Madone m.2018 - Pizzo Peloso m.2064


Published by Poncione , 15 December 2016, 22h48. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:10 December 2016
Hiking grading: T4- - High-level Alpine hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Pizzo Cramalina 
Time: 8:45
Height gain: 1399 m 4589 ft.
Height loss: 1354 m 4441 ft.

Da un po' di tempo mi era caduto l'occhio sul gruppo di cime che, di fatto, separa tre valli: la Val Maggia, la Val Onsernone e la Val Vergeletto. Su Hikr c'era già materia sufficiente alla bisogna, ma la recente "salitona" di ciolly dalla Val Maggia è stata senz'altro un buon pro-memoria nonchè motivazione per vedere questi luoghi a noi nuovi.
Eccoci dunque in quattro in Valganna: con me Cristian ramingo e i due giansa Elena e Giampiero. Alessandro froloccone oggi purtroppo resta "in panchina" per un altro impegno. A dire il vero doveva esserci comunque un "quinto", anzi quinta, cioè Micaela, ma un suo SMS mi avvisa che il suo ginocchio fa ancora i capricci e deve dunque saltare a malincuore. A differenza, come dicevo, di ciolly partiamo come "da tradizione" da Berzona in Val Onsernone: la giornata è bella, la temperatura gradevole e i luoghi complessivamente belli e ben tenuti. Unico neo, niente acqua lungo tutta la salita, nonostante si attraversi o si passi accanto a vari villaggi ed alpeggi: il bel sentiero, con pendenza "giusta" che facilita l'ascesa, passa dai nuclei di Sassello e Cortasiell, uscendo infine allo scoperto alle rovine di Pino, dove si ammira un panorama davvero notevole. Sostato qui alcuni minuti decidiamo di salire direttamente al Madone, che nella parte finale - su lieve traccia - strappa notevolmente su ampio crestone erboso pervenendo all'omino di vetta. Vetta che, in realtà, è quella più a ovest rivolta sul Passo della Maggia.
  Intrapresa la breve discesa al Passo notiamo qualcuno sotto di noi in agile salita... sulle prime crediamo (e speriamo) si tratti proprio di Micaela, notando comunque fattezze femminili: per togliermi ogni dubbio estraggo il binocolo vedendo che non è lei, ma riconoscendo comunque fattezze a me note. Appena lei guarda in su è giocoforza riconoscermi, vista la mia tenuta tipicamente "balneare" in periodo pre-natalizio. ;)
Arriviamo al Passo e in breve, oplà, ecco Ewuska, cui pochi attimi dopo segue Fausto. Bellissima sorpresa per tutti: era destino che il quartetto non dovesse rimanere tale ed allargarsi addirittura a sestetto.
Ovviamente si decide di salire assieme sul Pizzo Peloso, visto che anche Eva e Fausto hanno questa meta. Benchè, visto dal Madone, esso non appaia particolarmente impegnativo una volta che si prende la sua cresta è chiaro il fatto che non si tratti comunque di una "passeggiata" visti i frequenti saliscendi su terreno misto, con in più l'insidia della neve a nord e di una paglia scivolosissima a sud. Non rimane che seguire quasi interamente il filo, con divertenti passi d'arrampicata e rarissimi aggiramenti a nord e sud: solo nella sua parte conclusiva la cresta si facilita, giungendo in vetta senza problemi. Panorama stupendo e assai spazioso, con in primo piano le vette dell'Onsernone e Vergeletto, oltre un ampio corridoio a sud che mi permette di vedere e riconoscere luoghi a me cari. ;)
Ci soffermiamo a lungo in vetta, gustiamo il pranzo, contempliamo, scherziamo... ma poi vien l'ora di scendere, con inalterata concentrazione, dallo stesso itinerario. Giunti al Passo Eva e Fausto intendono salire anche sul Madone, ed anche se c'ero già stato prima risalgo volentieri anch'io, mentre gli altri iniziano la discesa verso Pino, dove poi ci ritroviamo assieme facendo un'ultima sosta prima della rapida discesa conclusiva per la stessa via dell'andata.
 Che dire? Oltre al piacevole e sorprendente incontro con Eva e Fausto bisogna ammettere che l'escursione ci è piaciuta molto, e questo gruppo montuoso sia particolarmente interessante e significativo: il Pizzo Peloso, benchè non particolarmente impegnativo, va comunque affrontato con un certo rispetto ed in certe condizioni (vedi relazione di zar) sembra promettere anche qualche divertente variante di salita. La neve non ci ha permesso di seguire la via sulle placche settentrionali, ma direi che fare interamente il filo non sia meno bello: cima, dunque, promossa a pieni voti. E chissà non ci scappi qualcos'altro da queste parti: chissà.
Grazie a tutti per la giornata meravigliosa e... avanti così.

