Pizzo Frachiccio - Via Kasper


Published by irgi99 , 5 September 2019, 09h56.

Region: World » Switzerland » Grisons » Bregaglia
Date of the hike:30 August 2019
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Mountaineering grading: D+
Climbing grading: VII- (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR 
Time: 6:30
Height gain: 500 m 1640 ft.
Height loss: 500 m 1640 ft.
Route:5.35 km
Access to start point:Da Chiavenna seguire la strada per il Passo del Maloja. Superare la dogana e, dopo l´abitato di Vicosoprano, presso la località Pranzaira, sulla destra della strada, parte la funivia per la diga dell´Albigna (al mese di giugno 2018: CHF 22 andata e ritorno; prima corsa h. 7,00; ultima corsa h. 16,45).
Accommodation:Capanna Albigna (q. 2340 m)
Maps:KOMPASS N. 92 - Chiavenna, Val Bregaglia 1:50000

Dopo l'intensa sessione di arrampicata dolomitica, tra vie poco chiodate e roccia dall'aspetto a volte inquietante, per non rischiare, come direbbe qualcuno, di diventare delle lavatrici piene di calcare, la voglia di mettere mano su una roccia più compatta (e spittata) cominciava a farsi sentire...
E così, la nostra cara Albigna anche questa volta non ci delude! Unico problemino.... pensavo di fare una vietta di relax... e invece... mi ritrovo a penzolare sotto a degli strapiombi ed agghiacciata davanti a interminabili traversi ahahaha
Però lo ammetto, il granito mi mancava...


Dalla stazione di arrivo della funivia, dirigersi verso la diga che racchiude il bacino del Lago dell´Albigna. Senza attraversare la diga, in corrispondenza della Casa dei Guardiani della Diga, imboccare il sentiero segnalato bianco-blu che sale verso il Passo Cacciabella.
Giunti in vista dell'imponente avancorpo nord est del Pizzo Frachiccio, abbandonare definitivamente i segnavia, quindi portarsi ai piedi della parete attraversando una zona di grandi massi
La Via Kasper attacca in corrispondenza della placconata sulla destra dell'avancorpo, sotto la verticale di un grosso tetto. L'attacco della via è ben segnato da una scritta e una freccia rossa (q. 2320 m).

L1:
salire per una ventina di metri la placca, sfruttando le belle lame e seguendo i numerosi spit (talvolta poco visibili poichè si confondono con la roccia). Traversare poi a sinistra, per poi riprendere a risalire sino alla sosta in un comodo terrazzino sotto al tetto visibile anche dal basso  -    IV+, V+    30m
L2:
dalla sosta, salire obliquando verso destra portandosi all'estremità del tetto. Vincere il piccolo strapiombino (delicato), quindi iniziare un lungo ed impegnativo traverso verso destra seguendo un diedro inclinato e delicato. Doppiare lo spigolo e seguire la facile cengia sino alla sosta  -    VII- / V+ e A0    30m
L3:
abbassarsi di qualche metro sfruttando solidi appigli, quindi proseguire verticali per belle lame fino ad un terrazzo. Traversare nuovamente a destra fino a raggiungere la sosta  -    IV, V    40m
L4:
dalla sosta proseguire lungo la rampa ascendente verso destra fino a raggiungere un piccolo muretto con chiodo. Vincerlo e proseguire per terreno facile verso la rampa di sinistra. La sosta si trova non appena si oltrepassa lo spigoletto  -    III, II    50m
L5:
proseguire dritti per facili risalti fino ad una strozzatura che va superata con passo atletico e un po' delicato. Proseguire ancora per facili roccette fino alla sosta posta alla base della soprastante parete  -    II, V, II    40m
L6:
salire a destra della sosta seguendo una splendida lama staccata, prima verso sinistra e poi verso destra. Al termine della lama, traversare verso destra sfruttando delle piccole fessurine in direzione di un diedro. Spaccare verso la parete di destra e con passo strapiombante ma ben appigliato raggiungere la comoda sosta  -    VI / V+ e A0    45m
L7:
con passo boulderoso rimontare la placca lichenosa sopra la sosta, quindi traversare facilmente verso destra in direzione di un'evidente sosta cordonata. Salire sopra la sosta sfruttando una bella fessura e portarsi alla base del tetto, che si vince con passo atletico. Proseguire poi per facili rocce più abbattute sino alla sosta  -    VI / V+ e A0, IV    45m
L8:
sfruttando un divertente sistema di fessure e lame salire dritti per la placca sopra la sosta  -    V, IV, III    45m
L9:
proseguire brevemente per placca a lame fino a raggiungere la cresta. Seguirne più o meno fedelmente il filo fin sotto ad un diedro-camino, al termine del quale si aggira il filo sulla sinistra per facile rampa fessurata. Sosta con cordini e maillon di calata in cima al pilastro con ometto  -    III, III+    50m

