Finalmente Greina! Pizzo Coroi (2785 m.)


Publiziert von micaela , 23. Oktober 2014 um 16:06.

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum:27 September 2014
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-GR   CH-TI   Gruppo Pizzo Corói   Gruppo Piz Terri   Gruppo Pizzo di Cassimoi 
Zeitbedarf: 5:00
Aufstieg: 1176 m
Zufahrt zum Ausgangspunkt: Seguire la val di Blenio sino a Olivone , poi prendere la direzione Campo Blenio e proseguire sino a Ghirone per finalmente salire sino alla diga del Luzzone (grande parcheggio)
Unterkunftmöglichkeiten:Capanna Motterascio-Michela (1271m )
Kartennummer:CNS 1233 / Greina

- Guida: Guida delle Alpi Ticinesi, vol. 3, di Giuseppe Brenna.
"Il nome Coroi deriva dal dialetto leventinese, e significa corona" .
-Per più ampie informazioni sulla Greina raccomando il libretto del naturalista Angelo Valsecchi: GREINA, LA NOSTRA TUNDRA (edito dal CAS - Ticino), che spazia sapientemente  nei vari aspetti di questa meravigliosa ed unica zona: niente di tutto questo scappa alla competente ed entusiasta attenzione di Valsecchi. Non a caso ha collaborato con Giuseppe Brenna ai capitoli su flora e fauna delle guide del CAS. 
-Raccomando inoltre la lettura dell' articolo del giornalista-viaggiatore Paolo Rumiz: LE CASE DEGLI SPIRITI: LA TUNDRA DEL TICINO, nella "Repubblica" del 25 agosto 2011, che esiste anche sotto forma di dvd: LE DIMORE DEL VENTO, edito dallo stesso giornale.


Da quando ho scoperto la meravigliosa Greina non manco mai di passarci qualche giorno ogni estate, onde bearmene e riempire il cuore delle sue bellezze -da custodire preziosamente durante tutto l ' arco della stagione fredda.
IN GREINA L' ANIMA SI RIEMPIE D ' INFINITO.

Cooosa? ci sono hikriani che non conoscono la Greina? in fondo alla classe col berretto d ' asino!

Quando salgo in Greina, la capanna Michela è sempre il mio punto d ' appoggio. Lì mi sento come a casa.
Cooosa? non conoscete i suoi mitici guardiani Ornella e Mimo? Accoglienti, cordiali, bravi cuochi (a cena non mancano gli applausi  a scena aperta per la squisitezza dei cibi) e bravissimi conoscitori della zona tutta!
E le torte dell ' Ornella? Parliamone pure. Cooosa? non conoscete le torte dell' Ornella  male, male, è urgente rimediare!

Ordunque lascio l' auto nel grande parcheggio della diga del Luzzone; mi vergognerei a guidare sino all ' alpe Garzott; poi, costeggiare il lago, pur artificiale, e magari chiaccherare con un qualche pescatore mattiniero è sempre una gioia!
Arrivano le mucche che scendono dall ' alpe Motterascio: non sembrano felici di lasciare i loro monti, o mi sbaglio? comunque il loro sterco farà le veci dei segnavia sino in capanna.
Abbraccio uno dei più vecchi larici del Ticino -poco dopo il bivio che conduce in val Scaradra -, un mio rito. Ciao al me ratin Denise!
(Di questo larice parla Ely Riva nel suo libro di foto in bianco e nero "Alberi" edito dalla STAN).
Da Garzott si costeggia la gola scavata dal torrente Garzora, stupendo fjordo dal profondo blu. La facile salita continua dapprima nel bosco poi su sentiero sassoso. Poco prima dell ' arrivo in capanna si offre agli occhi la bella cascata dalle chiome argentee.
Corro ad abbracciare Ornella e Mimo.
Dalla terrazza ammiro i mitici Sorda, Punta di Scaradra e Torrone di Nav della cui zona leggemmo recentemente  ascensioni fatte dai non meno mitici Tapio, Poncione o Igor .
Riparto in direzione di Crap la Crusch e scendo a sinistra del pianoro con il "cimitero degli ometti "(chissà perchè dalla prima visita mi venne questa definizione -senza alcun sottinteso macabro, badate bene).
Scegliendo liberamente il mio percorso risalgo i pendii erbosi che sovrastano il Ri di Motterascio, sino a raggiungere la larga cresta che più o meno segue la scritta "Alpe Coroi" sulla cartina CNS, con tracce di sentiero e qualche ometto.
Arrivata a una piccola depressione nella cresta, alla quale mi sono sempre fermata per ammirare la varietà di rocce e sassi rossastri e biancastri, risalgo la pietraia di fronte a me, fino a scorgere l ' evidente sentierino stretto che segue la cresta ENE del Coroi su roccette facili poi scisti che mi portano all' ometto di cima.
Ripenso a salite precedenti, di cui una pericolosa per la Fifona come mi autodefinisco: dalla bocchetta di Larciolo (2340 m., senza nome sulla carta) 2 ore a cercar passaggi tra innumerevoli piccoli rii scivolosi, prati con roccette scoscesissimi, su e giù di 30/40 metri senza sosta...sino a rinunciare...per una discesa non meno tosta!
Ed a una seconda, organizzata dal CAS - Ticino, col bravissimo Angelo Valsecchi, appunto, a mò di guida ad entusiasmarci con le sue conoscenze su ogni aspetto naturalistico della zona: avete in mente quegli scienziati di gran caratura, col carismatico dono di far capire anche al tapiro concetti altissimi (che ne so, la fissione atomica, la vita degli amibi nel profondo oceano)?!!
In discesa seguo per qualche centinaio di metri il sentierino che accompagna la cresta in direzione della capanna Scaletta, ravanando poi liberamente, lungamente, anche talvolta difficoltosamente tra scoscese ganne, roccette, ciuffetti d ' erba, barre rocciose, e felicemente nelle orme degli ungulati gentilmente messe a disposizione;  passando poi dal bel laghetto a quota 2593 , arrivo sul sentiero che proviene dal Passo Greina/Pass Crap (sasso).
Cala la sera. Pioggerellina finale per l ' arrivo in capanna, con sgridata affettuosa dei guardiani, preoccupati di non avermi trovata seduta a tavola per l ' ora di cena!


