capanna Alpe Slpuga m.1835 valle Maggia (CH)


Publiziert von Alberto , 14. Oktober 2009 um 15:38. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Locarnese
Tour Datum:11 Oktober 2009
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Zeitbedarf: 3:30
Aufstieg: 1552 m
Abstieg: 1552 m
Strecke:Giumaglio m.354-Arnau m.1108-quota guado del torrente m.1325-Cortone m-1593-Spluga m.1838 RITORNO: Costa m.1505-Arnau m.1108-Giumaglio m.354
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Milano-Chiasso-Lugano-uscita Rivera-Locarno-tunnel-uscita valle Maggia-Gordevio-Maggia-Coglio-Giumaglio
Unterkunftmöglichkeiten:capanna Alpe Spluga
Kartennummer:carta naz.Svizzera n°276 val Verzasca

In settimana,Piero mi chiede se domenica vado in montagna (di norma,se non c'è nulla di particolare sì) che ne avrebbe piacere: gli comunico l'orario per sms. Poi,Giuseppe mi chiede la stessa cosa,aggiungendo la sua preferenza: Alpe Spluga,capperi,non è poi così soft!!!! e gli dico l'orario di ritrovo. Sabato comunico tramite e-mail,il nuovo orario,posticipandolo di mezz'ora. Piero mi risponde che se piove non c'era (e sì che gli ho dato i siti su cui andare a verificare),ma tramite sms gli rispiego il tutto,convinto che il problema era solo il tempo. La mattina seguente non arriva,sono le 6.35 e a me non piace fare attendere gli altri e mando un messaggio: la risposta è stata: vai pure,se non mi dici l'orario!!!! Ma allora,ne il primo e nemmeno il secondo comunicato gli è arrivato? Poco dopo un sms da parte di Giuseppe: qualche contrattempo? Lo chiamo e spiego la cosa. Quando ci vediamo a Grandate,mi dice che anche lui non aveva ricevuto nessuna e-mail (dannata tecnologia,quando li ho spediti,il messaggio mi dava il tutto regolare: vattelapesca!!!! Vabbè,partiamo con dispiacere per Piero (però,poteva nell' sms scrivere: confermi l'orario? Oppure: ma che ora ci troviamo? Dopo tutto sono 160 caratteri che possiamo usufruire!!!!) e raggiungiamo il paese di Giumaglio m.354 in quel della bella valle Maggia e scesi dall'auto,più che che fresco,faceva un bel freddino. Cominciamo a camminare alle 8.20,la mia preoccupazione era il torrente da attraversare,visto la tanta acqua che aveva buttato venerdì e sabato. Appena inizia la mulattiera,mi volto e chiedo a Giuseppe: quante ore dice il cartello? Lui guarda e mi risponde: non c'è scritto niente! Ribatto: meglio così!!! e scoppia una bella risata da entrambi (questo perché sapevamo a cosa andavamo incontro,io in particolare che altre volte vi sono recato). Saliamo la bella mulattiera,spesso a gradoni e pensavo al notevole sforzo per i pastori di quel tempo,che sono riusciti a strappare ai fianchi della montagna,con duro lavoro il percorso,costruendolo ad arte: nonostante la montagna con la sua possente roccia ha tentato di opporsi,l'uomo,con sacrifici,ma sempre nel rispettare ciò che la natura gli offre per sopravvivere,egli,come un Michelangelo scolpiva e costruiva un'opera d'arte,che oggi è giunta a noi dopo tre secoli. Passiamo due santelle,poi ad una baita con fonte ed abitata,poi giungiamo ad Arnau m.1108 ore 9.40 e decido per seguire l'indicazione per Cortone,così,affianchiamo il torrente,ancora molto in basso e la mulattiera,sale dolcemente fino al punto di attraversamento del torrente che raggiungiamo alle 10.40. Qui,la mulattiera in parte è in disuso,poi il sentiero sale per prati,erto da tagliarti le gambe e il fiato (in particolare per chi non è allenato),poi giunge a Cortone m.1593: il percorso ora sale in mezzo a pini mughi,rododendri,abeti e meravigliosi mirtilli. Si poteva passare oltre senza sostare a raccoglierli? NO! E dalle 11.35 sosta per raccogliere i mirtilli,grossi e buoni,facili da vedersi per la mancanza delle foglie,tant'è che in 30 minuti ho riempito la borraccia di un litro (il loro diametro raggiungeva gli 8/9 mm,incredibile). Alle 12..30 siamo alla bellissima Alpe Spluga m.1838,poco sopra,alla croce che la sovrasta. Aver avuto tempo,si poteva salire al bel laghetto,ubicato in una bella zona. Vedo l'altimetro e mi segnala un dislivello di 1484 metri,fatti in 3 ore e 40 minuti fin qui,ma al ritorno,il dislivello sale ancora di qualche decina di metri,superando i 1530 totali di salita. La zona dove alpe Spluga è ubicata,è fantastica,pare di essere in un altro mondo,anzi,guardando le strutture,sembra che qui il tempo si sia fermato,dando all'escursionista quella sensazione che giù,nelle nostre città,si è persa da tanto tempo: PACE e SERENITA'! Dopo aver pranzato,si decide per la discesa e alle 13.30 ci incamminiamo verso Costa: il sentiero sale e sale ancora,fino a quando,giunti alla dorsale,ecco che la sospirata discesa (al momento) comincia a farsi vedere e poco prima di giungere a Costa,io esclamo: hei,un porcino,proprio sul sentiero,che fortuna,ma la fortuna non finisce qui,perché dopo ne arriva un secondo,un terzo,un quarto e...la cinquina è completata: però,che occhio (come no,anche un cieco li avrebbe visti,il diametro era tra i 10 e i 20 cm) va bene così,scendiamo ad Arnau,vigilando sempre nel caso vi fossero altri funghetti e poi,poco sotto ad Arnau,altra raccolta: mele selvatiche. Dopotutto,lasciarle marcire non era il caso,così lo zaino,giunti all'auto era bello pesante,ma se avessimo avuto ancora un pochino di tempo,avrei raccolto le belle castagne che c'erano in sulla mulattiera.  PERCORSO: T-I=turistico ma impegnativo su bella mulattiera fino oltre il torrente,poi E-I=escursionistico,impegnativo per alcuni punti del percorso che sale a Cortone,in marcata pendenza che si fa più morbida poco sopra le baite di esso.  Il rientro è E-I=su sentiero

