Monte Lema 1621m.


Publiziert von Floriano , 24. Februar 2009 um 17:05.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:23 Februar 2009
Schneeshuhtouren Schwierigkeit: WT2 - Schneeschuhwanderung
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   I   Gruppo Tamaro-Lema 
Zeitbedarf: 3:15
Aufstieg: 463 m
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Luino prendere la strada per Dumenza, Curiglia
Dopo Due Cossani prendere il bivio a destra per Alpe Pianello, Pradecolo
Parcheggiare alla fine della strada
Unterkunftmöglichkeiten:Rifugio Campiglio
Kartennummer:CNS 286 Malcantone - 1:50000

Rapida racchettata dietro casa, al Monte Lema, visto che avevo la mattina libera e ancora voglia di camminare dopo la scarpinata in Val Cama di ieri.
Il percorso si snoda a cavallo della frontiera tra Italia e Svizzera.
Partenza dal Rifugio Campiglio in località Pradecolo 1184m: si costeggiano delle baite risistemate, una vecchia cappella e si comincia a salire dolcemente in mezzo alle betulle fino ad arrivare all' Alpe Pian di Runo 1332m. In estate questo posto è favoloso: i grossi castagni che ombreggiano le cascine abbandonate, una sorgente  di acqua bella fresca e l'ampio panorama sul Lago Maggiore ne fanno una tappa d'obbligo!
Da qui si vede già la cima del Lema: il sentiero continua adesso più ripido, si cammina ancora in mezzo al bosco per una decina di minuti per uscire all'improvviso sulla cresta O, costeggio una splendida pineta e arrivo sul tratto finale abbastanza esposto ma non pericoloso.
Inutile dirlo: dalla vetta splendido panorama a 360° nonostante il cielo non proprio sereno e la foschia nelle vallate. Il vento gelido mi fa rimanere appena il tempo di fare qualche foto; prendo il sentiero verso l'Alpe Arasio, discesa fino alla stazione della funivia Monte Lema a 1560m e poi verso la Forcola d'Arasio, bivio per salire al Poncione di Breno 1654m; io invece prendo verso N e in breve arrivo all'Alpe. Qua è già più riparato dal vento e mi fermo a mangiare e a godermi la vista del Limidario proprio di fronte a me.
Riparto in direzione dell'Alpone seguendo i segnavia e appena trovo il bosco un pò meno ripido taglio direttamente verso valle fino a trovare il sentiero (più che sentiero una strada tagliaboschi) che ritorna verso Pradecolo, tranquilla ma lunga.
Ho fatto questa deviazione perchè conoscevo la zona: non consiglio di farlo se non si ha pratica e buon orientamento per la presenza di improvvisi canaloni!
Ho impiegato un pò più di tre ore: non mi resta che bere una fresca birra al rifugio e correre al lavoro stanco e soddisfatto!

Gita in solitaria
Tempo di salita: 1,10h
Tempo di discesa: 2,10


Tourengänger: Floriano

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»