Monte Ferraro (1494 m), Sotto Bar (1358 m) e Penudria - bike and hike da Sonvico


Published by Michea82 , 1 May 2022, 23h55.

Region: World » Switzerland » Tessin » Sottoceneri
Date of the hike:29 April 2022
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Climbing grading: I (UIAA Grading System)
Mountain-bike grading: F - Easy
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Tamaro-Lema 
Time: 8:00
Height gain: 2042 m 6698 ft.
Height loss: 2042 m 6698 ft.
Route:65.6 km - di cui 6.7 km a piedi

In questa escursione mista ho raggiunto il Monte Ferraro da Arosio percorrendone il crinale meridionale e  toccando la cima adiacente (Sotto Bar), una vetta poco più bassa e selvaggia. 
Il Monte Ferraro mi ha sorpreso per la sua bellezza: un ambiente alpino e un balcone panoramico tra Vedeggio e Malcantone.
L'unica volta che mi capitò di andarci fu nel 2001. Era ora di riscoprire questo monte di casa. 
(Se a qualcuno interessano esclusivamente il Monte Ferraro e il Sotto Bar consiglio di leggerne direttamente la parte specifica) 


Avvicinamento (via Penudria)

Decido di partire da casa, da Sonvico, sfruttando la mia nuova scoperta: la bici. Che scoperta questo mezzo!
Evito il tratto ripido su Dino passando dalla campagna. Dopo il falsopiano Dino-Cossio imbocco la ciclo-pedonale fino a Pregassona. Devio quindi verso Cornaredo. Tappa alla migros per prendere un pic-nic. Per recarmi nella Valle del Vedeggio e salire ad Arosio devo dapprima superare la dorsale che separa Cassarate e Vedeggio: salgo a Trevano, passo da Canobbio e Comano, scendo verso Cureglia, Lamone e attraverso la piana del Vedeggio raggiungendo Gravesano. 
Ora mi aspetta una salita durissima: la Penudria. Una strada con pendenza costantemente a doppia cifra, mediamente 11.86%. La parte iniziale è un muro che spezza il fiato: 800 metri con pendenza fino al 20%. Superata la chiesetta spiana un momento ma la parte difficile è solo iniziata. Ci sono un paio di chilometri di tornanti (una ventina) sempre ripidi. Pian piano procedo e raggiungo il terzo chilometro: un ultimo muro con pendenza ancora elevata (18%). Stringo i denti e raggiungo Arosio. Guardando le foto ho calcolato di aver impiegato 38 minuti. Per un principiante penso che non sia malaccio. 

Uno dei tanti tornanti della Penudria in cui mi sono fermato a tirare il fiato


Arosio, il villaggio più alto del Malcantone, ha una parte bassa e una alta. Ovviamente io devo raggiungere e superare quella alta. Pertanto dopo la Penudria le fatiche non sono ancora concluse. Proseguo la salita attraversando il villaggio. Mi avvicino al Ferraro percorrendo una stradina fino alla barriera, a quota 938 m. Qui, dopo una pausa, proseguo a piedi. 


Sotto Bar e Monte Ferraro da Arosio di Sopra (938m)

Dislivello: 633 m
Sviluppo: 6.73 km
Tempo: 3 ore (con pausa)


Seguo la strada per un breve tratto fino al bivio quotato 993 m. Qui abbandono la strada e proseguo sul sentiero (a sinistra). Al successivo bivio mantengo la destra innalzandomi nel bosco un po' in costa verso NW. Il sentiero ufficiale prosegue lungo le pendici occidentali del Monte Ferraro fino alla Bassa. Ma io presto imbocco una traccia non ufficiale che si stacca a destra. Questa mi conduce al toponimo "Piove", un'ampia radura circondata dalle betulle. La traccia prosegue sul versante orientale (Vedeggio) aggirando il Sotto Bar. 
Ma michea82 non si lascia sfuggire questa cimetta selvaggia.
Presto mi stacco dalla traccia e risalgo l'ampia dorsale sud del Sotto Bar. Nella parte finale si restringe e diventa ripida (T4).  Dopo alcuni grossi faggi ad un certo punto ci sono un paio di passaggi da arrampicare (I ) esposti su terreno erboso. Questo tratto è evitabile restando sulla destra. Ma secondo me è il passaggio più caratteristico e panoramico della cresta. 
Raggiungo quindi la cima, dotata di omino e vista sul vicino Ferraro.
Ora mi abbasso di una cinquantina di metri tenendo la cresta. Tra il Sotto Bar e il Ferraro c'è un bel prato. 
Quindi risalgo il pendio meridionale del Ferraro un po' a caso. Piuttosto ripido in estate è sicuramente poco praticabile a causa delle felci. Alla sera tralatro mi ritrovo una zecca nel braccio. 
Infine raggiungo la parte sommitale, con un terreno erboso pulito tipicamente alpino e vista super-panoramica. Ritrovo la traccia (che avevo lasciato in precedenza) e la seguo fino alla vetta. 
In cima trovo un enorme omino di vetta. La vista è ampia sul sottoceneri e sulle Alpi in generale. Ad ovest dominano Lema, Gradiccioli e Tamaro. 
Mi fermo per una pausa e poi riparto.
Stavolta non tocco il Sotto Bar ma lo aggiro ad est, seguendo la traccia lasciata prima. 
Raggiunto il punto in cui l'avevo in precedenza lasciata la mantengo fino alla barriera (stesso percorso dell'andata).


Sotto Bar e Monte Ferraro in lontanza



Allontanamento via Malcantone e Lago

Con la bici mi diverto a creare un percorso diverso per ritornare a Sonvico.
Dovendo recuperare eidan a Magliaso e portarlo a Sonvico con me percorro tutto il Malcantone (passando da Novaggio). 
Da Magliaso con Eidan ci rechiamo ad Agno, scavalchiamo la Collina d'Oro e scendiamo a Pambio. Quindi passiamo da Paradiso dove a noi si unisce debbee. Quindi in 3 andiamo verso il Parco Ciani e prendiamo la ciclabile per Sonvico. 



Hike partners: Michea82


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Geodata
 56238.gpx Avvicinamento via Penudria
 56239.gpx Monte Ferraro da Arosio
 56240.gpx Allontanamento via Lago

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T2
T2
3 Jul 21
Monte Ferraro · karll
T3+ WT4
T3
T2
18 May 18
Monte Ferraro · Delta

Comments (2)


Post a comment

Poncione says:
Sent 3 May 2022, 13h59
Bravo, e molto bello il percorso per la prima cima... ricorda un pò la parte iniziale di quella al Lema da Monte Colletta. ;)
Ciao

Michea82 says: RE:
Sent 4 May 2022, 23h11
Sì è una bella crestina con un ambiente prealpino di media quota peculiare.
Il Fwrraro è bello ma anche il suo piccolo vicino che tralalto non era ancora stato descritto sebbene aggiunto come waypoint
Ciaoo


Post a comment»