Covreto (1594m ) - M.Corbaro (1545m) - M.Sirti (1344m) - M.Cadrigna (1300m)


Published by Camoscio , 18 March 2019, 01h04.

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:16 March 2019
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Monte Gambarogno   CH-TI   I 
Time: 6:15
Height gain: 1603 m 5258 ft.
Height loss: 1572 m 5156 ft.
Route:20,46 km

Volevo fare questo giro nel Gambarogno già un mese fa, ma con la neve non mi ispirava molto. Parto da Dirinella, ancora in territorio svizzero, subito prima della dogana. Salgo lungo una scalinata e percorro il sentiero educativo “Tra monti e lago”. Il sentiero, molto largo, è in gran parte un acciottolato. In certi punti l’ascesa è resa difficile a causa del fogliame secco che copre il sentiero rendendolo scivoloso. Giungo a Scaiano, ai Monti di Caviano e al Rifugio Alpetto di Caviano. Da qui mi dirigo verso il Piano della Rogna e percorro in salita il sentiero lungo il prato di paglia che mi conduce verso il Covreto passando dal Sasso Torricello, che non è una vera cima, su cui si trova un cippo di confine. Alla croce del Covreto incontro un gruppo di ragazzi arrivati poco dopo di me. Il panorama dalla vetta è eccezionale. Si vedono il delta della Maggia e le isole di Brissago verso Ovest, il Monte Paglione verso NE, la Tamaro-Lema verso Est, la cresta del Monte Sirti e il Monte Cadrigna verso SO. Rinuncio alla deviazione verso la cima del Monte Paglione essendoci già stato, nonostante non si trovi molto lontana. Scendo passando dal Monte Corbaro su cui sono presenti perennemente sciami di moscerini. Non saprei dire il perché. Raggiungo il Passo di Fontanarossa e percorro, all’interno di un bosco di betulle, il sentiero di cresta del  Monte Sirti, che mi conduce al Passo Forcora dove si trova la chiesa della Madonna della Neve. In questa zona si può arrivare anche con l’auto lungo la strada che sale da Maccagno. Impiego circa un’ora di tempo per arrivare fino a questo punto dal Covreto. La facile salita verso il Monte Cadrigna necessita di circa 15 minuti. Questo “panettone erboso” è molto frequentato per la facilità di accesso e per il notevole panorama che offre. Vi si trova una sciovia che mi chiedo quanto possa essere utilizzata considerando il clima degli ultimi anni. Noto la presenza di diversi aeromodellisti. Arrivato alla croce incontro un ornitologo dilettante che sta osservando, tramite il suo cannocchiale, le poiane che sorvolano la zona, annotando le sue rilevazioni che consegnerà al museo di storia naturale di Clivio. Durante la pausa pranzo mi soffermo a discutere con lui. Mi dice che ha perfino visto il gipeto da quel punto osservativo. A un certo punto, guardando verso SO, mi chiede se la montagna piramidale che vede in lontananza è il Cervino. Gli spiego che il Cervino si trova a Ovest, in prossimità del massiccio del Monte Rosa, che da lì non è visibile trovandosi dietro alle montagne della Val Grande che lo nascondono. Quando gli dico che si tratta del Monviso mi guarda con aria soddisfatta in quanto non avrebbe mai pensato che si potesse scorgere da lì. Dovendo ancora percorrere un po’ di chilometri e non volendo fare tardi mi congedo da lui e ritorno al Passo Forcora dove mi dirigo verso l’Alpe Quadra e i Monti di Pino. A un certo punto passo accanto a un vecchio ponte in sasso che, secondo le indicazioni, dovrebbe condurre verso Scaiano. Penso di prendere quella direzione per evitare il seppur breve tratto di asfalto da Zenna a Dirinella. Oltrepasso il ponte, ma a un certo punto il sentiero si interrompe. Mi ritrovo costretto a tornare indietro. Non capisco perché mantengono la segnaletica per sentieri non più utilizzati, magari anche da parecchi anni. Arrivo a Zenna e poi a Dirinella con circa un’ora di anticipo rispetto al limite orario che mi ero imposto. Meglio così.
 
    
Inizio escursione: 8:37
Fine escursione: 15:51
Sviluppo totale: 20,46 km
Dislivello positivo: 1603 m
Dislivello negativo: 1572 m
Tempo salita (al Covreto): 2h26min
Tempo discesa: 3h44min
Tempo totale: 6h10min
 

Nei tempi sono incluse le “pause”. La pausa di circa 20 minuti al Covreto e la pausa pranzo di circa 45 minuti al Monte Cadrigna sono invece escluse.


Percorso: Dirinella (197m)-Scaiano (331m)-Monti di Caviano (695m)-Rifugio Alpetto di Caviano (1255m)-Sasso Torricello (1424m)-Covreto (1594m)-Monte Corbaro (1545m)-Passo di Fontanarossa (1394m)-Monte Sirti (1344m)-Passo Forcora (1190m)-Monte Cadrigna (1300m)-Passo Forcora (1190m)-Alpe Quadra (1154m)-Monti di Pino (871m)-Zenna (205m)-Dirinella (197m)

Hike partners: Camoscio


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (12)


Post a comment

Francesco says:
Sent 18 March 2019, 10h25
...Bel giro, complimenti.

Camoscio says: RE:
Sent 18 March 2019, 10h55
Grazie, Francesco! Questi sono i giri che amo particolarmente perché ti offrono dei panorami mozzafiato! :)

cristina says:
Sent 18 March 2019, 11h49
E' una zona che era piaciuta parecchio anche a noi...

Camoscio says: RE:
Sent 18 March 2019, 19h22
Per quanto mi concerne è il panorama sul lago che fa la differenza oltre al fatto che i sentieri / mulattiere sono veramente piacevoli da percorrere perché tenuti molto bene.

Alpingio says:
Sent 18 March 2019, 13h48
Bel kilometraggio e bel giro, bravo!
Giovanni

Camoscio says: RE:
Sent 18 March 2019, 14h59
Grazie Giovanni, sono pienamente soddisfatto di averlo potuto finalmente fare! ;)

Poncione says:
Sent 19 March 2019, 11h20
Sempre bellissimi i giri in questa zona, specie se ben congeniati come in questo caso. Bravo.
Ciao

Camoscio says: RE:
Sent 19 March 2019, 18h16
Grazie, Re della Valganna! ;)

GIBI says:
Sent 21 March 2019, 21h31
Giri di quelli che piacciono tanto anche a me ... e mi consola il fatto che anche tu oltrepassato il ponte in cemento con l'indicazione per Scaiano ti sia perso ma molto più intelligentemente del sottoscritto sei subito tornato indietro, io invece in gennaio cercando comunque un passaggio sono andato avanti seguendo le traccie di un vecchio sentiero rischiando di farmi davvero male prima di tornare indietro con le pive nel sacco !

ciao Giorgio

PS ... ancora chiuso l'Alpetto ?

Camoscio says: RE:
Sent 21 March 2019, 21h46
Direi che è il momento ideale per questi giri perché ormai l'inverno è finito e la neve se n'è andata lasciando solo residui. L'Alpetto era chiuso quindi non ho potuto sbirciare com'era dentro...

GIBI says: RE:
Sent 21 March 2019, 21h59
semplice ma bello e funzionale ... ci ho dormito un paio di volte, se poi avrai la fortuna di trovar su il Naldo ... il capannaro ... vedrai che bella persona che è !

Camoscio says: RE:
Sent 21 March 2019, 22h01
È di una panoramicità quel terrazzo! Ci abiterei tutto l'anno se non ci fosse il problema della spesa! :D


Post a comment»