Sella dell'Oca -1374 mt- & Cima della Gavosa -1384 mt- (da Brugaro).


Publiziert von GAQA , 15. Dezember 2016 um 23:07.

Region: Welt » Italien » Piemont
Tour Datum:11 Dezember 2016
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Zeitbedarf: 4:00
Aufstieg: 800 m
Abstieg: 800 m
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Gallarate - Besnate - Autostrada A26 Genova/Gravellona Toce - direzione Genova - uscita Romagnano Sesia - direzione Alagna S.P 299 - Borgosesia - Varallo - strada per la Val Mastallone (indicazioni Cervatto-Fobello-Rimella) - poco prima di giungere a Cravagliana svoltare a destra per Brugarolo e Brugaro.

A Brugaro 630 mt frazione di Cravagliana, lasciamo l'auto nel piccolo parcheggio accanto alla chiesa. Scesi dal mezzo, lo sguardo viene attratto : dalle affilate e bellissime creste aeree che si originano dalla Cima di Vaso e che separano il solco vallivo del fiume Sesia dal fiume Mastallone.

Individuiamo il segnavia -572a- .La comoda mulattiera si snoda per le abitazioni di Brugaro, dopodiche' superato il piccolo borgo, raggiungiamo un breve tratto di strada asfaltata per la frazione Sassello. A questo punto, e' ben visibile il cartello indicatore per la Madonna del Tizzone 832 mt, santuario costruito nell'anno 1546 facilmente raggiungibile con un piacevole sentiero nel bosco.

Dal santuario si prosegue e si scende al ponte di legno che attraversa il Rio Saccora 850 mt entrando nel Bosco dell'Impero.

Bosco dell'Impero : Nel  "Ventennio", venne programmato un rimboschimento in buona parte delle provincie d'Italia; in quella di Vercelli, la scelta cadde sulla Val Mastallone. Il bosco artificiale di conifere impiantato nelle annate intorno al 1930, e' giunto attualmente in piena fase di maturazione. Il contesto ambientale e' molto bello e presenta varietà d'alberi ed essenze.

Quindi, chiusa parentesi storica; superato il Rio Saccora, si proseguirà d'ora in avanti con il segnavia -564- che proviene da Sabbia. Si sale su ottimo sentiero, largo, ben tenuto, passando per una piccola sorgente denominata Fontana del Bocia 1100 mt. Giunti a quota 1200 mt circa, oltre ad esserci una serie d'alberi divelti e abbattuti nei tratti in cui aumenta la ripidità, il sentiero scompare, riducendosi a labili tracce. I vari segnavia, seppur sbiaditi si riconoscono, ma sono molto spesso inghiottiti dalla folta vegetazione. Con più attenzione risaliamo il selvaggio tratto boscoso terminale tra : erba olina e fogliame insidioso.

Raggiungiamo cosi' : la Sella dell'Oca 1374 mt, valico spartiacque collocato nel mezzo tra la Val Saccora e la Val Sabbiola, valli che a loro volta si diramano dalla Val Mastallone. Personalmente credo che : già da questo punto panoramico si é già soddisfatti e, seppur la quota non é elevata, il selvaggio ambiente circostante é molto suggestivo.

A sinistra notiamo la Cima delle Locce 1552 mt. A prima vista sembrerebbe inespugnabile. A destra invece, proseguendo sul crinale boscoso per disagevoli passaggi tra : sterpi, rovi, rami e fitta vegetazione si raggiunge in pochi minuti la Cima della Gavosa 1384 mt. Diciamo, che : la nostra esperienza e' stata una lotta continua contro le piante, senza sapere di preciso dove fosse il punto più alto di questa cima selvaggia e semi-sconosciuta, che comunque viene citata sulle carte escursionistiche. La Cima della Gavosa e' semplicemente il proseguimento in cresta (roccette e fitta vegetazione) che diparte dalla Sella dell'Oca e proprio da questo valico, riconoscere la forma di quest'ultima montagna citata e' praticamente impossibile.

Per il ritorno utilizziamo lo stesso sentiero percorso all'andata.

