Al cosiddetto Finanzerstein (2476 m), un rifugio realizzato sotto un macigno, ciò che nelle valli ticinesi chiamerebbero splüi, mi concedo la prima sosta. La costruzione sottoroccia serviva da rifugio alle guardie di confine; la frontiera con la Svizzera dista infatti solo un chilometro e mezzo e la via era molto frequentata dai contrabbandieri.
 


Post a comment»