COVID-19: Current situation

Pic De Càmìa


Published by Emanuela , 12 January 2021, 15h16.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 7 January 2021

Il Pic De Càmìa è una modesta elevazione posta tra le province di Mb e Bg, sulle cui pareti si sviluppano vie di estrema difficoltà, tranne per la parete N , sinuosa e liscia come un violino, praticamente inattaccabile.
 

In origine la sua altezza era ben maggiore e lo si capisce se ne si percorre il periplo.
 

Per cause non ancora chiarite, vuoi per mano dell’uomo, vuoi per motivi  naturali, si è notevolmente ridimensionato ma a mio avviso è diventato ancor più bello.
 

Si vocifera che il Pic si fosse incautamente vantato con i suoi simili  della sua bellezza senza pari, e questa sia stata la causa della sua rovina.
 

Nessun tipo di vegetazione lo addolcisce.
 

Lungo il percorso non avrete né distrazioni né troverete alcunchè per dissetarvi, la sua linfa si è prosciugata anni fa!
 

Difficilmente riuscirete a distogliere lo sguardo dalle due creste principali , molto articolate, che la percorrono fino alla sua cima che, simile al merlo di un castello vi ammalierà.
 

L’ho percorso in tutte le stagioni, ma mai, dico mai, sono arrivata fin lassù.
 

Ho studiato tutte le possibili e immaginabile vie, ma alla fine ho dovuto arrendermi e fermarmi sempre al medesimo punto.
 

Vi avviso, non cercate nulla né in internet, nè sui libricini Cai Touring  tantomeno sulle cartine Kompass o altro……perdereste solo tempo senza mai trovarla.
 

Ma, se a qualcuno capitasse di fare fortunatamente la sua conoscenza, sarei grata se potesse suggerirmi un nuovo percorso che finalmente mi conduca in vetta.
 

Emanuela


 


Hike partners: Emanuela


Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (6)


Post a comment

georgb Pro says:
Sent 13 January 2021, 21h50
Che Poesia! Bravo Emanuela!

Emanuela says: RE:
Sent 14 January 2021, 14h22
Grazie Georgb!

Giocare con la fantasia è quello che si può fare se non si ha la fortuna come la tua di abitare "dentro" le montagne.

Io le posso solo vedere da casa e dall'ufficio.

Nelle giornate terse come quella di oggi e dei giorni passati, la vista spazia da ovest del Monte Rosa e montagne svizzere, fino ad est al Monte Guglielmo .

Se allungo la mano potrei anche toccarle, ma quello che voglio e camminarci dentro, sentire la neve o le foglie che scricchiolano sotto i piedi, il silenzio, sentire il mio respiro...e invece qui, ferma in pianura!

Per tornare alla mia montagna di legno, era destinata al camino...avrebbe creato una gran bella fiamma e un bel fuoco scoppiettante 

Per fortuna mio marito l'ha salvata in tempo e me l'ha regalata....adoro questi regali!

Da subito ho iniziato a cercarne una via di salita, come fanno i veri alpinisti prima di accedere a una montagna sconosciuta o per aprire una nuova via.

Io penso che sia di pino, tu che ne dici?

Grüß Gott
Emanuela

p.s.: Pic de Càmìa - nel nostro dialetto Cà Mìa sta a significare "casa mia"

georgb Pro says:
Sent 14 January 2021, 21h26
Ciao Emanuela,
Belllissima storia! Potrebbe essere larice!? Mi dispiace la tua situazione in "carcere" ma mi piace come la desvrivi e come la gestisci :-)
Saluti Georg

Emanuela says: RE:
Sent 18 January 2021, 14h38
Ciao Georg,
si, forse potrebbe essere larice, che a mio avviso è più “gentile” rispetto al pino che mi sembra un po’ “rude” (associo cartatteristiche di persone alle piante…. …..ma anche loro sono esseri viventi, sicuramenti migliori degli “umani”).

La gestione sta diventando difficile, ma complice il freddo rimango nella mia tana, sperando che con il disgelo riesca a cacciar fuori la testa e le zampe!

ciaoo
E.la

Menek says:
Sent 15 January 2021, 16h54
Pic De Càmìa...
Da Càtua la montagna è più bella. Perchè prima l'hai sognata, immagitana. La Fantasia dovrebbe essere al potere, l'unico potere buono che non andrebbe abbattuto.
tschüss
Menek Ezechiele Bluff

Emanuela says: RE:
Sent 18 January 2021, 15h00
Caro EZechiele,
alla fine anche la “Càtua” stanca e la fantasia potrebbe scemare.

E’ vero che con il passare delle ere geologiche siamo diventati stanziali, ma a noi che frequentiamo la montagna è rimasto un pezzetto di dna dei nostri avi che si spostavano per necessità; ora la nostra necessità è spostarci per eccesso di stanzialità.

Sicuramente si, se parli di una fantasia buona, giusta, imparziale etc etc etc …..evvai.... continuiamo a sognare… :-)

Salutami il Menek e anche il Bluff, che non conosco.

E.la



Post a comment»