Anello al Monte Cusna 2120 m


Published by cristina , 8 June 2015, 13h15. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Emilia-Romagna
Date of the hike:30 May 2015
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Mountaineering grading: F
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 1 days
Route:Case di Civago-Monta Ravino-P.so della Volpe-Cima di Vallestrina-P.so di Vallestrina-Il Passone-La Piella-Sasso del Morto-Monte Cusna-Presa Alta-Rifugio Battista-P.so Lama Lite-Rifugio Segheria-Case di Civago
Access to start point:Autostrada A1 uscita Reggio Emilia. Quindi SS63 e SP11 e SP9 fino a Civago. Senza entrare in paese, al bivio tenere la dx proseguire fino all'inizio della sterrata per il Rifugio Battisti. Posteggi a bordo strada. Il sentiero inizio poco prima di questa sterrata.

Come spesso succede solo all’ultimo decidiamo dove andare a passare questo lungo ponte. Al nord il tempo sembra un po’ bizzoso, più giù si va meglio diventa. Troppo giù non possiamo andare ma l’Emilia sembra offrire un buon compromesso. L’Appennino lo conosciamo pochissimo e non abbiamo nulla. Recuperiamo da Poge delle cartine, non il massimo ma meglio di niente! Giovedì sera studiamo qualche giro con l’intenzione di fare tre giorni per evitare il rientro del primo vero week end al mare. Però poi ci faremo prendere la mano e lo stomaco e le cose poi cambieranno.

Partiamo sabato mattina sotto un bel temporale ma a Case di Civago ci aspetta, come promesso un bel sole.

Posteggiamo all’inizio della sterrata per il Rifugio Battisti, torniamo indietro di qualche metro e troviamo il cartello Cai “Monte Cusna 6 h”, ah però!!!

Il sentiero anche se parecchio inerbato è ben segnato e visibile fino al raggiungimento di una franetta e successivo attraversamento di un torrentello. Qui la natura ha dato il meglio di sé, il sentiero è franato. Ci inerpichiamo tra sassi semoventi e ortiche ma non vediamo traccia del proseguimento del sentiero. Continuiamo a salire ripidi nel bosco di larici, a tratti spalmati a pelle di leopardo ma è solo l’unica difficoltà, il ripido. Grazie al GPS ritroviamo il sentiero sopra di noi da qui in poi nessuna altra difficoltà.

Attraversiamo una sterrata e andiamo a prendere la cresta per il Monte Cusna. Cresta che seguiremo, fino al Passone passando il Monte Ravino, P.so della Volpe, Cima di Vallestrina, P.so di Vallestrina e quindi Passone. Al colle è stato messo uno strano aggeggio formato da più flauti che grazie all’immancabile vento emettono una sorta di musichetta. Rimprendiamo la salita passiamo altre due cimette, una nemmeno ce ne accorgiamo e raggiungiamo la base del Cusna. Saliamo alla cima dalle facili roccette (c’è un’alternativa che le evita) e raggiunta la croce, panorama è quasi nullo! Eh sì nel frattempo il meteo si è guastato e il panorama ne risente un po’, pazienza!

Scendiamo verso Presa Alta e al bivio per il rifugio Battisti, pensiamo bene di andare dalla parte opposta, continuando per Presa Alta. Un bellissimo traverso e una discesa molto ripida nel bosco ci portano a una sterrata, dove dai cartelli ci rendiamo conto di aver allungato di parecchio ma non solo, ci tocca risalire di circa 400 m. A un certo punto ci era sembrato che il sentiero scendesse un po’ troppo!

Per fortuna la risalita è comoda e quasi tutta all’ombra. Giunti al rifugio facciamo una bella sosta e chiediamo lumi sul sentiero più veloce per tornare al posteggio. Quello più veloce purtroppo lo sconsigliano per via di guado che al momento potrebbe creare un po’ di difficoltà per cui non ci resta che salire al P.so Lama Lite, scendere al rifugio Segheria e quindi posteggio.

Arriviamo al posteggio un po’ più tardi del previsto. Ci aspettano ora 2 ore di macchina per raggiungere Fanano e il rifugio Taburri.


Hike partners: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (8)


Post a comment

Menek says:
Sent 8 June 2015, 20h05
E si va alla grandeeee

cristina says: RE:
Sent 9 June 2015, 11h51
Ci piacerebbe trovare delle cartine decenti del parmense e piacentino, hai qualche suggerimento?

Menek says: RE:
Sent 9 June 2015, 20h33
L'unica cosa che so di certo è che si possono acquistare in loco... cioè, se vai in Valtrebbia fermati a Bobbio e trova l'edicolante giusto! Ma in verità le edicole giuste sono poche...
Comunque io ho un amico a Bobbio, se le trova vi posso dare una mano... va bene così?

cristina says: RE:
Sent 10 June 2015, 08h32
Se trovi qualcosa di decente fai un fischio...abbiamo trovato qualcosa della provincia di Reggio e Modena ma lì bisogna andarci per forza per un week o più invece Piacenza e Parma potrebbero tornare più utili.

Grazie comunque. Ciao Cri

gbal says: RE:
Sent 10 June 2015, 21h42
Che ve ne pare?
http://maps.kompass.at/?expanded=false#lat=44.11624093993749&lon=10.749307958068801&z=11&s=KOMPASS%20Touristik
zooma, zooma, zooma e arrivano i sentieri.
Ciao Giovani Marmotte!

Menek says: RE:
Sent 11 June 2015, 09h36
Bella Giulio!

cristina says: RE:
Sent 11 June 2015, 09h54
Ma tu sei un mostro! Se non ci fossi dovremmo inventarti!!!!

Ciao Cri

Andrea! Pro says: RE:
Sent 13 June 2015, 12h29
Prova anche questo:

http://servizimoka.regione.emilia-romagna.it/appFlex/sentieriweb.html


Post a comment»