COVID-19: Current situation

Nantes


Published by paoloski Pro , 21 March 2013, 14h52.

Region: World » France » Loire-Atlantique
Date of the hike: 6 August 1992
Hiking grading: T1 - Valley hike
Waypoints:
Time: 6:15
Access to start point:Noi vi siamo arrivati da Le Croisic in treno. Nantes è comunque perfettamente collegata al resto della Francia con treni (TGV) e strade.

Le nostre vacanze volgono al termine, decidiamo di tornare a Nantes; c'eravamo stati tre anni fa, una città che ci aveva colpito per l'armonioso amalgama fra innovazione e capacità di conservare l'esistente: la costruzione della linea del TGV Atlantique e delle relative infrastrutture, la creazione ex-novo di una metropolitana avveniristica, pur con i compresibili disagi che cantieri di simili dimensioni comportano, non hanno stravolto il tessuto urbano di Nantes.
Rimaniamo basiti leggendo i pannelli esplicativi che illustrano le fasi ed i tempi di costruzione della metropolitana: in un anno è previsto il completamento della prima linea compresa anche la piantumazione di interi viali di tigli lungo il percorso. Assomigliano ad i tempi previsti per il completamento dei lavori pubblici in Italia!
Ritorniamo quindi a passeggiare per il centro storico con le sue vie eleganti, il passage Pommeraye tanto "parigino", i suoi locali caratteristici come la brasserie "La Cigale", un autentico tempio dell'Art Nouveau, il museo dedicato a Jules Verne e, non da ultimo, il bel castello dei duchi di Bretagna in ottime condizioni e decisamente imponente. Al suo interno si trovano due musei: quello dell'arte popolare regionale con collezioni di artigianato (costumi, cuffie,mobili,insegne, ceramiche, armature e utensili) prevalentemente regionali ma con oggetti provenienti anche da altri parti della Bretagna. Il secondo museo è quello della Marina, con tre polene originali di navi del XVIII e dell'inizio del XIX secolo, modelli di navi ed imbarcazioni militari, da trasporto e da pesca dal XVII al XIX secolo e strumenti di navigazione.
Compriamo qualcosa da mangiare e consumiamo il nostro pasto al Jardin des Plantes, nei pressi della stazione ferroviaria e risalente all'inizio dell'800. La parte più interessante e spettacolare di questi bei giardini è, a nostro avviso, l'orto botanico: decine di aiuole di forma quadrata sono disseminati su un vasto appezzamento, ogni aiuola è divisa dalle altre da camminamenti regolari, una soluzione pratica, scenografica  ed elegante per suddividere le varie speci botaniche. 
Terminiamo la nostra visita a Nantes con la cattedrale di St. Pierre et Paul, un enorme edificio di pietra tufacea bianca (più grande di Notre Dame de Paris) con un interno a cinque navate di un gotico puro. Nella crociera di destra si trova la tomba di Francesco II, padre di Anna di Bretagna, e della moglie Anne di Foix. E' uno dei capolavori del rinascimento francese, demolito durante la rivoluzione, quando si trovava nella eglise des Carmes, le sue parti furono nascoste cosicchè alla restaurazione fu ricomposto e collocato nella cattedrale.
Ci avviamo verso la stazione per tornare a Le Croisic: domani si parte per Parigi con il TGV Atlantique, un'ennesima visita alla capitale francese e poi, in tarda serata, si torna a casa.

Sempre bella Nantes e magnifica la Bretagna: come non rimanere affascinati da questa regione, insieme dolce ed austera, con le sue coste dalle incredibili maree, la sua vegetazione rigogliosa, le sue isole e con gli abitanti cordiali e gentili ma non chiassosi ed invadenti, la sua musica e la sua lingua piena di consonanti ed aspirate ma nel contempo armoniosa e dolce: a Conleau abbiamo avuto per vicini di tenda due coppie che , fra di loro, parlavano bretone, una delle ragazze cantava anche con una voce incredibile!
Come dimenticare poi il colore dei pesci ai mercati ed il sapore dei frutti di mare serviti in enormi piatti con un corollario di attrezzi atti a mangiarli che aveva dell'incredibile.

Hike partners: paoloski, annna


Gallery


Open in a new window · Open in this window


Post a comment»