Nerviano - Parco di Monza


Publiziert von imerio , 20. März 2017 um 18:56.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:16 März 2017
Mountainbike Schwierigkeit: L - Leicht fahrbar
Strecke:Pista ciclabile lungo il Canale Villoresi.

 Uscita di allenamento in mtb, visto che avevo la mattinata libera.
Partito da casa e raggiunto il ponte sul Canale Villoresi, ho girato a sinistra (est), seguendo come altre volte la ben tenuta pista ciclabile che lo fiancheggia, raggiungendo dapprima Lainate, poi Garbagnate, Senago, Varedo, Nova Milanese, Muggiòe quindi Monza; quando si arriva a Monza, se si vuole andare a Villa Reale, bisogna abbandonare il Canale Villoresiquando si attraversa Viale Lombardia (1 km circa dopo aver superato un laghetto con pesca sportiva) e girare a sinistra dove, percorsi un centinaio di metri, si imbocca Viale Cesare Battisti vedendo alla fine del rettilineo la Villa (da casa mia ai cancelli di Villa Reale sono esattamente 25 km, tutti percorribili in estrema sicurezza e sempre su pista ciclabile).
Raggiunto il parco di Villa Reale, la mia curiosità è stata quella di andare a vedere il luogo dove si stavano realizzando i lavori per allestire l’area che sabato prossimo (25 marzo) ospiterà la celebrazione della messa del Papa, visto che ci andrò anch’io con mio figlio, aggregato ad uno delle centinaia di bus che arriveranno qui (io ci volevo venire da lupo solitario in bici, come oggi, ma mi è stato detto che non era possibile: solo gruppi organizzati e “censiti”, cosa che rientra in una logica di controllo sulla folla “oceanica” che arriverà).
Chieste informazioni, ho lasciato il Parco di Villa Reale per dirigermi verso quello dell’autodromo, e lì, in un enorme prato, ho dato un’occhiata ai lavori in corso per attrezzare l’area a ricevere le migliaia di persone che arriveranno qui la prossima settimana.
Lasciata la brulicante zona, mi sono diretto verso il più tranquillo parco dell’autodromo, che ho potuto visitare con tutta calma e tranquillità, percorrendo zone e vedendo posti che le volte precedenti non avevo visitato.
Se si ha l’accortezza di ascoltare e di guardare, non sembra nemmeno di essere a pochi metri da strade e centri abitatati affollatissimi, ma sembra di essere in un bosco di montagna, tanti sono i richiami e gli animali che si possono scorgere: picchi (veramente numerosi e abbondanti, anche i picchi verdi), fagiani, merli, cornacchie, gazze (i corvidi sono già al lavoro per costruire i nidi), rapaci, scoiattoli (ne ho visto da vicino anche uno rosso, specie che ormai sta per essere soppiantata dal più invadente scoiattolo grigio o “americano”), anatre, ecc., veramente un “bel vedere” per chi è appassionato di natura, considerando anche le belle fioriture del periodo.
Dopo una breve sosta per mangiare qualcosa, ho continuato il mio girovagare, visitando alcune tribune dislocate lungo la pista dell’autodromo e poi, trovando un cancelletto aperto e alcune persone che camminavano tranquillamente, sono entrato sulla pista vecchia percorrendone un buon tratto, fino ad una curva parabolica, interrotta poi da una rete (la pista ufficiale dell’autodromo di Monza è precorribile gratuitamente a piedi o in bici, da fine aprile a luglio dalle 18 alle 20, se non ci sono in corso manifestazioni o prove).
Terminato il mio “percorso esplorativo”, ho ripreso la strada del ritorno, arrivando a casa allo scoccare del mezzogiorno: bella e tranquilla uscita lunga 71 km. 

Tourengänger: imerio

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»