Circa 13.5 km. l'intero giro

Tourengänger: Alberto, beppe

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (7)


Kommentar hinzufügen

Anna hat gesagt: Stile unico
Gesendet am 14. Oktober 2009 um 15:40
23!, 7? e un solo paragrafo :-)

Alberto hat gesagt: RE:Stile unico
Gesendet am 15. Oktober 2009 um 13:58
heilà!!!! ciao Anna,ogni tanto mi scrivi,mi fa piacere: ma,mi potresti tradurre ciò che intendi in quella riga? Sai,non vorrei fraintendere,capire Roma per Toma è più facile. Spiegati meglio,se ho sbagliato a scrivere qualcosa ti sarei grato se me lo spieghi in tutta semplicità: errare è umano! ma se si può riparare,lo preferisco,grazie e buona montagna. A proposito,vorrei fare un'esperimento,la stessa pagina provare a tradurla,se ci riesco. Ciao

Anna hat gesagt: RE:Stile unico
Gesendet am 15. Oktober 2009 um 14:16
Ciao Alberto,

Ecco le spiegazioni di quello che volevo dire:
Ventitre volte hai usato il punto esclamativo, sette volte il punto di domanda ed il tutto tiene in un solo paragrafo :-)
Niente di più.

Alberto hat gesagt: RE:Stile unico
Gesendet am 16. Oktober 2009 um 13:48
Grazie per avermi evidenziato questo mio modo "esagerato" di scrivere il rapporto: in italiano,non ero molto bravo anche in matematica se per quello,giustamente,"stile unico".Ciao e buona giornata

Anna hat gesagt: RE:Stile unico
Gesendet am 16. Oktober 2009 um 13:54
Qui non siamo a scuola, per cui non è un problema, per fortuna (io, per esempio, faccio un sacco di errori in tedesco). Il tuo stile è veramente unico, perché fa venire il fiatone a leggerti fino alla fine della relazione. Buona giornata e buone gite.

Alberto hat gesagt: RE:Stile unico
Gesendet am 16. Oktober 2009 um 14:06
Adesso che ci penso,la cosa me l'aveva fatta notare anche Silvia: e sì,dicendomi di mettere qualche punto. Meno male che siamo allenati andando in montagna,altrimenti ci verrebbe uno sciopone! Ciao

clotilde hat gesagt: RE:Stile unico
Gesendet am 19. Oktober 2009 um 16:07
Ciao aAlberto mi sono iscritta anch'io, che bei ricordi alla Capanna, e buon appetito x i funghi


Kommentar hinzufügen»