Capanna Garzonera 1973mt meglio del divano


Published by giorgio59m (Girovagando) , 4 December 2019, 09h01. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike: 1 December 2019
Snowshoe grading: WT2 - Snowshoe hike
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Poncione di Vespero   CH-TI 
Time: 4:30
Height gain: 700 m 2296 ft.
Access to start point:Autostrada per il Gottardo, uscire ad Airolo, prima del traforo. All' uscita prendere a sinistra direzione Val Bedretto. Dopo poche centinaina di metri si trova un tornante, a metà curva si prosegue diritti seguendo le indicazioni per Nante. Parcheggi all' ingresso del paese. A piedi si prosegue attraversando il paese
Accommodation:Capanna Garzonera ( sito )

   
 

La maledizione finirà prima o poi

           Vista da Giorgio     -    (giorgio59m)     


Previsioni per la settimana scorsa:

Sole o parzialmente soleggiato da lunedì a venerdì
Sabato sole pieno
Domenica pioggia anche intensa, nevicate anche a bassa quota
Lunedì successivo sole pieno

Ma che razza di maledizione ci perseguita ???

Ma nulla può tenerci incollati al divano ... se si deve prendere acqua allora che neve sia, e se ci sono evidenti pericoli di valanghe si va in posti sicuri, con molto bosco e ben conosciuti.
Le proposte oscillavano tra i due lati dell' alta Leventina (Foisc o Garzonera) ma vista la notevole foschia ad ogni altitudine, deciamo per la più tranquilla e sempre sicura Garzonera.
Partiamo da Nante alle 8 precise, nevischia con fiocchi molto fini e ghiacciati, 0°C
Ci incamminiamo con le ciaspole aggrappate agli zaini fino alla stalla dove inizia il sentiero (sterrata sempre ricoperta di neve), anche questa volta troviamo la pista battuta dal gatto delle nevi, quindi proseguiamo senza calzare le racchette, la neve è dura e righiacciata.
Arriviamo a Segna, poi a Ressiga (laghetto artificiale) e proseguiamo fino all' acquedotto.
Al bivio per Giof la strada si divide in tre vie:
   a destra, in salita, è ancora battuta dal gatto delle nevi e porta a Ravina
   a sinistra scende verso il ponte che porta a Giof
   diritto si raggiunge l'acquedotto
Fino al bivio 2,7Km e fino all'acquedotto 3,2km praticamente in falsopiano.

Calzate le ciaspole al bivio, raggiungiamo l'acquedotto e ora si fa sul serio, una bel tiro in salita porta al pianoro di Cascina di Prato, poi a sinistra si passa il ponticello con il bivio che scende a Giof, e si prosegue seguendo il filo del bosco di abeti fino al ponticello vicino a Pian Taioi.
Altro bivio: a sinistra si scende su strada sterrata (in estate) a Giof, a destra la sterrata prosegue e sale all' Alpe Garzonera, che si trova poco sopra l'omonima capanna.
Qualcuno è salito con le ciaspole verso destra, sebbene sia la via più semplice è preferibile evitarla in inverno perchè attraversa due canaloni che slavinano sempre, e gli effetti delle slavine si vedono già dal basso sul piano dopo Cascina di Prato.
In linea diretta dietro il ponticello c'e' un percorso invernale ben conosciuto e spesso con la pista già tracciata, oggi si vedono solo deboli segni, ma conosciamo abbastanza bene dove passare, inoltre poco più in alto si incontrano le bollature di un sentiero che sale da Monda.
Poco più di trecentometri di dislivello piuttosto ripidi, tutti nel bosco di abeti, che sotto una bella nevicata e con tanta neve come oggi sono magici.
Le deboli tracce hanno fatto un giro un pò diverso dal solito, spostato di qualche decina di metri, ma poco importa, arriviamo sotto l'ultimo tiro dove finiscono i larici e si vede il palo che indica il punto dove, scavando nella neve, si può preleare l'acqua per la capanna.
Arrivo in Garzonera alle 10:30, circa quindici minuti dopo Paolo, mi godo questi ultimi metri, e quanta neve fuori dalla capanna!
Lo strato bianco è poco sopra il livello delle finestre, sul tetto probabilmente 1mt.
Bisogna scivolare dentro l'ingresso invernale per accedere.





Fuori -1°C all'interno +30°C ...
In capanna troviamo una coppia che ha soggiornato, con la stufa che va alla grande, sono svizzero-tedeschi e si stanno preparando per tornare a Nante, la capanna sarà tutta per noi.
Appena se ne vanno, nessuno resite ai 30°C,  non abbiamo abbigliamento leggero, quindi a petto nudo per tutto il periodo di permanenza.
Fuori nevica sempre di più, noi dentro pranziamo con i panini, ma abbiamo anche wafer e marron-glace che consumiamo con un buon bicchiere di Ramandolo.
Caffè e grappe non mancano mai.
Per concludere in bellezza, c'è chi fa una pennica, ma anche io e Paolo a chiaccherare e far progetti sdraiati sui materassi, fantastico.
Alle 13:30 ci prepariamo per partire, sarà uno shock termico ...
Ultime foto all'esterno con bei fiocchi di neve.
Ritorniamo seguendo le nostre tracce del mattino, inutile inventare.
Arriviamo a Nante alle 15:20, sulla macchina una decina di centimetri di neve, che bello.
Ciao Garzonera ... non è detto che non ci si riveda prima della prossima stagione estiva.


