COVID-19: Current situation

Forcella dei Corni mt 1300-anello da Canzo


Published by turistalpi , 8 April 2016, 20h14.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 6 April 2016
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 7:00
Height gain: 1000 m 3280 ft.
Height loss: 1000 m 3280 ft.
Route:Canzo-sentiero Spaccasassi-bivio per Prim'Alpe-sentiero 1-Colma dei Corni-rifugio Sev-Forcella dei Corni-Colma di val Ravella-Acqua del Fò-Colma di val Ravella-Terz'Alpe-sentiero dello Spirito del Bosco-Prim'Alpe-sentiero geologico-San Miro-Gajum-Canzo

Pinuccia vuole immergersi nella primavera......andiamo a fare un giretto nei Corni di Canzo. Lasciamo l'auto al cimitero  di Canzo e tanto per cambiare saliamo dal sentiero Spaccasassi che in passato abbiamo fatto solo un paio di volte in discesa. La salita è piacevole e ripida al punto giusto di fare un salutare movimento fisico. Arriviamo alla Prim'Alpe sempre piacevole luogo di sosta. Dopo il tratto di strada prendiamo il traverso che senza fatica ci porta al ripiano dei Corni dove arriva anche il tratto più ripido dalla Terz'Alpe. LA giornata è bella e come volevamo molto primaverile. Specie lungo questo traverso l'esplosione dei primi fiori è stata uno spettacolo, più avanti nel tempo sarà anche meglio. Dopo breve sosta ripartiamo lungo il sovrastante tratto di ripido sentiero che arriva sulla cresta dove c'è il bel Crocefisso e scolliniamo scendendo per  il sentiero nel versante nord sino al rifugio SEV oggi aperto. Normalmente in questo tratto il panorama sul lago di Como e monti lariani è incantevole ma oggi c'è abbastanza foschia da non fare foto....peccato. Dal rifugio saliamo in breve alla Forcella dei Corni e qui il sentiero è un poco fangoso (lo prevedevamo...). Bella come al solito la sosta pranzo alla Forcella da noi ribattezzata "bocchetta della salute" perché anni fa ci siamo saliti con Pinuccia che aveva una bronchite e stranamente la sera era passata completamente....Anche oggi Pinuccia è convalescente di "malattia di raffreddamento" e quindi speriamo in bene. Mentre Pinuccia si appisolava al sole io ho proseguito un po' lungo il sentiero per il Corno Occidentale pulito e piacevole ma non avevo il tempo di salire in cima perché PInuccia svegliatasi ha cominciato  a chiamarmi.....e quindi dietrofront. Dalla Forcella il sentiero di discesa piacevolissimo e comodo è anche asciutto e ben pulito. Arrivati alla Colma di val Ravella andiamo sino all'acqua del Fò per vedere il grande faggio e fare rifornimento di acqua. Poi scendiamo dalla Colma in direzione della Terz'Alpe anche qui immersi in una folta fioritura di primule,violette ed altri fiori..All'alpe sorpresa: un folto gruppo di persone iniziava la discesa per il sentiero geologico (saranno state 30 o 40 persone!). Noi invece scendiamo dal sentiero "spirito del bosco" molto caratteristico per le numerose statue lignee e di cui avevo conosciuto l'autore in una precedente salita al Colmegnone. Ma questo sentiero ha un'altra caratteristica secondo me: penso che sia stato tracciato per iniziare i bambini alla natura ed alla montagna. Infatti in alcuni tratti ci sono camminamenti su passerelle di legno, poi c'è una specie di labirinto sempre in legno e in alcuni altri punti delle indicazioni forse per provare il senso di orientamento dei fanciulli. Ci sono indicazioni tipo "per di qua", "per di là" oppure "per di giù", "per di su"....insomma il tutto molto attraente per ragazzi e non. Sosta alla Prim'Alpe e poi in discesa optiamo per seguire la prosecuzione dello "spaccasassi" che scende con tornanti  a prendere l'ultimo tratto del sentiero Ackermann passando anche da alcune vasche alimentate con fresca acqua di fiume ed adibite all'allevamento dei gamberi di fiume. Sul sentiero geologico passiamo il ponte e ci troviamo sulla stradina che da Gajum arriva sino a San Miro. Veloce digressione e poi discesa sino a Gajum. Volevo trovare il sentiero (la cartina lo segna) che dal Gajum porta direttamente a via Castello ed invece non l'ho trovato...poi Pinuccia ha anche un piede dolorante per cui più prosaicamente lungo la strada asfaltata torniamo al cimitero di Canzo e terminiamo questo piacevolissimo tuffo di primavera! Ed io come al solito lieto di vedere Pinuccia sorridente e soddisfatta....Alla prossima.

Hike partners: turistalpi


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T2
T2
10 Mar 19
Un giro ai Corni di Canzo · andrea62
T3 II
T2
T2

Comments (2)


Post a comment

Sent 9 April 2016, 08h16
Mà Enrico chi è quella bella signora, con quel bel cappellino ! mi raccomando non staccartene, complimenti.
Luciano

turistalpi says: RE:
Sent 9 April 2016, 09h04
Grazie Luciano dei complimenti.....è il commento più spiritoso e gentile che abbiamo mai ricevuto. Ovvio che non stacco da mia moglie dopo ben 43 anni di vita e montagne insieme. A me piace anche andare da solo ma da un po' di tempo se manca Pinuccia diminuisce il godere appieno della montagna....e poi non c'è chi non è d'accordo con le mie digressioni allungatorie...Ah per il cappellino è un ...cappellone obbligato per protezione solare...Spiace non essere del vostro gruppo ma non teniamo il vostro passo....e le vostre libagioni. Ciao ed auguri di buona salute in montagna Enrico e Pinuccia


Post a comment»