Tourengänger: micaela


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (16)


Kommentar hinzufügen

tapio hat gesagt:
Gesendet am 23. Oktober 2014 um 16:42
Finalmente Corói!
Ottima bibliografia, ottime foto con uno spiccato accento personale e una relazione come poche se ne leggono! Complimenti Micaela!
Io, il Corói, non l'ho ancora salito: dovevo andarci una volta con gli sci ma poi, per aggregarmi ad un gruppetto di altri skialper incontrati lì per lì a Ghirone, avevo finito per salire sull'altro versante della Greina. Rimedierò.

Ciao, Fabio

micaela hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. Oktober 2014 um 16:53
Grazie, Fabio! scritti da te che ammiro dal primo leggerti, i complimenti scaldano il cuore!
Con pazienza ti aspetta il Coroi, tu avvezzo a suoi più guerrieri fratelli!
Ciao, Micaela

Poncione hat gesagt:
Gesendet am 23. Oktober 2014 um 21:22
Ottimo Micaela, il Coroi è senz'altro una bella cima da dove poter ammirare da vicino i 3000 della Greina e della Scaradra: l'ho in agenda da diverso tempo e non dispero di salirci prima o poi. Foto splendide e particolari.

Ciao

micaela hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. Oktober 2014 um 21:27
Grazie di cuore, Emiliano! Avvezzo pure tu a cime più "guerriere" non mancare di salire sullo scurissimo ma dolce Coroi!
Ciao, Micaela

Poncione hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. Oktober 2014 um 21:52
Con le "cime guerriere" è bello guerreggiare, ma con quelle dolci è altrettanto bello amoreggiare.
Dunque non mancherò.

micaela hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. Oktober 2014 um 22:13
Avrai capito che la guerra non c' entra, era solo un modo per definire voi salitori che ammiro!

micaela hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. Oktober 2014 um 22:16
(...e mi piace molto l'amoreggiare...pure con le cime per me difficili)
Ciao, Micaela

gbal hat gesagt:
Gesendet am 23. Oktober 2014 um 21:44
Cara Micaela, avevo deciso di partire a leggere in modo random le tue 4 relazioni ma poi ho fatto marcia indietro e ho deciso di seguire il loro ordine naturale perchè mi sono accorto che avrei perso la "storia" che c'è dentro e ne è ingrediente importante. Ed ora che dire? Dico che scrivi in modo davvero simpatico pur con tanti riferimenti storici, geografici e naturalistici cui ci hanno abituato solo pochi relatori come tapio, siso e pochi altri.
Davvero brava e.....lasciami dire....Coraggiosa, altro che Fifona; non sono molti quelli che amano avventurarsi, sia pure su vie conosciute, in solitudine.
Comply

micaela hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. Oktober 2014 um 22:22
Grazie Giulio! mai avrei pensato un paio di mesi fa di:
1. scoprire per caso il sito
2. commentare relazioni altrui, imparando a conoscere, sia pure solo attraverso testo e foto, belle persone
3. essere accolta così calorosamente da voi
4. riuscire a domare la bestiaccia "computer" sino a pubblicare anch' io
5. ricevere bei complimenti come i tuoi
Grazie ancora, Micaela


Menek hat gesagt:
Gesendet am 23. Oktober 2014 um 22:40
Non solo ho il berretto d'asino, ma sono anche dietro la lavagna! Sic!

micaela hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. Oktober 2014 um 23:18
Torna subito in classe in mezzo ai tuoi compagni, Domenico!
Quante cime, luoghi, escursioni saliti e/o visitati da te di cui non conosco neppure il nome!!! Saremmo in tanti, dietro alla lavagna...
Semplicemente, sono così innamorata della Greina che vorrei tutti la conosceressero: vedrai, succederà un giorno anche a te... e allora...apriti, o cuore!
Ciao, Micaela

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 24. Oktober 2014 um 09:21
Di sicuro gli stai facendo una grossa pubblicità alla Greina... chissà un giorno...
Ciao, Domenico

froloccone hat gesagt:
Gesendet am 24. Oktober 2014 um 19:28
La Greina è un capolavoro della natura e tu l'hai dimostrato con le bellissime foto!!!!!Complimenti e continua così!!!!!!Ciao ALE

micaela hat gesagt: RE:
Gesendet am 24. Oktober 2014 um 19:40
Grazie, Ale, per il tuo entusiasmo!
Eccome, che continuerò così!
Ciao, Micaela

patripoli hat gesagt:
Gesendet am 24. Oktober 2014 um 20:07
Un'altra bella storia......
Grazie!

micaela hat gesagt: RE:
Gesendet am 24. Oktober 2014 um 20:20
Grazie a te, Patrizia!
Ti auguro un bel fine settimana nella Natura, ciao!
Micaela


Kommentar hinzufügen»