Sasso Bianco e Lago Arcoglio


Publiziert von cai56 , 21. Oktober 2015 um 19:05. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:28 September 2015
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Zeitbedarf: 2:45
Aufstieg: 863 m
Abstieg: 852 m
Strecke:Andata e ritorno 10,57 km
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Milano a S.Pietro Berbenno lungo le statali 36 e 38; si prosegue ancora per varie centinaia di metri lungo la medesima strada fino a trovare sulla sinistra la provinciale che sale a Postalesio (notare l'indicazione turistica "Alpe Colina"). In paese si acquista in comune o in vari esercizi commerciali il pass per le strade forestali (3 euro). Si prosegue poi, con interminabile percorso, lungo tutta la strada - dapprima asfaltata, poi sterrata un po' sconnessa - fino al parcheggio di Q 1800 m circa.

Lago Arcoglio e Sasso Bianco sono i primi waypoints rilevanti (panoramicamente e geologicamente) della tappa di avvio dell'Alta Via della Valmalenco. In questa escursione li si va a raggiungere  - in ordine invertito - dal versante valtellinese, che ha il vantaggio di un avvicinamento in quota con accesso automobilistico. 


Dal parcheggio si continua oltre la sbarra lungo la ripida pista forestale che prosegue fino al gruppo di baite dell'Alpe Colina; qui si presentano due possibilità: continuare con il largo giro della carrareccia oppure salire diritto nel pascolo su vaghe tracce nell'erba fino a convergere comunque presso lo stallone di Colina. Si intercetta la pista forestale che, da destra, proviene da Sondrio e Triangia - molto sconnessa - e la si segue verso monte andando ad affiancarsi alla conca che limita il suggestivo Lago di Colina; si prosegue a tornanti fino ad un piazzale con una serie di serbatoi per l'acqua: qui la traccia scompare nel pascolo. La si ritrova qualche decina di metri più in alto, in cima ad una sorta di costolatura nel centro della valle, e prosegue poi ben delineata in lunghi traversi nei ripidi prati che conducono alla Colma di Zana. Quello che, visto dal basso, appare come un largo valico erboso attraverso una cresta pianeggiante, nella realtà - una volta raggiunto - si mostra come un vago accesso ad un vastissimo altopiano pietroso blandamente discendente verso la confinante Val Torreggio. Prestando molta attenzione ai segnali a vernice ed ai numerosi ometti (concreto rischio di disorientamento in caso di scarsa visibilità) si volge a destra e si rimonta il larghissimo crinale trovando il passaggio nel sempre più fitto accumulo di pietrame calcareo; quando la cresta si restringe e si accentua nella pendenza, la cima del Sasso Bianco - poco rilevata e rilevante - è raggiunta. Scendendo sull'altro versante, si può notare sotto la verticale della vetta una piccola grotta che si spinge per pochi metri come fessura nello spessore delle rocce. Inoltre, già da qui, è ben visibile, verso il fondovalle, il bacino del Lago Arcoglio: si può notare come sia raggiungibile - al di fuori dal sentiero - scendendo direttamente una valletta erbosa con blocchi e lame calcaree sparsi lungo il pendio. Per il ritorno, che dal Sasso Bianco ricalca il percorso di andata, è conveniente seguire il sentiero dell'Alta Via - segnalato con vernici bianco/rossa e gialla - che compie un più comodo ed ampio giro verso sudest.

Tourengänger: cai56, chiaraa


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»