Sentiero delle Casere di Mezzoldo, con divagazione al Bivacco Zamboni


Published by grandemago , 22 May 2016, 20h47.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:21 May 2016
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Height gain: 1090 m 3575 ft.
Height loss: 1090 m 3575 ft.
Route:Lunghezza km 13 ad anello con divagazioni, come da waypoints
Access to start point:Val Brembana, Mezzoldo, Rifugio Madonna delle Nevi

Escursione solitaria, per sentieri solitari, dove non incontrerò anima viva fino al Rifugio Balicco, a parte un trio di benemeriti locals armati di vernice bianco-rossa e pennello incrociati dopo la Casera Cavizzola.

Il “Sentiero delle Casere” sale in Val Terzera fino alla Baita Dossello, prosegue poi con vari saliscendi mantenendosi tra i 1700-1800 metri fino alla Casera Azzaredo. Da questa infine scende al Rifugio Madonna delle Nevi chiudendo l’anello.

 

Saluto Lella, Angela e Raffaele e m’incammino da solo per la Val Terzera. Loro invece saliranno a prendere la cresta del Monte Azzaredo. L’appuntamento è all’auto al nostro ritorno, oppure in discesa, nel caso mi trovassi sulla loro traiettoria, che al momento della partenza nessuno di noi sa quale sarà.

Salgo nel bosco, attraverso alcune belle radure, supero la prima Casera, la Baita Dossello e mi porto sui prati bucolici della Baita della Costa Piana.

Mi fermo un po’ a godermi il panorama … me la prendo molto comoda oggi: voglio godermi pienamente la lentezza, il silenzio, la pace e la solitudine … ogni tanto ci vuole!

Proseguo attraverso un lariceto, poi supero in campo aperto le Casere Siltri e Cavizzola. Rientro nel bosco, ora di abeti, con aperture a picco sul fondovalle. Dopo alcune radure raggiungo un poggio e dopo questo l’ultima Casera, l’Azzaredo.

Concluso il giro delle Casere salgo nella bella conca del Bivacco Zamboni, passando dal Rifugio Balicco: è l’ora di pranzo, e seduto fuori dal bivacco mi faccio la dovuta pausa.

 

Scruto le creste sopra di me.

Eccoli … stanno scendendo dal Monte Tartano!

Li chiamo … mi sentono e ci salutiamo.

Rimango al bivacco seguendoli a vista fin che non scompaiono dietro la cresta.

 

Tornato alla Casera Azzaredo e al successivo dosso, mi fermo e riprendo l’osservazione della cresta, ora visibile ad Ovest del Bocchetta di Budria.

Li vedo sbucare mentre salgono la Quota 2260 e da qui in poi non li perderò di vista per tutta la successiva discesa, per niente semplice con la neve.

Quando sono ormai nel vallone vado loro incontro ed insieme torniamo al Rifugio Madonna delle Nevi.

 

Nota: la traccia gps inizia dalla Casera di Val Terzera … quando mi sono accorto di non averla attivata!


Hike partners: grandemago


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (19)


Post a comment

Menek says:
Sent 22 May 2016, 20h57
Posti che meritano sempre una visitina... bella Aldo.

grandemago says: RE:
Sent 22 May 2016, 21h13
.......E manco sapevo che ci fosse un rifugio.

Ciao

stefano58 says: RE:
Sent 23 May 2016, 12h56
Neanch'io, sono anni che non frequento più regolarmente la zona.
Ma la voglia di tornarci c'è sempre.
Ciao
Stefano

grandemago says: RE:
Sent 23 May 2016, 23h36
Il rifugio è carino e in bella posizione, e il gestore mi è sembrato molto gentile e disponibile.
E' ora di tornarci Stefano!
Ciao

Amadeus says:
Sent 23 May 2016, 07h15
Direi : escursione eremitale? Bella Aldo, giro che me lo metto nei miei "desiderata". Cazzo sto Menek, sempre primo....

Menek says: RE:
Sent 23 May 2016, 21h08
Mettiti in fila vecio Alex!

grandemago says: RE:
Sent 23 May 2016, 23h17
Prima parte eremitale, seconda ansiosa e terza cazzeggiante!
Ciao

Amedeo says:
Sent 23 May 2016, 10h06
Ciao,
Amedeo

grandemago says: RE:
Sent 23 May 2016, 23h30
Ciao Carissimo!
Aldo

tanuki says:
Sent 23 May 2016, 12h44
Il bello delle escursioni in solitaria (a parte il rutto libero) è proprio il portersela prendere comoda... per le pause-respiro, le pause-foto, le pause-saluto e, soprattutto, le pause-merenda!

stefano58 says: RE:
Sent 23 May 2016, 12h59
E tra una pausa e l'altra meditare su vari argomenti, anche con il rischio di sbagliare sentiero per distrazione.
Ciao
Stefano

tanuki says: RE:
Sent 23 May 2016, 13h42
Gli incontri e le avventure migliori si fanno proprio imboccando quei sentieri presi a caso :)

grandemago says: RE:
Sent 23 May 2016, 23h48
Sei sicura di averli presi a caso?

tanuki says: RE:
Sent 24 May 2016, 10h45
Pota, ma qui mi vai sui discorsi esistenziali!

...per proseguire mi servono una birra, una siepe e l'infinito!

grandemago says: RE:
Sent 24 May 2016, 11h39
Pota....facciamo 3 birre e lasciamo perdere la siepe e l'infinito!

stefano58 says: RE:
Sent 24 May 2016, 19h43
È vero, a volte un'escursione banale diventa un'avventura interessante, incontrando anche abitanti del luogo particolarmente socievoli.
Ciao
Stefano

grandemago says: RE:
Sent 23 May 2016, 23h40
.......Evitando certi argomenti per non rischiare di litigare con se stessi!

stefano58 says: RE:
Sent 24 May 2016, 19h33
Capita spesso a Milano, ma non in montagna.
Buon motivo per scappare da Milano appena possibile.
Ciao
Stefano

grandemago says: RE:
Sent 23 May 2016, 23h34
Meglio una pausa in più che in meno......pausa!


Post a comment»