Aggiungo prima di chiudere, che esiste una variante di discesa che permetterebbe una traversata, scendendo nella valle opposta, itinerario adatto per gli amanti dei lunghi giri ad "anello". Dalla Sella dell'Oca si scende all'Alpe Campo 1515 mt in Val Sabbiola, alpeggio collocato tra il : Monte Capio 2172 e il Ponte della Giumenta 800 mt. Il sentiero presenta tratti molto esposti, in alcuni punti sono presenti dei pontili in ferro per agevolare il passaggio, utile potrebbe essere uno spezzone di corda. Queste informazioni ci sono state fornite dall'unica persona che quest'oggi abbiamo incontrato; essendo del luogo, conoscitore locale, ci fidiamo e giriamo l'informazione a tutti coloro che in futuro progetteranno di transitare per questi sentieri della Val Mastallone.

NOTE : Escursione in gran parte valutabile : T2, con evidente sentiero. Nella parte finale dell'itinerario dai 1200 mt in avanti, il sentiero va' ricercato senza distrazioni e soprattutto, senza farsi ingannare da tracce fuorvianti, in ambiente selvaggio e prevalentemente chiuso dalla vegetazione. Solo per quest'ultimissima parte conclusiva della camminata la valutazione : T3, risulta essere più appropiata.

Tourengänger: GAQA, asky


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (7)


Kommentar hinzufügen

ChristianR Pro hat gesagt:
Gesendet am 16. Dezember 2016 um 09:55
(traduzione "google" dal francese)

Bel giro! L'estate scorsa avevo fatto da Sabbia. Non ho tenuto il passo Alpe Colmetto mancanza di tempo.

L'intero percorso è descritto qui:
[www.caivarallo.it/valsesia/sentieri-valsesia/sentieri-valses...]

C'è una possibile alternativa alla discesa con un nuovo percorso accade a Giavina-Cortaccio. L'inizio di questo percorso è compresa tra Sella dell'Oca e Tizzone. (Ci sono segnali didattici sulla foresta.) Ma poi dobbiamo purtroppo andare Sabbia a Brugaro...

GAQA hat gesagt:
Gesendet am 16. Dezember 2016 um 12:09
Ciao Christian ! Grazie mille.
Bello anche il tuo giro quest'estate,da queste parti i sentieri sono scarsamente frequentati e inghiottiti dalla vegetazione.
Credo di aver capito il sentiero che mi hai consigliato,dovrebbe poi transitare per la Sella del Nico e le miniere abbondonate.

Ti auguro buone feste e buon proseguimento in montagna :)
Ciao Alessandro.

Poncione hat gesagt:
Gesendet am 18. Dezember 2016 um 22:50
Bella ravanata, Ale. :)
Ciao

GAQA hat gesagt:
Gesendet am 19. Dezember 2016 um 10:08
Grazie mille Emi:)
L'ambiente era ideale per quel tipo di gita (soprattutto la parte finale), e noi ci abbiamo provato, un bel divertimento:):)
Alla prossima Emi,ti auguro buon Natale e ci aggiorniamo....
Ciao Alessandro

Poge Pro hat gesagt:
Gesendet am 29. Dezember 2016 um 21:48
Va beh, a questo punto ... "itinerario adatto per gli amanti dei lunghi giri ad anello" ... visto che mi sento preso in causa ... dovrò andarci a fare un giro ... :)))
Andrea

GAQA hat gesagt:
Gesendet am 30. Dezember 2016 um 12:15
Ehh si ! Questo sarebbe un giro caparbio, che si presta ad essere un "lungo giro ad anello".Tutto sommato, sulla carta, forse non più ampio rispetto al giro della Res (il tuo), per intenderci.

Fino alla Sella dell'Oca, vai tranquillo, eccetto qualche punto con vegetazione alta o confusa.La discesa sul versante opposto, e' da EE ( come ho scritto nel report). Dall'Alpe Campo invece un bel sentiero, fino al Ponte della Giumenta e poi Sabbia, dopodiche' rientrare a Brugaro.Da quelle parti c'è la Cima di Razzarola (ancora senza report in Hikr).
Comunque e' un giro alla tua portata :):):):) buona scarpinata !!

E aggiungo : I migliori auguri di buon anno 2017.
Ciao Alessandro

Poge Pro hat gesagt:
Gesendet am 31. Dezember 2016 um 17:26
Ok, grazie per le dritte, preparerò un giro da utilizzare alla giusta occasione.

Buon Anno.
Andrea


Kommentar hinzufügen»