Da Gudo su alle Capanne Orino e Mognone e una cima: Mött


Published by antonios59 , 19 November 2021, 21h46.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:18 November 2021
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Cima dell'Uomo   CH-TI 
Time: 7:00
Height gain: 1335 m 4379 ft.
Height loss: 1335 m 4379 ft.
Route:14,9 km sentieri marcati e non
Access to start point:Uscendo dall'autostrada a Bellinzona ci si porta a Gudo.
Access to end point:Idem

Uscita nelle montagne sopra il Piano di Magadino. Partenza con tardi per evitare il traffico. Saliamo in cima al paese di Gudo in località Cimalloco 284 m , piccolo parcheggio. Si parte con una scalinata fra le case e si entra nel bosco soleggiato. Si passa dalle belle baite di Cacima 350. Poco sopra inizia il bosco di Rovere : vero obbiettivo dell'uscita era infatti la ricerca delle rare ghiande, infatti riusciamo a raccoglierne almeno qualcuna in quest'annata grama. Finalmente si può proseguire, a Rastrello si passa su ponte il Riale di Progero e si sale ai Monti della Baggiana 825 m e su fino ai Monti Laghetto, da qui su ripidamente al pianoro boscoso di Croazet 1387 m. Quindi si sale e poi si traversa a bypassare a destra la Cima di quota 1480, fino ad arrivare all'Alpe e alla Capanna Orino ( chiusa in inverno ). Ora prendiamo la variante bassa che traversa verso la Capanna Mognone dopo aver guadato il Riale di Progero. Dalla Mognone scendiamo sul sentiero marcato che arriva a una selletta, Qui ci accorgiamo che la montagnetta di fronte ha un nome. Saliamo quindi in breve a questa cimetta: è il Mött 1307m. Dalla selletta proseguiamo sul sentiero marcato fino a 2 belle baite a quota 1180, dove lasciato i sentieri segnalati e prendiamo il sentiero che scende diretto verso sud e costeggia ala riva sinistra della Val Cugnolo, più sotto passa da altre baite e arriva al bivio di quota 870, qui pieghiamo a destra e entriamo in Val Cugnolo e guadiamo il ruscello, sull'opposta sponda scendiamo Al Lavegion e arriviamo alla baita di Pian Palerm e più sotto arriviamo alla località Monte Martino dove c'è un acquedotto. Qui si poteva scendere comodamente a sinistra su sentiero marcato. Macchè, noi vediamo un sentiero sulla carta scende a destra (sud-ovest) Maledizione, fà buio e il sentiero esiste solo sulla carta ( quella più recente ), e impestato da rovi, alberi caduti , scarti di giardinaggio e una giungla da vegetazione tropicale. E oltretutto sembra quasi invadere proprietà private. Ma alla fine Gps alla mano ne veniamo fuori, e in breve torniamo all'auto a Gudo-Cimalloco.

Hike partners: antonios59


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (2)


Post a comment

Michea82 says:
Sent 20 November 2021, 12h11
È il momento ideale per questo genere di uscite. Bravo

antonios59 says: RE:
Sent 22 November 2021, 18h21
Pienamente d'accordo. E poi un uscita col figlio e anche una missione scientifica :)


Post a comment»