Léché (2353 m)


Publiziert von stefi , 3. Januar 2012 um 09:01.

Region: Welt » Italien » Aostatal
Tour Datum:27 Dezember 2011
Schneeshuhtouren Schwierigkeit: WT3 - Anspruchsvolle Schneeschuhwanderung
Zeitbedarf: 2:45
Aufstieg: 723 m
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Si percorre la A-5 Torino-Aosta e si esce al casello di Nus prendendo la direzione per Aosta; si entra quindi in paese e, pressoché nel centro, si svolta a destra sulla strada che sale tra le case. Continuando per alcuni chilometri su questa strada si giunge al villaggio di Lignan che si supera di poco giungendo a Clemensod dove la strada di solito rimane chiusa da una sbarra nel periodo invernale in prossimità della quale si può lasciare l’auto.

 L’alpeggio di Léché si trova in una vasta conca delimitata dagli imponenti contrafforti del Mont Faroma e del Grand Pays; il panorama offerto è eccezionale sia sulle vette appena citate che sul vallone prospicente con i vasti pendii che dal Col Chaléby degradano per tutta la lunghezza della Costa Champorcher.  L’escursione, abbastanza impegnativa, si sviluppa in luoghi poco frequentati dell’alta Valle di St. Barthelemy ed è da intraprendere con condizioni del manto nevoso ben assestato per l’attraversamento della ripida bastionata rocciosa a metà percorso che è soggetta a slavine. Il percorso è molto suggestivo e si sviluppa su pendenze che, all’inizio, sono dolci e poco accentuate mentre, dall’imbocco del sentiero a quota 1962, diventano più impegnative anche per la percorrenza di brevi ma esposti traversi.
 
Descrizione
 
Dalla sbarra si prosegue sulla traccia della poderale che, in leggera discesa, costeggia la fiancata della montagna avvicinandosi poi al torrente che si attraversa sulla sinistra; compiuta la svolta a sinistra si giunge ad una piccola baita (1627 m) dalla quale su prosegue sul fondo del vallone seguendo il corso del torrente. che si lascia alla destra. Camminando sulla traccia di una larga mulattiera si passa accanto ad una chiusa dell’acqua dopo la quale si attraversa il torrente nel suo punto migliore; la progressione continua  in lieve pendenza nello splendido vallone avendo davanti a noi l’imponente sagoma del Mont Faroma. Superata una seconda chiusa dell’acqua ci si congiunge con una poderale proveniente dalla destra (1817 m) e si riattraversa il torrente su un ponte continuando sulla traccia della poderale che sale a sinistra; per evitare di allungare troppo il percorso sulla strada conviene salire direttamente un ampio pendio per andare così a riprenderla più sopra. Si raggiunge in breve un bivio ben segnalato dalle paline (1912 m) al quale si svolta a sinistra e, su percorso con poca pendenza, si trova quasi subito un successivo bivio con l’evidente segnavia su una roccia (1962 m). Lo si risale nel bosco con la pendenza che ora aumenta sensibilmente e, rimanendo leggermente alla destra di una monorotaia di servizio dell’alpeggio superiore (se visibile), si passa al di sotto di numerose rocce sporgenti compiendo alcuni traversi brevi ma esposti; spostandosi sulla destra della bastionata rocciosa si abbandona temporaneamente il percorso della monorotaia arrivando ad un panoramico dentino dal quale si continua la salita più direttamente, ormai fuori dal rado bosco, che sbuca su un pendio in spazi più aperti. Inoltrandosi nel vallone ci si tiene sui pendii di destra dirigendosi verso una grossa balma con una freccia gialla, che si oltrepassa, per arrivare ad un evidente colletto (2286 m) dal quale, invece di seguire il tracciato del sentiero che continua con un lungo ed esposto traverso, conviene risalire il breve tratto ripido che conduce alla sommità della dorsale sormontata da qualche pianta. Ora la salita si addolcisce un po’ e ci si dirige verso nord tra i dolci pendii sui quali si trova il bell’alpeggio di Léché (2353 m).

 Read more……..

Tourengänger: stefi


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»