Piz Piot (3053 m.) e Piz Turba (3018 m.)


Published by ivanbutti , 7 August 2011, 12h41.

Region: World » Switzerland » Grisons » Avers
Date of the hike: 6 August 2011
Hiking grading: T5 - Challenging High-level Alpine hike
Mountaineering grading: PD+
Climbing grading: III (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR 
Time: 7:00
Height gain: 1200 m 3936 ft.
Height loss: 1200 m 3936 ft.
Access to start point:Imboccare la A13 del S.Bernardino; uscire a Rofla e da qui risalire la Val Ferrera per oltre 20 Km. fino al termine della strada.

 

L’escursione odierna, eseguita in solitaria,  parte da Juf, che con i suoi 2126 m. è  il più alto insediamento d’Europa abitato in modo permanente tutto l’anno. Il villaggio conta 30 abitanti circa ed è una delle numerose  frazioni sparse del comune di Avers, frazioni che si toccano tutte risalendo l’Averstal.
Lascio l’auto in un ampio posteggio ufficialmente riservato ad una Gasthaus, ma quando arrivo io poco dopo le 07.00 non c’è nessuno. Seguendo inizialmente  i cartelli per la Forcellina ed il Septimer Pass, costeggio il versante idrografico dx. dello Jufer Rhein. Dopo meno di mezz’ora, arrivati ad un secondo cartello lascio però il sentiero principale, che risale il fianco della montagna e che percorrerò al ritorno, e proseguo costeggiando il rio. Il sentiero non è più segnato, ma inizialmente la traccia si vede bene; poco dopo però essa si perde; la si ritroverà più avanti assieme a numerosi ometti, quando si inizia a risalire la china, sempre avendo alla propria dx. il rio principale.
Arrivati a quota 2600 circa, si lasciano a sx. lo Juferjoch, il Piz Piot e il morente Piotgletscher, e si punta su traccia libera all’evidente valico del Piotjoch (2822 m.). Da qui inizia la risalita al Piz Piot, inizialmente su pietrisco mobile ma non pericoloso, mentre arrivati attorno ai 3000 metri occorre veramente la massima attenzione nel percorrere la cresta, che in diversi punti è parecchio esposta e mi ha costretto un paio di volte a mettermi letteralmente a cavalcioni per evitare rischi eccessivi.
Il tempo, inizialmente limpido, ha iniziato a guastarsi (come peraltro da previsioni), e così quando dopo 3 ore arrivo in vetta al Piz Piot sono avvolto dalle nubi, non si vede letteralmente nulla. Scendo dalla cresta opposta, molto più semplice da percorrere, che mi porta in breve allo Juferjoch (2766 m.). Ogni tanto arriva qualche occhiata di sole ad allietare un po’ la giornata e soprattutto a permettermi di vedere il cammino migliore da seguire per salire al Piz Turba, perché anche qui vi è giusto una timida traccia. Poco prima dell’anticima tornano tuttavia ad apparire gli ometti, che indicano il cammino per chi sale dalla Forcellina, il tracciato che percorrerò al ritorno. Arrivo in vetta anche al Piz Turba, sempre avvolto dalle nubi; percorro per poco il cammino a ritroso, perché poi lascio la cresta di collegamento con lo Juferjoch (questa è semplice, giusto un po’ di pietrisco mobile ma niente di pericoloso ), e seguendo gli ometti taglio verso la Forcellina, valico che mette in comunicazione la Averstal con il Septimer Pass e la Bregaglia. Da qui si è su sentiero molto evidente e ben segnato, e si rientra in poco più di un’ora a Juf.

 


Hike partners: ivanbutti


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T5 II
3 Sep 16
Grosse Gratwanderung Juf / Avers · Bergbursche
T4-
29 Aug 15
Piz Turba und Piz Piot · Frangge
T4-
D
11 Mar 14
Piz Piot (3053 / 3037m) · Daenu
PD+
11 Feb 18
Piz Piot (3052m) Überschreitung · Chrichen

Comments (8)


Post a comment

Francesco says:
Sent 7 August 2011, 14h36
...Ciao Ivan, sapevo non avresti rinunciato.
Complimenti per la gita in solitaria, a presto .

ivanbutti says: RE:
Sent 7 August 2011, 20h22
Ciao Francesco; stare a casa non ne avevo voglia, anche se il tempo incerto non invoglia. Però a parte le nubi nessun rischio pioggia, quindi tuuto bene.

Amedeo says: RE:..tra le righe!
Sent 8 August 2011, 16h23
Bravo Ivan......e bravo Francesco
Ciao
Amedeo

Massimo says: MALATI DI MONTAGNA
Sent 7 August 2011, 15h23
.............. e che gran bella malattia; ormai non ci ferma + nessuno. Pensa che io sto studiando qualche uscita a 3 arti, per il momento mi limito a fare una decina di Km al giorno sulle colline sopra casa.
Complimenti x la bella uscita.

Ciao
Max

ivanbutti says: RE:MALATI DI MONTAGNA
Sent 7 August 2011, 20h38
Bravo Max, tieniti allenato, così fine agosto e settembre riusciamo ancora a fare qualche bella cima. Ciao

gebre says:
Sent 8 August 2011, 13h07
Ciao Ivan, complimenti per i due tremila conquistati in solitaria.

A presto,
Alberto

beppe says: bella
Sent 15 August 2011, 14h58
bravo Ivan bella escursione a presto un saluto dal tirolo Beppe

ivanbutti says:
Sent 8 February 2013, 14h12
bravo


Post a comment»