COVID-19: Current situation

Cavalcata di cime in Valchiusella


Published by Andrea! , 4 November 2013, 18h33.

Region: World » Italy » Piemonte
Date of the hike:30 October 2013
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 9:15
Height gain: 2400 m 7872 ft.
Access to start point:Autostrada per Aosta, uscita Ivrea. Seguire per Valchiusella fino a Traversella "alta". Parcheggiare in paese o nei pressi del Ponte Folle.
Maps:Alpi Canavesane, foglio 02 e 03 - Edizioni MU

Seguendo le previsioni meteo con Vincenzo decidiamo per andare in "zona" Ivrea . La sera precedente, apro la cartina, cerco qualcosa e vedo la possibilità di un bel giro che tocca molte cime, partendo da Traversella.
Tra l'altro non vogliamo stare in quota, non sapendo bene le condizioni (visto che ha piovuto fino a poco fa).

Quindi, senza troppi calcoli accendiamo la proposta.

La giornata inizialmente è bella e saliamo tranquillamente per il sentiero 719. Ma già durante la salita qualche nebbia copre la visuale e sembra voler prendere il sopravvento. Arriviamo al Rifugio Chiaromonte e la visibilità è molto scarsa.
Per fortuna sono solo nuvole di passaggio e poco dopo il panorama si riapre.

Raggiungiamo per prati la Bocchetta del Lupo da cui parte la lunga cresta. Saliamo la prima elevazione (quota 2162) il punto più alto del giro ma senza nome.
Il percorso prosegue senza particolari difficoltà, toccando Cima Vallone, Cima Bracca, Cima Biolley, Punta del Pianello, Punta di Pian dei Francesi.
La giornata sembra stabile al bello e non è tardi, quindi decidiamo di effettuare la variante ipotizzata la sera precedente in un impeto di masochismo, per allungare il tragitto.

Dal Col Naverano scendiamo al Colle Pian del Muli per salire il Monte Cavallaria, che non è una gran cima, se non per il fatto che è praticamente l'angolo tra la Val d'Aosta e il Piemonte. Profilo che si vede ogni volta che si percorre l'autostrada in direzione Aosta.

Dalla cartina vediamo che il sentiero passa molto vicino a Cima Le Colme .... mica vorrai lasciare fuori questa vetta? Certo che no!
Tagliamo per prati e poi per cresta, e senza sentiero raggiungiamo la cima e poi, sempre per la dorsale continuiamo la salita fino al Monte Gregorio, dove inizia ufficialmente la nostra discesa.

Siamo un po' cotti, il dislivello si fa sentire (anche se al momento non sapevamo ancora di aver fatto così tanto). La dorsale sembra bella e, in effetti, il primo tratto scivola via velocemente, fino alle ultime due elevazioni, il Monte Bitogno e subito dopo la Torretta delle Cime (queste ultime due non meritano proprio il titolo di cima ... ma sulla cartina sono segnate così).

Dalla Torretta il percorso si fa più complicato e faticoso, dovendo passare tra sassi ed erba che creano un sacco di buchi non facilmente visibili e che mettono a serio rischio le caviglie. Arriviamo comunque sani e salvi a Pian Campiglia dove ci attende il "rientro" alla macchina per una strada abbastanza lunga e con qualche sali-scendi che ci impegnerà ancora per un'ora.

Puntuali come un orologio, siamo alla macchina alle 17:30, proprio un attimo prima che faccia buio, decisamente soddisfatti per il gran giro.




Hike partners: Andrea!


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (9)


Post a comment

Daniele says:
Sent 5 November 2013, 11h02
Praticamente... un giretto giusto per sgranchire le gambe!

Andrea! says: RE:
Sent 6 November 2013, 19h31
Neanche noi eravamo consci del dislivello.
Una volta arrivato a casa e vista la cifra, l'ho controllata due volte.

Cosa fai questa domenica?
Poge

Daniele says: RE:
Sent 7 November 2013, 07h45
Per domenica non so ancora... ma qualcosa la farei volentieri.
Ci sentiamo.
Ciao

cristina says:
Sent 6 November 2013, 14h17
Nel primo mercoledì libero di Andrea sono stata io ad accompagnarlo, riporto le sue parole: "non penso che potrò andare tutti i mercoledì...se poi aggiungo il sabato e la domenica, sai la Manu...." ne avrà saltato uno?

Speravo di potermi aggregare più spesso almeno fino a che non fosse arrivata la neve, così gli avevo detto...risposta: "beh ma se anche nevica si possono fare anche solo 1000 m di dislivello!!!!"

Ma ce lo vedi Andrea a stare sotto i 1000 e a non fare cime?

Salutoni Andrea e anche a quel matto di Vincenzo!

Ciao Cri

Andrea! says: RE:
Sent 6 November 2013, 19h30
In questi due mesi il meteo ha graziato più mercoledì che domeniche ...

Giusto oggi pensavo, chissà quando la Cri si prenderà un altro giorno di ferie al mercoledì .... magari anche Marco!

Comunque esistono anche delle cime raggiungibili con 1000 D+ che potremmo fare insieme sci e ciaspole ....

Poge


Marco27 says: RE:
Sent 7 November 2013, 08h35
Stavo giusto pensando di prendere un giorno di ferie per andare a vedere il Rally due Valli di Coppa Italia Asfalto..... così, tanto per tornare a respirare un po' di gomma bruciata.... Volete venire ?

cristina says: RE:
Sent 7 November 2013, 08h47
Se vuoi respirare gomma bruciata e gas di scarico basta venire a Milano!

Poi ci sono odori che poco hanno a che fare anche con lo smog!

Ciao ciao.

Marco27 says: RE:
Sent 7 November 2013, 08h55
Il rumore dei 5a-2a in ingresso ai tornati a Milano non si sente.....

cristina says: RE:
Sent 7 November 2013, 08h45
Sulle domeniche poche speranze, forse una o due all'anno!

Sci e ciaspole insieme mah!

Ciao ciao. Cri


Post a comment»