NB. La valutazione complessiva T4- è riferita al tratto Passo della Maggia-Pizzo Peloso; la deviazione ripida su traccia erbosa al Madone è T3, come pure il sentiero dal Passo della Maggia all'attacco della cresta del Madone. Il resto è T2.

giansa
Quando Emiliano ci ha proposto la meta (Pizzo Peloso) ci siamo chiesti che razza di montagna fosse, con quel nome che rappresenta uno dei tormentoni di Ale. :) Invece, complice un meteo eccellente, l' uscita si è rivelata appagante per panorami, alpeggi, contrasti tra versante sud con erba dorata e lato nord con neve gelata.
E per ultimo ma non ultimo l' incontro con Fausto ed Ewuska. Che volere di più?
Grazie a tutti
Elena e Giampiero

Hike partners: Poncione, ramingo, Giansa


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T5 II
23 Feb 19
Impressioni d'Onsernone · froloccone
T3+
6 Jun 16
Pizzo Peloso - 2064 m · irgi99
T3
19 Jun 14
Madone (2'018 m.s.m.) · ale84
T5+ F II
T4- PD I

Comments (11)


Post a comment

siso Pro says:
Sent 16 December 2016, 09h46
Bella gita raga! Da imitare!
Ciao a tutti,
siso.

Poncione says: RE:
Sent 16 December 2016, 13h17
Assolutamente bella ed inaspettata, come l'incontro con Eva e Fausto. Oltretutto sono possibili vari accessi e vari concatenamenti. Sì, bello davvero. :)
Ciao

veget says:
Sent 16 December 2016, 12h53
Che gitona in bella compagnia e che avetea! !
Certo che vederti a dorso nudo, mi provoca inaspettatavidia.".Quella valle regala montagne inaspettate....A questo proposito, importanti le relazioni postate su Hikr.
Le belle foto , rendono bene quanto avete ammirato!
Buona continuazione
ciao
Eugenio

Poncione says: RE:
Sent 16 December 2016, 13h19
Grazie Eugenio, è stata una bella sorpresa salire su queste cime un po' adombrate e defilate rispetto ad altre, a conferma che non sempre è la quota a fare la differenza...
Ciao

Menek says:
Sent 16 December 2016, 14h20
Gran bel giro Emi...ore su ore di cammino. Sabato stiamo più "bassi"??? :))) Te lo chiede il mio stent....
Ciaooo

Poncione says: RE:
Sent 16 December 2016, 20h56
Grazie Dome.
Tranquillo, sabato saremo più "soft", anche se non "esageratamente soft" come lo scorso anno. ;) Almeno stavolta si arriva alla meta con più fame. ;)
Ciao

GIBI says:
Sent 16 December 2016, 17h45
io purtroppo sia dal lato passo della Maggia sui pratoni scivolosi sia direttamente dal davanti con placche da superare lo scorso anno da " fifone " ci ho poi rinunciato !

Poncione says: RE:
Sent 16 December 2016, 20h59
Allora ti consiglio di riprovare, magari a primavera quando la paglia è meno scivolosa o, come abbiamo fatto noi, restando quasi sempre sul filo (che non è mai troppo esposto).
Ciao Gio.

gbal says:
Sent 21 December 2016, 19h31
A volte si incontra più gente in montagna che al Corso

Poncione says: RE:
Sent 21 December 2016, 22h37
A volte... :)
Per il resto non mi pare che la zona sia frequentatissima: a torto, per quanto mi riguarda.
Auguri Giulio.

gbal says: RE:
Sent 24 December 2016, 19h53
Grazie Emiliano. Auguri anche a te!


Post a comment»