo in discesa facendo la massima attenzione perchè la neve è ancora dura e scivolare quì dentro vuol dire fermarsi dentro il lago Verde centinaia di metri più in basso.
Insomma ho fatto un sacco di errori ed imprudenze assolutamente da non ripetere

Tourengänger: nano

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

ZS+
18 Mär 15
Monte Torena · Poge
T4+ I
19 Sep 15
Monte Torena · Poge
T5 L
2 Mai 15
Torena da Valbondione · ser59
T5- L II

Kommentar hinzufügen»