Dall'ultima sosta (q. 2545 m circa), con quattro calate in corda doppia (corde da 60 metri) si è alla base della parete:
1° calata: circa 40 metri. La sosta è spostata leggermente a destra (faccia a valle) rispetto alla verticale di calata;
2° calata: circa 50/55 metri. Raggiunto un diedro obliquo al termine di una parete verticale per trovare la sosta (a chiodi con cordini e maglia rapida) bisogna buttarsi un poco in fuori. La sosta è nascosta da un gradino roccioso;
3° calata: circa 50/55 metri. La sosta è su cordoni avvolti ad un solido spuntone su una comoda cengia;
4° calata: circa 10/15 metri. Con questa si è alla base della parete.

A questo punto scendere per percorso non obbligato il pendio di grossi massi tornando al sentiero segnato bianco-blu percorso all'andata.

Bella e divertente via ben spittata nei tiri di VI, Kasper sale lungo l'avancorpo del Pizzo Frachiccio, vincendo una serie di piccoli tetti e placche fessurate. Le soste sono in parte già attrezzate e in parte da attrezzare su due spit; portare friends fino al 2 BD.

TEMPI DI PERCORRENZA:

ARRIVO FUNIVIA - ATTACCO VIA KASPER: 30 minuti
ATTACCO VIA KASPER - VETTA AVANCORPO q. 2545 m: 4,30 ore
VETTA AVANCORPO q. 2545 m - BASE DELLA PARETE: 40 minuti
BASE DELLA PARETE - ARRIVO FUNIVIA: 30 minuti

con Peru

Hike partners: irgi99


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T5 D V+
T4+ D 5c
T5+ II
18 Aug 19
Piz Casnil · cardamine
T4 PD- II
29 Jul 16
Cima di Castello - 3379 m · irgi99
T2 6a+

Comments (5)


Post a comment

Angelo & Ele says: Albigna = Eden-Spit
Sent 5 September 2019, 14h45
Ben tornati agli spit e alla bella roccia in un vero e proprio parco divertimento per i climber!!! :-)

Angelo

irgi99 says: RE:Albigna = Eden-Spit
Sent 5 September 2019, 17h32
Grazieeeee :)
Le Dolomiti san regalare fantastiche emozioni però.... il granito mancava davvero tanto!!!

Irene

Alpingio says: RE:Albigna = Eden-Spit
Sent 5 September 2019, 21h05
E già il grip del granito è proprio il top!
Complimenti per la via! Sempre più in forma!!
Giovanni

Angelo & Ele says: RE:Albigna = Eden-Spit
Sent 5 September 2019, 21h41
...è vero, poi quello di certe pareti in Monte Bianco o delle incredibili Calanques di Piana in Corsica...
Ma anche di certe pareti in Sardegna ho un ricordo incredibile: un calcare così bello non esiste da nessun altra parte in Europa (...oltre ad essere anche il più antico del nostro Continente)

irgi99 says: RE:Albigna = Eden-Spit
Sent 5 September 2019, 22h19
Grazieeeee :)


Post a comment»