Passo del Vallone (di Ban)- Val Formazza


Publiziert von morgan , 14. September 2015 um 11:38.

Region: Welt » Italien » Piemont
Tour Datum: 6 September 2015
Wandern Schwierigkeit: T5 - anspruchsvolles Alpinwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 8:30
Aufstieg: 1300 m
Abstieg: 1300 m
Strecke:Parcheggio diga Lago di Morasco (1740)- diga-lago- valle del Rio di Sabbione- Rifugio Cesare Mores (2504)- Rifugio Somma Lombardo (2561)- Passo del Vallone (2859) Vallone di Ban- scalone del diavolo- Alpe Nefelgiù (2048)- parcheggio
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Prendere la statale del Sempione, uscire a Crevoladossola, seguire per la Val Formazza, dopo Riale posteggiare alla base della diga del Lago di Morasco.

Impegnativa escursione ad anello in una zona scarsamente frequentata nell'alta Val Formazza.
Il giro programmato prevede la salita dal lago di Morasco nella valle del Rio del Sabbione e la discesa dal vallone di Ban. Avevamo tratto ispirazione da un libro che presentava l'escursione come priva di grosse difficoltà. Ma la relazione era stata scritta una quindicina di anni fa, quando la presenza di neve nei canaloni facilitava la progressione. Ora, con il progressivo arretramento delle nevi perenni la situazione è parecchio cambiata. Nei valloni la neve ha lasciato spazio a terreno detritico instabile che rende problematica la percorrenza. Di fatto il percorso estivo è stato abbandonato mentre, in inverno, il vallone di Ban è frequentato da scialpinisti.
Lasciamo le macchine nel posteggio (1740) alla base della diga del lago di Morasco ed iniziamo la marcia salendo sulla diga e proseguendo sulla strada che costeggia il lago. Alla fine del lago lasciamo la strada piegando a sinistra. Attraversato il Ri del Gries saliamo sul ripido sentiero del lato orografico sinistro lungo la profonda spaccatura della valle del Rio del Sabbione. Raggiunto il pianoro con il bivio per il rifugio Città di Busto, deviamo a sinistra e, attraversato il Rio del Sabbione, riprendiamo a salire sul versante destro della valle. In vista della diga e del lagodel Sabbione arriviamo al rifugio Mores (2504), che è chiuso, e proseguiamo raggiungendo la terrazza panoramica del rifugio Somma Lombardo (2561), chiuso anch'esso. Ricompattato il gruppo facciamo una pausa poi, tornati brevemente sui nostri passi, prendiamo il sentiero per il laghetto di Ban. Su tracce di sentiero saliamo su un percorso segnato da radi ometti. Giunti su un pianoro da dove si vede il sentiero che scende al laghetto svoltiamo a sinistra puntando in direzione del colle a destra della Punta del Vallone. Seguendo un'esile traccia e qualche ometto, su terreno detritico saliamo al Passo del Vallone (2859). Dal passo ci affacciamo al Vallone di Ban dove ci rendiamo conto chela discesa sarà problematica. Non c'è neve ed il primo tratto è ripido e su terreno instabile. Decidiamo di attrezzare una via di calata con la corda. Ci caliamo uno alla volta prestando attenzione a non muovere materiale. Raggiunto un punto sicuro attrezziamo una seconda corda con cui ci caliamo fra massi instabili ma su terreno meno pericoloso. Questa operazione ci ha preso un'ora di tempo. Sempre con molta attenzione scendiamo nella conca dove raggiungiamo un nevaio residuo che agevola la discesa. In un susseguirsi di avvallamenti tra i massi detritici raggiungiamo un'area pianeggiante dove ci concediamo una pausa per lo spuntino. Riprendiamo la discesa su un nevaio quindi risaliamo fra i massi portandoci in vista del lago di Morasco sottostante. Andiamo alla ricerca del sentiero, segnato in cartina, che scende sul lato destro della valle, sentiero chiamato "scalone del diavolo". Dall'alto non riusciamo a individuare il sentiero mentre si vede un'evidente traccia che risale brevemente a destra della valle. Seguiamo il sentiero che ci porta su un dente della cresta ovest della Punta di Morasco dove ci si affaccia al vallone di Nefelgiu. Il primo tratto della traccia sembra scendere decisamente e decidiamo di seguirlo. Dopo alcuni risvolti riusciamo a vedere come prosegue la traccia. E' un esile intaglio sul ripido pendio erboso che prosegue alla stessa quota verso i Gemelli di Ban. Ritorniamo sui nostri passi rientrando nel vallone di Ban. Scendo in avanscoperta alla ricerca del sentiero che riesco ad individuare appena fuori dalla ganda, via segnata anche da alcuni ometti. Avviso i miei compagni che mi seguono. Il sentiero scende sul ripido pendio erboso tra la conca del Rio di Ban e le placche della cresta ovest della Punta di Morasco. Aggirata la base delle placche rocciose la via punta decisamente verso il vallone di Nefelgiu. Arriviamo ai pascoli dell'Alpe Nevelgiu (2048) dove, attraversato il torrente ci ritroviamo sulla strada sterrata verso la cascata del Toce. Deviamo a sinistra su un sentiero che dopo alcuni tornanti scende al parcheggio alla base della diga. 
Partecipanti 7: Roberto, Beppe, Dario, Emilio, Paolo, Mauro, Tommaso.
Tempi di percorrenza: salita 3h30' (2h00' al Somma, 30'sosta, 1h00' al passo); discesa 5h00' (di cui 30'sosta e 1h00' ricerca sentiero)
Lunghezza del percorso: 14,5km
Meteo: fresco e ventoso.