 

 
 
   
 

           Vista da Roberto   -    (roberto59)                        

 

Prima ciaspolata della stagione, giornata uggiosa ma piacevole sotto una bella nevicata, capanna Garzonera una certezza, è un’escursione tranquilla con un dislivello semplice, con gli amici sempre una gran bella domenica in montagna.

Un uomo che osa sprecare anche solo un’ora del suo tempo non ha scoperto il valore della vita.
(Charles Darwin)

Alla fine, ciò che conta non sono gli anni della tua vita, ma la vita che metti in quegli anni.
(Abraham Lincoln)

Tutto è relativo. Prendete un ultracentenario che rompe uno specchio: sarà felicissimo di sapere che ha ancora sette anni di disgrazie.
(Albert Einstein)



 
 
   
 

           Vista da Paolo   -    (brown)                        

 

Per fortuna abbiamo tanti cassetti dove pescare e ripescare idee perche' anche questa volta ci tocca un riparo da una nevicata preannunciata.
La Garzonera ormai straconosciuta è sicuramente una garanzia.
Sentiero da Nante fino all'acquedotto su strada livellata dal gatto delle nevi, forse per gli sciatori che scendono da Pescium , ma poi cerchiamo segni di passaggi per non dover battere neve fino in capanna anche se il fondo e' abbastanza ghiacciato.
Da Pian Taioi ci spostiamo sul lato sinistro per evitare la zona pericolosa per slavine e cerco di seguire le traccie di un ciaspolatore che pero' non ha seguito il sentiero ufficiale e ci siamo trovati ad affrontare un paio di punti molto ripidi.
Probabilmente erano traccie di discesa ma erano le uniche disponibili e la nebbia rendeva la visibilita' scarsa.
Arrivo in capanna un attimo prima con l'idea di cominciare ad accendere la stufa, ma appena scendo nel cunicolo scavato nella neve per entrare in capanna vedo due paia di racchette con i relativi bastoncini.
Chi saranno i matti? Due escursionisti di Zurigo che a breve scenderanno a Nante dopo essere saliti il giorno prima con una giornata spettacolare.
Ci lasciano la capanna super riscaldata e cosi' ci riposiamo in solitaria mentre fuori , come da previsioni, la neve continua a scendere .
Rifocillati e riposati usciamo per la foto di gruppo con risalita sul  tetto della capanna  come da nostre abitudini.
Ci sono ormai aggiunti piu' di 10 cm di neve fresca sopra le nostre tracce,ma la strada ormai e' tutta in discesa e anche i fuoripista sono solo divertimento.
Giornata senza dubbio priva di panorami, ma immersa in un silenzio ovattato con la neve che scende e la capanna tutta per noi .
Sono esperienze uniche e solo chi apprezza la montagna ne sente la necessita' senza nulla togliere alla conquista di una nuova vetta.
Buona neve a tutti

 

Paolo
 

 

 
 
   
 

              Vista da Gimmy-    (gimmy)
 

Un classico la capanna Garzonera, non delude mai ,un bel giro con la neve che cadeva copiosamente  come compagna di viaggio, e visto la giornata grigia è stata tutto sommato gradevole
una domenica piacevole in compagnia degli amici

CIAO ALLA PROSSIMA

  

 
 
     
 
RIASSUNTO del PERCORSO
Percorso Totale : 10,75 Km totali, 7h:20m totali, 3:45m di cammino
Andata : 5,45 Km, 2:30 lorde, 20m soste
Ritorno : 5,30 Km, 1:35 lorde, 05m soste
Dislivello : 600 mt di assoluto , 700mt di relativo
Libro di vetta: SI in capanna
Copertura cellulare: Buona sul percorso
Partecipanti :

Giorgio, Paolo, Roberto, Gimmy

 
 
   
   

Altre foto, diario, tracce sul nostro sito     

www.girovagando.net        escursione # 355

  

 
 



Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (7)


Post a comment

Daniele66 says:
Sent 4 December 2019, 20h49
X la meteo?....siamo gli sfigati del WE.......Daniele66

beppe says: Bravi
Sent 5 December 2019, 07h31
Grandi come sempre
Ciao
Beppe

Sent 5 December 2019, 08h32
Giovani stavolta vi ho lasciati divertire,
preparatevi per le wild
ciao

GIBI says:
Sent 5 December 2019, 13h28
Complimenti per la voglia e per la determinazione dimostrata nella prima vostra ciaspolata stagionale ... ma domanda : una volta sola una tantum visto che sabato davano ed era effettivamente bel tempo non potevate anticipare di un giorno l'escursione programmata ?

ciao Giorgio

Sent 5 December 2019, 15h17
Osservazione giusta caro omonimo, ma al momento per gli impegni vari il sabato è difficile da organizzare, se non con lungo anticipo, e ovviamente con anticipo non sai che meteo ti tocca.
Ma la fiducia non manca, prima o poi splenderà questo sole !

imerio says:
Sent 5 December 2019, 17h58
Cari Girovagando, "chi la dura la vince"!!!. Bella la Capanna Garzonera, quest'inverno conto di farla, grazie anche alle vs. descrizioni. Buone feste a tutti se non ci si sente. Imerio.

Sent 6 December 2019, 09h22
Grazie Imerio, Auguri anche a tè e famiglia
ciao


Post a comment»