Passo del Mortirolo (mtb)


Published by gonzo , 22 September 2022, 08h08.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:13 September 2022
Route:Piateda-Mazzo di Valtellina-Corteno Golgi-Aprica (105,2km)
Access to start point:Parcheggio sentiero Valtellina - Piateda. Terminata la tangenziale di Sondrio direz. nord proseguire per 2km circa poi prendere a dx via per centrale venina

Percorro il Sentiero Valtellina, a S.Giacomo vengo assalito dalla fame e torno su asfalto per dirigermi al panificio Bresesti, seguo poi il corso dell' Adda lungo strade agricole per giocare con la palta sino alle porte di Tirano dove poi su asfalto giungo a Mazzo di Valtellina; affronto la salita per la via "classica".
Dividerei la salita in 3 parti:
I primi 4km dove le pendenze superano il 18%, nel mio piccolo li ho affrontati alla grande, molto soddisfatto.
La seconda che parte dal termine di questi 4km sino a quando "ne hai", nel mio caso conscio del latente mal di schiena individuo il rapporto giusto (paradossalmente piu' leggero di quello utilizzato sin qua ma nell'ottica di quello che ancora mi aspettava....) e mi godo la salita.
La terza parte va "da quando non ne hai piu" a quando "devi raggiungere l'arrivo", io sono andato in difficolta' fra il 7° & il 6° tornante, poche centinaia di metri dove anche solo i 4mk/h di media erano un miraggio.
Ad accumunare queste tre sezioni, per lo meno alla mia media, è il fatto che togliere la mano dal manubrio si fa ostico per cui alimentarsi si fa "difficile", meglio approfittare dei pochi punti dove la pendenza concede una tregua.
Comunque senza mai forzare & senza mai andare in affanno termino questi mitici 12,4km in due ore grazie anche ad un gradito regalo: in mattinata ricevo una breve traccia musicale sullo smartphone, una di quelle che da la carica giusta e dopo averla ascoltata appena iniziata la mia avventura ne approfitto e l'ascolto altre tre volte nei punti salienti della salita. Lo so' suona strano in tutti i sensi, condizione atipica se si pensa alla pace e alla quiete di quel posto ma ho gradito, come ho gradito il profumo delle caprette, la vista degli asinelli e percorrere un tornante osservando due scoiattoli che giocavano con le ghiande e posso assicurare che alla mia velocita' pareva tutto scorrere al rallentatore!
Resto in quota in direzione della Chiesetta Alpina e del lago Lagazzuolo, imbocco la ripida discesa direzione Doverio e in breve giungo a Corteno che poi è la meta del mio giro, sto' andando a conoscere Anastasia, la nipotina acquisita dello zio Andrea di Como che oggi compie 1 mese e 1 giorno.
Valuto la via del ritorno, potrei entrare nel bosco direzione Aprica e restarvi sino a valle oppure una decina di km su asfalto per raggiungere il passo per poi godermi la discesa ; è martedi, traffico quasi nullo, opto per l'asfalto, una serie di curve davvero molto pennellabili fra loro dove leggere frenate si alternano a veloci rilanci sui pedali sul limite dei 50km/h per poi prendere velocita';  poche sono le occasioni dove non si riesce a vedere "oltre la curva" e pochi i tornanti secchi.
Riprendo il Sentiero Valtellina ma vedo che pedalo prossimo ai 28/30 di media sul (falso) piano a mio favore, sono troppo carico di belle emozioni e di nuovo torno su asfalto per quest'ultima decina di kilometri fatti a tutta.

Hike partners: gonzo


Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (2)


Post a comment

GAQA says:
Sent 22 September 2022, 09h09
A questo punto sono io che giro i complimenti a te :-)
Buone uscite per le prossime.
Un saluto.
Alessandro.

gonzo says: RE:
Sent 22 September 2022, 09h33
Muj grazie Andrea


Post a comment»