COVID-19: Current situation

Costa di Gana Rossa - Pizzo dei Torói 2526m - Pizzo d'Era 2618m


Published by Cele , 16 December 2019, 23h32.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike: 7 December 2019
Mountaineering grading: AD
Snowshoe grading: WT5 - Alpine snowshoe hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Pizzo Molare 
Time: 10:00
Height gain: 1000 m 3280 ft.
Height loss: 1000 m 3280 ft.
Route:8.20 km
Access to start point:Da Olivone seguire per il Passo del Lucomagno. Percorribile solo in macchina, se la barriera di Campra è alzata (www.lucomagno.ch). Possibilità limitata di parcheggio all'incrocio con la strada vecchia, il parcheggio estivo non viene liberato dalla neve.
Maps:https://map.geo.admin.ch

Partendo da Pian Segno con buio pesto e freddo cane, si segue il percorso estivo in direzione di Brönich, già ampiamente tracciato. Dal bivio per il Passo Bareta non trovo più nessuna traccia. Appena superato il ponticello sul Ri di Gana Rossa si svolta subito decisamente a destra, restando tutto il tempo sulla sponda orografica destra del Ri.
Arrivato all'ampio bacino di Gana Rossa, a poco più di 2000m, calzo le racchette; c'era una discreta coltre nevosa già da Pian Segno, ma fintanto che non si sprofonda più di 30cm non vale la pena metterle. La direzione da seguire è evidente, si punta alla sella passando a sinistra dell'isolotto roccioso nel centro. All'inizio poco ripida, la salita raggiunge pendenze elevate; non ho misurato, ma probabilmente si rasenta il WT6.

Una volta raggiunta la sella, è ora di ramponi e piccozza; faccio una capatina al P.2320 e poi attacco il ripido pendio, direzione Pizzo dei Torói. Dopo di esso il terreno spiana abbondantemente, per poi riprendere nuovamente fino a raggiungere un punto piacevolmente panoramico sul resto della Costa di Gana Rossa, il tratto più esposto. Da qui si procede sul fianco del filo di cresta per evitare le pericolose (ma piccole) cornici, fino a raggiungere un piccolo dente da arrampicare; esso non presenta difficolta particolari se non la scarsità di appigli per "uscire" dall'arrampicata (e una bella esposizione). Dopo averci provato per diversi minuti, mi arrendo al fatto che con le condizioni nivologiche del momento mi è impossibile superarlo di petto e devo ripiegare su un ripido traverso sulla destra (fianco Nord).
Questo sembra essere lo stesso punto in cui Ivo66 ha fatto un aggiramento.
Si riprende la cresta fino ad arrivare alla base del Pizzo dei Torói, un pendio anche qui bello ripido (tanto per cambiare). Dopo aver conquistato la vetta (globalmente una fatica della madonna) scendo per la crestina SO, dove giungo ad un sasso con al di sotto un "drop" di circa 2.5m. Sebbene fosse possibile aggirarlo, provo a disarrampicarlo, ma ahimè, è strapiombante, quindi nessun appiglio per i piedi. Valuto il da farsi, e giungo alla conclusione che faccio prima a saltare in avanti. Giunto al pianoro sottostante, mi fermo a mangiare e incontro anche i due sciescursionisti avvistati in precedenza.
Rimetto le racchette e raggiungo senza grandi difficoltà il Pizzo d'Era (WT3+?), che offre una vista davvero eccezionale.

Da lì ridiscendo fino al pianoro sottostante per la stessa via, e poi, seguendo l'itinerario sciescursionistico (prima si tiene completamente la sinistra, e poi completamente la destra), fino al bacino di Gana Rossa. In seguito, come per la salita.


Magnifica uscita in solitaria, con un manto nevoso stabilissimo ma fin troppo farinoso.
L'idea iniziale era di attaccare là anche il Pizzo di Campello, ma le condizioni della neve mi hanno rallentato talmente tanto lungo la Costa di Gana Rossa che ho dovuto rinunciare.
In caso di neve molto dura sicuramente vale la pena avere con sé due piccozze (quelle a manico completamente dritto lasciatele sugli scaffali dei negozi va).

Hike partners: Cele


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (9)


Post a comment

Poncione says:
Sent 17 December 2019, 13h12
Un solo verbo: spettacolo.
Bravissimo.

Cele says: RE:
Sent 17 December 2019, 15h57
Ciao, grazie mille! È stato proprio un bel giro :D

igor says:
Sent 17 December 2019, 18h47
Bellissima giornata e uscita bravo

Cele says: RE:
Sent 17 December 2019, 20h39
Grazie!

gbal says:
Sent 17 December 2019, 19h20
Se non bastassero le bellissime foto ad illustrare il reportage i 1000 m in 10 ore fanno capire che...non è stata proprio una passeggiata.
Complimenti e....benvenuto su Hikr

Cele says: RE:
Sent 17 December 2019, 20h49
Ciao, grazie, effettivamente è stata una gran faticaccia...

Alpingio says:
Sent 17 December 2019, 22h25
Bellissima salita, le foto parlano da se!
Giovanni

micaela says:
Sent 19 December 2019, 20h30
Ciao Cele, benvenuto sul sito!
Bel racconto di una bellissima avventura, belle foto, bel coraggio: complimenti!
Ci vuole fegato per un uscita da sogno come questa: bravo!
Ciao, Micaela.

Cele says: RE:
Sent 19 December 2019, 22h36
Ciao Micaela, grazie mille per le belle parole! :)


Post a comment»