Tourengänger: morgan


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (14)


Kommentar hinzufügen

Max64 hat gesagt:
Gesendet am 14. September 2015 um 15:28
Bravi bel giro
da ripetere prima o poi.
Complimenti
Ciao
Max

morgan hat gesagt: RE:
Gesendet am 15. September 2015 um 08:38
Grazie! E' stato bello percorrere varie tipologie di terreno: pascoli, pietraie, morene, sfasciumi, nevai, il tutto circondati da stupendi panorami. Ciao.
Dario

tignoelino hat gesagt:
Gesendet am 14. September 2015 um 18:00
Bello il Sentiero del Diavolo, complimenti.
Ciao.
roby

morgan hat gesagt: RE:
Gesendet am 15. September 2015 um 08:42
Grazie! Il sentiero del diavolo è bello e panoramico. In confronto ai tratti percorsi prima di trovarlo ci sembrava di essere su una comoda strada. Ciao.
Dario

tignoelino hat gesagt: RE:
Gesendet am 15. September 2015 um 23:39
eh, sì: fatto al contrario, la prima volta, non riuscivo a capire dove era il Passo!! La seconda, venendo dalla punta del ghiacciaio di ban, me la ricordavo, però sempre ostica. Bella

veget hat gesagt:
Gesendet am 14. September 2015 um 20:00
... anello ( da me) percorso in un paio di occasioni in senso "orario". Certamente da non sottovalutare....Anzi!!!
Bravi !!!!
Ciao
Eugenio

morgan hat gesagt: RE:
Gesendet am 15. September 2015 um 08:45
Grazie! Se lo avessimo percorso anche noi in senso orario avremmo avuto meno difficoltà ad imboccare il sentiero del diavolo e a superare gli sfasciumi sotto il passo del Vallone. Ciao.
Dario

wildfrog hat gesagt: Complimenti...
Gesendet am 15. September 2015 um 10:00
... scontati ma sinceri visto la "selvaggità" del giro in una Valle sempre bellissima e frequentata come la Formazza.
Domande (anche se so che è difficile dare un giudizio...):
1) il tratto dal Rifugio Mores al punto dove si vede il Lago dei Gemelli di Ban com'é? Difficoltà?
2) nel tratto tratto di discesa dal Passo del Vallone la corda è assolutamente necessaria?
3) Sentiero del Diavolo, Stessa domanda... com'é? Difficoltà?

grazie e ancora Bravi
A

morgan hat gesagt: RE:Complimenti...
Gesendet am 15. September 2015 um 11:23
Grazie! La Val Formazza è frequentata ma fuori dai sentieri abituali è solitaria e selvaggia.
Risposte.
1) poco prima di arrivare al rifugio Somma si devia a sinistra seguendo una chiara indicazione. Poi il sentiero è segnato da radi ometti ed esili tracce. Non ci sono difficoltà tranne i pochi metri dell'attraversamento di un canalino su terreno friabile poco sopra il rifugio.
2) la corda non è indispensabile per la discesa dal passo, alcuni di noi non l'hanno usata. Bisogna anche stare attenti che la corda stessa non smuova materiale. Il terreno è comunque molto instabile e non ci si può fidare neanche dei massi più grossi. Si hanno meno problemi a percorrere il vallone in salita.
3) il sentiero del diavolo non presenta grandi difficoltà ed è abbastanza ampio per percorrerlo comodamente. Bisogna fare attenzione in un tratto di pochi metri dove il sentiero è franato e, ovviamente, evitare di cadere fuori dal sentiero perché il pendio erboso è molto ripido.
Spero di esserti stato utile. Ciao.
Dario

wildfrog hat gesagt: RE:Complimenti...
Gesendet am 15. September 2015 um 11:36
Grazie gentilissimo... se dovessi farlo (e credo lo farò magari non quest'anno) lo percorrerò in senso contrario
ciao
A

tignoelino hat gesagt: RE:Complimenti...
Gesendet am 15. September 2015 um 23:44
Scusa, morgan: serve solo un buon occhio, gli ometti ci sono, nessuna difficoltà oggettiva.
Ciao, Rana

morgan hat gesagt: RE:Complimenti...
Gesendet am 16. September 2015 um 09:17
Effettivamente il percorso non è mai esposto. Le difficoltà sono nei passaggi tra sfasciumi instabili e nell'individuare la via. Non conoscendo il livello degli interlocutori preferisco essere prudente. Ciao.
Dario

Poge Pro hat gesagt:
Gesendet am 15. September 2015 um 12:07
Bravi bel giro selvaggio.
Da tenere presente per il futuro, magari anche io nel senso inverso.
A.

morgan hat gesagt: RE:
Gesendet am 16. September 2015 um 09:22
Grazie! Anche se si è a poca distanza ed in vista dei rifugi, sentieri frequentati e le località in valle, si in ambiente solitario e selvaggio. Fuori dai sentieri normali non abbiamo incontrato nessuno. Ciao.
Dario


Kommentar hinzufügen»