Maderhorn


Publiziert von stefi , 23. August 2010 um 19:53.

Region: Welt » Schweiz » Wallis » Oberwallis
Tour Datum:22 August 2010
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Zeitbedarf: 3:00
Aufstieg: 911 m
Abstieg: 911 m
Strecke:Ospizio Sempione, Monte Leone Hutte, Maderhorn
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Si percorre la A-26 Genova-Gravellona Toce e, arrivati a Gravellona, si prosegue sulla superstrada in direzione di Domodossola e del confine di Stato. Superata la dogana di Iselle-Trasquera si continua in territorio svizzero arrivando al Passo del Sempione dove, sulla destra davanti l’ospizio, si trova un comodo parcheggio dove lasciare l’auto.

Il Maderhorn è una vetta che si trova sulla parte terminale della cresta sud ovest che scende dalla Punta Terrarossa e la sua salita si può abbinare anche al passaggio dal rifugio Monte Leone allungandone di poco l’itinerario. Il suo raggiungimento non comporta alcuna difficoltà e consente di avere ad ovest un panorama di prim’ordine sui 4000 di Saas Fee e a nord sulla zona dell’Oberland mentre, più da vicino, si vede la piramide della Punta Terrarossa, il ghiacciaio di Chaltwasser che culmina con la vetta del Monte Leone e l’Hobschhorn che domina la zona dell’ospizio.

 

Descrizione

 

Alla sinistra dell’ospizio, di fianco ad un grande pannello di legno, si trovano le paline dell’inizio dell’itinerario che dapprima passa per un breve tratto su una stradina asfaltata indirizzandosi verso alcune baite; superatele si passa sotto uno skilift e successivamente, dopo aver superato un traliccio dell’alta tensione, si arriva in prossimità di una palina (2152 m) dove il sentiero prosegue costeggiando un canalino artificiale. In seguito, aggirato un largo costone, si prosegue in leggera salita traversando a mezzacosta sulla fiancata della montagna dove si attraversa un ruscello su un primo ponticello di legno e, poco dopo, si passa un secondo ponticello per attraversare un altro torrente un po’ più largo del primo. Il sentiero passa poi alla destra dei resti di un pilone di pietre e ,continuando a salire con qualche tornante, giunge ad un ometto di pietre (2459 m) dove sulla destra si stracca una traccia che si dirige verso le morene dell’Homattugletscher e che serve per la salita al monte Leone; ignorata dunque la traccia, si prosegue sulla sinistra di essa attraversando dapprima un piccolo corso d’acqua e successivamente una zona di pietre lisce che adducono ad un altro ponticello oltre il quale si risale, ora più direttamente, un’altra zona di pietre levigate. Attraversati ancora un paio di ponticelli, ci si dirige verso una bastionata che, dopo averne attraversata la base, si rimonta continuando abbastanza ripidamente sul largo filo di una cresta erbosa. Alla sua sommità si tiene la sinistra e si risalgono alcuni dossi erbosi giungendo ad un bivio (2726 m) dove, ignorata la traccia sulla destra, si prosegue indirizzandosi verso una ben visibile morena che si risale obliquando a sinistra; alla sua sommità si apre davanti a noi la parte alta del pietroso vallone di Chaltwasser dove si trova un grande lago glaciale con sul fondo la Bocchetta di Aurona e la Punta Terrarossa, a sinistra, ed il monte Leone con il ghiacciaio di Chaltwasser sulla destra. Il sentiero rimane un po’ alto sul lago e continua, contornando il pendio a sinistra, passando subito dopo ad un bivio (2786 m), dove si tralascia il sentiero che sale a sinistra, e proseguendo a mezzacosta si raggiunge il visibile Monte Leone Hutte che si trova alla base della fiancata della Punta Terrarossa. Dal rifugio si prende una traccia che, dopo aver tagliato in leggera salita e per tutta la sua lunghezza il pendio pietroso sotto la Punta Terrarossa, giunge all’insellatura di Maderlike dalla quale si prosegue sulla dorsale verso ovest e si raggiunge in breve la panoramica vetta sulla quale si trova un basso omino di pietre.


Tourengänger: stefi

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»